QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Portiere italiano belga, aspetta un’occasione con i Flames da 8 anni | Fiamme rosse

Il numero è uno, நம்பர் ஒன். In Italia, Diede Lemey (25) è stato nominato miglior portiere della Serie A. Al Sassuolo è una delle stelle ogni settimana, ma il portiere dei Red Flames aspetta da otto anni una vera occasione in modo diverso. “Ho imparato ad affrontare battute d’arresto e scelte”.

Il portiere della nazionale italiana femminile gioca nel Milan. Il campione della Juventus detiene il titolo francese tra le fila. Ma guarda, il giocatore belga Deede Lemi ha appena vinto oggi il titolo di Serie A come miglior portiere del torneo.

Non c’è nessuno che lo metta in dubbio. Lemi ha raggiunto un punto particolarmente alto per Sacuolo, che è arrivato quarto in questa stagione. Il vincitore della partita belga è uno contro uno con una parata decisiva o un rigore sbagliato.

Il suo bilancio in Serie A: 22 partite giocate, 9 reti inviolate e un tasso di parata del 74,2%.

“Personalmente questo potrebbe essere l’anno più bello della mia carriera”, brilla il portiere tra i due allenamenti. “Ho giocato a calcio e ho fatto passi avanti, inclusa la mia presenza.

Sogno italiano

Nonostante le sue impressionanti prestazioni all’estero, Lemi è ancora sconosciuto ai tifosi belgi. Per quanto riguarda il riconoscimento del nome, non è nella linea di Tessa Wullert o Janice Cayman.

Perché è emigrata da Anderlecht in Italia in giovane età. L’amichevole con la Nazionale contro Le Azzurre l’ha messa nel radar dei club di Serie A.

Dopo il diploma di maestra d’asilo, si trasferisce a Verona. “Tuttavia, ho esitato a lungo”, ammette. “Ma il mio ambiente mi ha convinto che avrei dovuto sfruttare l’opportunità, altrimenti me ne sarei pentito”.

Qui ci alleniamo due volte al giorno in strutture parallele per uomini.

Diede Lemey

Cinque anni dopo, Lemmy non si è pentito della sua scelta. “Sono cresciuto qui come calciatore e persona”, dice il portiere, notando che in Italia si lavora in modo più professionale rispetto al nostro calcio femminile.

“Nessuno è professionista in Belgio, tutti i giocatori sono qui. Ci alleniamo qui due volte al giorno nelle stesse strutture degli uomini. All’Anderlecht sono le otto, dopotutto… la differenza è enorme. Dal prossimo anno saremo ufficialmente affiliato a vari benefici come il risparmio pensionistico.

Attendo con impazienza l’opportunità al Flames

C’è un altro motivo per cui Lemmy non è un nome affermato. Ai Red Flames, il portiere ha avuto 53 selezioni ma non ha 7 presenze.

L’allenatore della nazionale Ives Cherniels ha sempre amato Justin Odors (Underlite) e Nicki Evrod (KAA Gent) negli ultimi anni. Di recente, Lemi Pinoter si è rivelato nel trofeo, ma non ha avuto l’occasione numero uno.

Questa è una decisione che viene messa in discussione da molti attivisti in tutto il mondo.

Lemmy non ha perso qualche riconoscimento nel suo paese d’origine? Quando le è stato chiesto, respira profondamente: “Mentirei se dicessi di no: ogni atleta vive per giocare per il suo Paese. L’allenatore della nazionale sa che sono deluso, ma è una scelta di gioco e solo un posto.

Voglio essere fisicamente e mentalmente pronto, quindi non posso decidere in anticipo chi è il numero uno.

Diede Lemey

“Negli anni ho imparato ad affrontare meglio battute d’arresto e scelte come questa. Non ne discuto con l’allenatore, ma chiedo sempre cosa devo fare per migliorare”.

Lemmy non vuole fare grandi dichiarazioni sull’imminente Campionato Europeo in Inghilterra. “Spero di avere prima un buon prodotto, quindi sono sicuro della mia scelta. È un altro mese e mezzo lungo e intenso. Voglio essere pronto fisicamente e mentalmente, quindi chi verrà prima non verrà deciso in anticipo.

Il premio vincente può già essere considerato un argomento aggiuntivo.

Lemmy è con i Red Flames da 8 anni, ma non da 7 cappelli.

Dai un’occhiata alla collezione di Lemi qui sotto

READ  Eden gravemente ferito (5) ha perso genitori, fratello e nonni nel dramma della funivia italiana | All'estero