QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Radiazioni più precise migliorano la cura del cancro: “Ospedale e università devono unire le forze”

Radiazioni più precise migliorano la cura del cancro: “Ospedale e università devono unire le forze”

La tecnologia che rende possibili le radiazioni contro il cancro è migliorata notevolmente negli ultimi decenni, afferma il fisico clinico Koen Horkmans. Lavora da 23 anni all’ospedale Katarina di Eindhoven. “Possiamo irradiare in modo più preciso: ciò presenta molti vantaggi, sono necessari meno trattamenti ed è meno invasivo per i pazienti”, afferma Hawkmans il 7 giugno 2024 Giornata della tecnologia medica All’Università della Tecnologia di Eindhoven. L’anno scorso, oltre al suo lavoro in ospedale, è stato nominato professore di radioterapia. Il Dipartimento Hochmans supervisiona molti studenti laureati di programmi di master e dottorandi. “L’interazione tra ospedale e università garantisce che le innovazioni vengano messe in pratica più rapidamente. Questo è molto importante nel settore sanitario”, afferma.

Hawkmans ha studiato fisica da solo. Durante la sua formazione post-laurea presso il Dipartimento di Radioterapia dell’Ospedale Universitario di Lund, in Svezia, è stato supervisionato da due fisici clinici. “Quando sono tornato nei Paesi Bassi, ho capito che volevo fare anche questo”. Dopo aver conseguito il master, ha seguito un corso di quattro anni presso un ospedale – il Netherlands Cancer Institute di Amsterdam – e poi ha iniziato a lavorare presso l’Ospedale Catarina come fisico clinico. “Questa è una professione meravigliosa e continuerà ad esserlo. Cerchiamo di capire come migliorare il trattamento di un paziente e di cosa hanno bisogno infermieri e medici per eseguire il trattamento nel miglior modo possibile.

Perché questo è importante?

Le nuove tecnologie come l’intelligenza artificiale svolgono un ruolo importante nel miglioramento del trattamento del cancro. Quando università e ospedali collaborano al processo di sviluppo, le innovazioni spesso entrano in vigore prima. Ciò influisce sulla vita di molti pazienti e dei loro cari.

Innovazioni nella pratica

In qualità di fisico clinico, Hawkmans si occupa quotidianamente degli aspetti tecnici dell’innovazione nel settore sanitario. Quale attrezzatura è necessaria? Cosa c’è sul mercato? Cosa funziona e cosa no? Partecipa all’approvazione, all’acquisto e all’installazione delle innovazioni. Segue un controllo approfondito per vedere se tutto funziona correttamente.

Irradiazione più accurata

Secondo lui, l’irradiazione più precisa è lo sviluppo più grande e influente degli ultimi anni. “Quando stavo facendo la mia formazione, a volte trattavamo i pazienti con radiazioni ogni giorno per sette-otto settimane. Questo è molto stressante. Se vogliamo essere esposti a meno radiazioni, dobbiamo somministrare più radiazioni ogni volta non era un’opzione perché durante il trattamento viene interessato anche il tessuto sano circostante e ciò può causare più effetti collaterali.

READ  Ancora possibile dopo una reazione allergica: "Spesso stress"

Per un’irradiazione più accurata sono importanti due componenti e le tecniche associate. “In primo luogo, la stessa macchina per le radiazioni deve essere in grado di funzionare in modo più preciso. In questo modo trattiamo solo il tumore e tocchiamo i tessuti meno sani. Inoltre, è importante vedere chiaramente dove stiamo irradiando durante il trattamento La macchina per il trattamento standard può essere paragonata a una TC scadente. Le immagini MRI possono ora essere eseguite anche su un nuovo dispositivo di trattamento e questo rende molto più semplice la visualizzazione dei tessuti molli. “Stiamo lavorando con il fornitore di entrambi i dispositivi per vedere come possiamo migliorare l’immagine qualità ulteriormente”, spiega Hochmans.

