QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Nuovo trattamento promettente contro il cancro cervicale: “Questo è un punto di svolta”

Nuovo trattamento promettente contro il cancro cervicale: “Questo è un punto di svolta”

Abbiamo lavorato su una ricerca durata circa dieci anni 500 partecipanti. In questo gruppo il cancro cervicale è stato diagnosticato in uno stadio avanzato. La metà del gruppo ha ricevuto il nuovo trattamento, che consisteva in un ciclo di chemioterapia di sei settimane combinato con radiazioni (chemioterapia) e radiazioni “solite”. L’altra metà ha ricevuto il trattamento standard.

Dopo cinque anni, l’80% di coloro che hanno ricevuto questo nuovo trattamento erano vivi e nel 73% il cancro non si era ripresentato né si era diffuso. In confronto, nel gruppo di trattamento “standard”, il 72% era ancora vivo e nel 64% il cancro non si era ripresentato né si era diffuso.

Punto di svolta

Il ginecologo Ruud Beckers dell’ospedale Katarina di Eindhoven si è espresso “molto positivamente” sulla ricerca. “Se si guardano i risultati, la differenza è ancora significativa dopo dieci anni. Non ci sono molti nuovi trattamenti che ottengono nuovi guadagni del 10% dopo un lungo periodo. Questo è il caso di questo trattamento, ed è per questo che è sicuramente promettente.”

I farmaci per questo trattamento sono relativamente economici e sono già stati approvati per l’uso sui pazienti. Secondo Beckers è probabile che questo nuovo trattamento arrivi anche nei Paesi Bassi per la cura del cancro del collo dell’utero.

“Inizierà sicuramente una conversazione su questo argomento. Un collega ha detto che sarebbe un punto di svolta. Un altro comitato nei Paesi Bassi esaminerà la ricerca e se ci sono prove sufficienti per i risultati. Ma per me, dovremmo offrire questo a pazienti.”

Il cancro cervicale viene spesso diagnosticato nelle donne intorno ai 30 anni. Tuttavia, può verificarsi anche nelle persone anziane, motivo per cui Becker preferisce che venga presa in considerazione anche la prevenzione della malattia. Come la vaccinazione contro il papillomavirus umano. “Se tutti lo prendessero, in pochi anni non avremmo più questo problema”.

READ  Il virus Corona sembra svilupparsi alla velocità della luce a volte