QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Organizzazione Panamericana della Sanità: lavorare sodo per ottenere il 70 per cento di immunizzazione

Dal momento che la regione ora ha “abbastanza vaccini per proteggere tutti, anche i più vulnerabili”, ha affermato il dirigente dell’APHO, è giunto il momento di “trasformare i vaccini in immunità”. Per l’ottava settimana consecutiva, il numero di casi di COVID-19 nella regione interamericana continua ad aumentare, ha affermato Carissa Etienne, direttrice dell’Organizzazione panamericana della salute (PAHO).

Invita i paesi a intensificare gli sforzi per raggiungere l’obiettivo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità del 70% di copertura vaccinale entro la metà del 2022. La scorsa settimana, i paesi della regione hanno segnalato oltre 1,2 milioni di nuovi casi di COVID-19, un aumento dell’11% rispetto al la settimana precedente. “Grazie agli sforzi dei donatori e dei governi nazionali, ora abbiamo le forniture e il supporto finanziario e tecnico per aiutare i paesi a raggiungere l’obiettivo del 70 per cento”, ha affermato ieri il direttore in una conferenza stampa.

priorità
“La nostra priorità ora deve essere trasformare i vaccini in immunità, assicurarci che le dosi che otteniamo entrino nelle braccia delle persone e salvino vite”. Ma mentre 16 paesi e territori della regione hanno già vaccinato il 70% della popolazione ammissibile, dopo Colombia, Bermuda ed El Salvador al 65%, altri 11 paesi devono ancora raggiungere una copertura vaccinale del 40%.

Dall’inizio del COVAX nel 2021, il PAHO Revolving Fund ha fornito oltre 142 milioni di vaccini ai paesi della regione panamericana e, grazie agli sforzi di donatori e governi, la regione ha ora il supporto finanziario e tecnico di cui ha bisogno per aiutare tutti Paesi. Per aiutare a raggiungere l’obiettivo del 70 per cento, dice Etienne.

Ha aggiunto che è quindi “di fondamentale importanza che i paesi raddoppino i loro sforzi per proteggere le persone più a rischio”, inclusi gli anziani, le persone con bassa immunità, gli operatori sanitari e le donne in gravidanza. Per fare ciò, devono allineare i loro sforzi con le preoccupazioni in corso sui vaccini e lavorare con le comunità per sviluppare strategie nelle aree in cui la copertura è debole.

READ  Contando i morti nelle favelas del Brasile: "come in guerra"

Poiché alcuni paesi iniziano a ridurre le dimensioni dei centri di vaccinazione locali, come quelli nei negozi di alimentari, nelle scuole e nei mercati locali, Etienne ha esortato i governi a continuare a utilizzare le risorse con saggezza ea cercare di raggiungere le persone ovunque si trovino.

Rischi emergenti
“La pandemia di COVID-19 non è un problema a breve termine”, ha affermato il direttore della Pan American Health Organization. Poiché l’ultima ricerca dell’Organizzazione Panamericana della Sanità sui servizi sanitari essenziali mostra che le vaccinazioni di routine sono state gravemente interrotte dalla pandemia, è imperativo che i paesi integrino la vaccinazione contro il coronavirus nei loro programmi nazionali di immunizzazione “in modo da avere servizi solidi per fornire vaccini di routine , Espandere la copertura COVID e prepararsi meglio per le emergenze future”.

Etienne ha anche sottolineato che i recenti casi di vaiolo delle scimmie e di epatite acuta sottolineano la necessità di costruire sistemi sanitari più resilienti in grado di rispondere rapidamente a rischi nuovi ed emergenti. Per garantire ciò, PAHO sta lavorando per supportare e formare gli operatori sanitari per contribuire a ridurre la carenza di 600.000 operatori sanitari nella regione.

“Ora è il momento per i paesi di prendere tutto ciò che abbiamo imparato dalla risposta alla pandemia e impegnarsi a investire in sistemi sanitari più forti e resilienti”, ha affermato. Per quanto riguarda la situazione COVID-19 nella regione, i casi in Nord America sono aumentati del 71% la scorsa settimana in Messico, gli Stati Uniti hanno riportato un aumento del 2% dei ricoveri e un aumento del 4,2% del numero di ritiri in terapia intensiva.

Il Sud America ha registrato un aumento del 20% dei casi, mentre le nuove infezioni nei Caraibi sono aumentate del 3,7%. L’America centrale è stata l’unica sottoregione a segnalare una tendenza al ribasso, con una diminuzione del 32% dei casi di COVID-19 e una diminuzione del 36% dei decessi.

READ  Cos'è il vaiolo delle scimmie? Ha spiegato i sintomi dell'infezione, come è stato infettato il virus e se è stato fatale