QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Quali paesi sostengono ancora la Russia nella guerra contro l’Ucraina?

La volontà di invitare la Russia nel regime non è minima come in Africa. Diciassette paesi del continente si sono astenuti dal voto all’Assemblea generale delle Nazioni Unite all’inizio di questo mese. Ciò rappresenta quasi la metà dei 35 paesi che si sono astenuti dal voto in tutto il mondo.

Le ragioni dell’astinenza variano. Alcuni paesi ricevono supporto militare dalla Russia, come Repubblica Centrafricana, Mozambico e Mali. La Repubblica Centrafricana sta trovando il suo più forte alleato in Russia: nel 2017, circa 2.000 mercenari russi del Gruppo Wagner hanno sostenuto il regime del presidente Faustin-Arcangelo Touadera nella sua lotta contro la coalizione dei gruppi armati ribelli.

Sebbene la Russia neghi qualsiasi affiliazione con Wagner, questo gruppo è di fatto di proprietà dell’oligarca Yevgeny Prigozhin, uno stretto collaboratore di Putin voluto dall’FBI per interferire nelle elezioni statunitensi del 2016. In cambio, le aziende russe ottengono oro, tra le altre cose. Miniere di diamanti nella Repubblica Centrafricana.

Anche altri paesi in cui Wagner era o era attivo, come Sudan, Sud Sudan, Mozambico e Madagascar, hanno rifiutato di commentare l’invasione. Proprio come il Mali, che ha consolidato i legami con la Russia dal colpo di stato militare del maggio dello scorso anno, a spese del suo ex colonizzatore e tradizionale alleato della Francia. E il governo ha rivelato, lo scorso gennaio, di aver schierato mercenari russi per combattere i gruppi armati estremisti che stanno affliggendo gran parte del nord e del centro del Paese.

Le nazioni blu hanno votato per gli Stati Uniti per condannare l’invasione russa. voce rossa vs. Il giallo si è astenuto dal voto. I rosa non erano presenti alla votazione.Statua di Bart Friso

Guerre d’Indipendenza

Alcuni astenuti hanno legami storici con la Russia, come l’Angola, il Congo-Brazzaville e l’Algeria. Questi rapporti spesso risalgono alle guerre di indipendenza dopo la seconda guerra mondiale, quando l’ex Unione Sovietica consigliò e inviò equipaggiamenti e talvolta truppe per sostenere la lotta.

Le bandiere dell’Angola e del Mozambico, disegnate dopo l’indipendenza, sono un chiaro ricordo di questa influenza storica con il loro aspetto socialista. La bandiera nera e rossa dell’Angola presenta un ingranaggio, una falce e una stella. In Mozambico, oltre all’asterisco, c’è anche una pala e un fucile automatico Kalashnikov.

Alcuni legami storici non sono stati interrotti. L’Algeria acquista ancora quasi 1 miliardo di euro in armi ogni anno, il che la rende il più grande importatore di armi russe nel continente. L’Angola importa ogni anno più di 100 milioni di euro di materiale bellico dalla Russia.

neutro

C’è un altro gruppo di paesi che affermano di rimanere neutrali per non creare divisioni, come il Sud Africa, la Tanzania e il Senegal. Il Sudafrica afferma di essere un membro del Movimento dei non allineati, fondato durante la Guerra Fredda da paesi che cercavano di rimanere fuori dal conflitto tra Oriente e Occidente. Il Sudafrica ha anche legami storici con la Russia, che ha sostenuto finanziariamente e militarmente l’African National Congress al governo nella lotta contro l’apartheid.

Africa occidentale Il Senegal ora presiede l’Unione africana e da questa posizione il presidente Macky Sall si è affermato come negoziatore di pace. La scorsa settimana ha dichiarato su Twitter di aver parlato con Putin di un “cessate il fuoco sostenibile”. D’altra parte, il Senegal ha convocato l’ambasciatore ucraino sul suo account tramite un post su Facebook in cui l’ambasciata ha invitato i senegalesi a combattere in Ucraina. L’ambasciata ha dovuto rimuovere la lettera.