Secondo lui gli attuali dispositivi standard riproducono solo l’immagine del corpo del paziente prima e dopo il trattamento. I nuovi dispositivi riproducono l’immagine del corpo del paziente durante la radioterapia. Attualmente in tutto il mondo vengono utilizzati circa 130 nuovi dispositivi, rispetto ai circa 12.000 dispositivi di trattamento standard. “Con i nuovi dispositivi possiamo apportare modifiche anche durante il trattamento.” Ciò significa che, secondo Horkmans, il numero di trattamenti per i malati di cancro alla prostata, ad esempio, potrebbe essere ridotto da venti a cinque. “Questo è più piacevole per il paziente.”

L’aiuto di Amnesty International

L’intelligenza artificiale gioca un ruolo chiave nel miglioramento della radioterapia. “Utilizzando l’intelligenza artificiale, possiamo migliorare la qualità delle immagini sulle apparecchiature di elaborazione. Ad esempio, un modello ben addestrato può filtrare meglio il rumore dalle immagini in modo da ottenere un’immagine più chiara. L’intelligenza artificiale può anche aiutare i medici a individuare il tumore e l’area sottoposta a radiazione “Utilizziamo l’intelligenza artificiale da due anni per identificare le aree target nel torace, nel cuore e nei polmoni. “Uno dei miei studenti di dottorato sta esaminando come estenderlo ad altri gruppi di pazienti. Inoltre, si stanno svolgendo ulteriori ricerche sulla pianificazione della dose utilizzando l’intelligenza artificiale. Lo stiamo sviluppando con un’azienda che può metterlo in pratica È molto importante che le innovazioni che sviluppiamo possano essere messe in pratica in questo modo e che possano raggiungere anche altri ospedali.

READ  Nina Crowell soffre di anoressia e deve raccogliere 15.000 euro

Hawkmans vede il potenziale dell’intelligenza artificiale, ma nota anche che le persone, sia pazienti che professionisti, a volte sono titubanti. “Spesso le persone pensano che i pazienti visiteranno il medico molto meno a causa dell’uso dell’intelligenza artificiale, ma penso che sia vero il contrario. Il medico deve dedicare meno tempo a compiti come l’identificazione delle aree target per le radiazioni, e quindi presta più attenzione al contatto umano Ciò è molto importante anche nel contesto della continua carenza di personale.

Ninky Bucks e la regina Horkmans

Ciclo dell’innovazione

Hoekmans ritiene che la collaborazione tra università e ospedali sia indispensabile per implementare tecnologie relativamente nuove come l’intelligenza artificiale. “All’università siamo all’inizio dell’innovazione e l’ospedale è il punto in cui alla fine questa impollinazione è di grande valore”, spiega.

Nel suo lavoro, Hurkmans segue sempre un ciclo di apprendimento, innovazione, implementazione e convalida. “In ospedale impariamo naturalmente cosa funziona e cosa non funziona nella pratica, poi innoviamo – spesso in collaborazione con l’università – per vedere se possiamo apportare miglioramenti. Alla fine, le innovazioni devono essere implementate sul campo verificare se le nuove tecniche o metodi funzionano bene e poi il ciclo ricomincia”.

Ad esempio, i progressi garantiscono che il trattamento sia meno invasivo. “La radioterapia in realtà taglia senza coltello. Vogliamo rimuovere il tumore, ma senza danneggiare i tessuti sani. Ad esempio, negli ultimi anni abbiamo dimostrato che la radioterapia per un determinato tumore polmonare non è meno efficace dell’intervento chirurgico da complicazioni durante un intervento chirurgico e uno su dieci soffre di radioterapia.

Passo dopo passo verso il miglioramento

Hochmans ritiene che la radioterapia sia migliorata negli ultimi anni, ma ciò avviene a piccoli passi. “Non possiamo aspettarci un grande passo avanti ogni anno. Nell’assistenza sanitaria, è importante migliorare, vedere come stanno andando le cose e poi costruire su quello. È un processo lento.” Dice di considerare l’intera questione in modo realistico. “Non mi illudo che saremo in grado di risolvere il problema del cancro, sarà sempre lì, in una forma o nell’altra, ma possiamo continuare a migliorare i trattamenti e garantire che il processo per il paziente sia il più ottimale possibile.

READ  Morti inutili per AIDS nei Paesi Bassi devozione

Coen Hurkmans sarà inaugurato il 7 giugno durante il MedTech Day alla TU Eindhoven. Puoi registrarti tramite questo link.