Vladimir Putin e Faustin-Archange Touadera, Presidente della Repubblica Centrafricana, nel 2019. Immagine Sergei Fadeichev / TASS

Vladimir Putin e il presidente della Repubblica Centrafricana, Faustin-Archange Touadera, nel 2019.Statua di Sergei Vadichev / TASS

Isolamento asiatico

Molti paesi asiatici non vogliono condannare l’invasione russa, ma non vogliono nemmeno sostenerla. 14 membri asiatici delle Nazioni Unite si sono astenuti dal votare in Assemblea Generale una risoluzione contro la guerra in Ucraina. Potrebbero essercene di più se tutti i seggi delle Nazioni Unite appartenessero al governo che in realtà governa il paese.

Interessante la posizione delle superpotenze Cina e India. Si oppongono regolarmente l’un l’altro ai loro confini, ma quando si tratta del conflitto in Ucraina, entrambi scelgono l’isolamento. Per la Cina, che ha potere di veto nel Consiglio di sicurezza, questa sembra essere un’opzione essenzialmente tattica.

buone cornici

Le relazioni tra il leader cinese Xi Jinping e il presidente russo Vladimir Putin sono buone, poiché si sono rafforzate durante i recenti Giochi invernali di Pechino. Secondo gli Usa, la Russia ha chiesto il supporto militare alla Cina, cosa che Pechino nega.

Entrambi i paesi si oppongono al dominio statunitense sulla politica mondiale, ma la Cina lotta con il principio di non interferenza. Quando si tratta di affari interni, la posizione è chiara: il resto del mondo non dovrebbe interferire in ciò che accade nello Xinjiang, in Tibet o a Hong Kong. Negli affari internazionali, la questione è più complicata: Pechino ora crede che altri paesi non dovrebbero interferire negli affari russi, o crede che Putin dovrebbe rimanere lontano dall’Ucraina? Ci sono anche collegamenti con questo paese, anche attraverso la Nuova Via della Seta.

Vladimir Putin e il presidente cinese Xi Jinping nel febbraio di quest'anno.  foto ANP/EPA

Vladimir Putin e il presidente cinese Xi Jinping nel febbraio di quest’anno.foto ANP/EPA

Il termine “sicurezza globale per tutte le parti coinvolte” offre una soluzione ai cinesi: questo è un termine usato principalmente dalla Russia per cercare di comprendere la sua opposizione all’espansione della NATO. Se l’Ucraina si unisce all’alleanza, violerà la sicurezza russa. Adottando questo termine, Pechino chiarisce di comprendere la posizione della Russia. E anche la Mongolia, stretta tra Cina e Russia, sta rifuggendo dall’attenzione.

L’India ha tradizionalmente avuto ottimi rapporti con la Russia e piuttosto con l’Unione Sovietica. Inoltre, una parte significativa delle armi indiane proviene dalla Russia. Durante la Guerra Fredda, l’India è stata uno dei predecessori delle nazioni non allineate che si sono rifiutate di schierarsi. Ma nello spiegare il voto, la delegazione indiana ha chiesto “la fine immediata di violenze e ostilità”, che sembrava essere una critica alla Russia. La più grande democrazia del mondo non può far passare l’invasione di un paese indipendente.

I talebani non prendono posizione

Come India, Pakistan, Bangladesh e Sri Lanka si sono astenuti. Il governo talebano in Afghanistan ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma di non prendere posizione sull’invasione russa dell’Ucraina. Ma ai talebani non è stato chiesto nulla, dal momento che il seggio afgano alle Nazioni Unite è ancora detenuto da un rappresentante del precedente governo democraticamente eletto.

Anche Iran e Iraq si sono astenuti dal voto. L’Iran è uno dei più importanti alleati della Russia in Medio Oriente – in Siria, tra l’altro, i due paesi si uniscono nel sostegno al regime – ma ora il paese sembra voler giocare un ruolo sicuro non schierandosi con troppa forza . Tuttavia, secondo l’Iran, la guerra è chiaramente colpa dell’Occidente: il ministro degli Esteri Hossein Amir Abdollahian attribuisce il conflitto alle “provocazioni della NATO”.

Vladimir Putin e il presidente del Kazakistan Nazarbayev nel 2018. Immagine AP

Vladimir Putin e il presidente del Kazakistan Nazarbayev nel 2018.immagine AP

L’Iraq è incerto, essenzialmente invita entrambe le parti a negoziare. Lo Stato dice di non voler votare a favore o contro, vista la sua recente esperienza con la guerra. Alcuni iracheni stanno prendendo una posizione più chiara: diversi striscioni pro-Putin sono apparsi improvvisamente a Baghdad la scorsa settimana, accompagnati dallo slogan “Noi sosteniamo la Russia”. Il governo ha rapidamente rimosso gli striscioni affissi dai sostenitori delle milizie sostenute dall’Iran.

L’Asia centrale ha scelto principalmente la neutralità. Le ex repubbliche sovietiche in questa regione vogliono mantenere buone relazioni con la Russia e hanno anche forti legami con la Cina, che sta investendo miliardi attraverso la Nuova Via della Seta. Ciò che è notevole è la posizione del Kazakistan, che ha promesso aiuti umanitari all’Ucraina. All’inizio di quest’anno, Mosca ha inviato truppe nel paese vicino per reprimere i disordini civili. Nonostante questo sostegno russo, il Kazakistan sta ora adottando una posizione un po’ più indipendente.

C’è poco sostegno per la Russia nel sud-est asiatico, con solo Vietnam e Laos che si sono astenuti alla riunione delle Nazioni Unite. La giunta militare del Myanmar è completamente dietro Mosca, ma la sede di quel Paese è ancora occupata – come nel caso dell’Afghanistan – da un rappresentante del precedente governo.

Socialismo antiamericano

L’America Latina sostiene in gran parte la condanna della Russia, ma alcuni paesi sfuggono a questa immagine: Cuba, Nicaragua e Bolivia. Tre paesi socialisti sono fondamentalmente contrari all’egemonia statunitense nella loro parte del mondo.

Dopo la rivoluzione degli anni ’50, Cuba ha stabilito relazioni con l’Unione Sovietica. Alcuni anni dopo, durante la crisi dei missili cubani, ciò portò quasi a un conflitto armato con gli Stati Uniti. E sebbene la Russia non sia più un paese socialista, Cuba sostiene ancora Mosca quando si tratta di questo.

Vladimir Putin in visita all'allora leader cubano Fidel Castro, nel 2014. Immagine AP

Vladimir Putin visita l’allora leader cubano Fidel Castro nel 2014.immagine AP

Daniel Ortega, presidente del Nicaragua, si è opposto agli Stati Uniti dagli anni ’70. Alla fine di quel decennio, i socialisti salirono al potere sotto la sua guida. L’ex rivoluzionario si è ormai trasformato in un despota, ma l’antiamericanismo resta il suo principio guida e questo crea un legame con i russi. Qualcosa di simile vale per la Bolivia, dove il socialista Lucho Arce è presidente da più di un anno. In precedenza ha servito a lungo come ministro delle finanze sotto il presidente Evo Morales.

La cosa notevole del voto alle Nazioni Unite è stata l’assenza del Venezuela. Anche questo paese, dopo le fallite rivolte ancora sotto la guida socialista, sta resistendo agli americani come standard. Ma il rapporto sembra essersi un po’ ammorbidito e potrebbe essere opportuno che i venezuelani non esprimano il loro sostegno alla Russia per il momento.

filorusso

L’elenco dei paesi che hanno espresso pieno sostegno alla Russia e quindi hanno respinto la decisione alla riunione delle Nazioni Unite è breve. Oltre alla Russia, riguarda Bielorussia, Corea del Nord, Siria ed Eritrea. Ognuna di loro sono dittature che sostengono i russi nel bene e nel male.

La Bielorussia ha poche opzioni. Dopo le severe sanzioni europee, il presidente Alexander Lukashenko aveva pochi amici oltre a Putin. Inoltre, ha già trasferito diverse unità dell’esercito russo in territorio bielorusso, dove sono entrate in Ucraina. Anche i soldati bielorussi partecipano all’invasione.

Vladimir Putin con il presidente siriano Assad nel gennaio 2020. Immagine AP

Vladimir Putin con il presidente siriano Assad nel gennaio 2020.immagine AP

Inoltre, il presidente siriano Bashar al-Assad non ha altra scelta che sostenere la Russia, il suo regime è sostenuto dalla Russia da anni. Soldati e mercenari russi sono attivi in ​​Siria.

L’Eritrea e la Corea del Nord sono, secondo molte classificazioni, alcune delle dittature più dure al mondo. La Russia è uno dei pochi paesi con cui questi due emarginati internazionali hanno ancora buoni rapporti.

READ  Perché il cambiamento climatico? I migliori giocatori disegnano con centinaia di...