QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Recensione Il Signore degli Anelli: Ritorno a Moria

Recensione Il Signore degli Anelli: Ritorno a Moria

Abbiamo avuto giochi de Il Signore degli Anelli nel corso degli anni. Che si tratti del film, delle avventure di Lego o della serie L’ombra della Terra di Mezzo, ci sono stati molti titoli de Il Signore degli Anelli interessanti e avvincenti. Ma sfortunatamente, all’inizio di quest’anno, Il Signore degli Anelli: Gollum ha cambiato tutto ciò e ha introdotto un grosso difetto in questo universo fantasy, esercitando così un’enorme pressione sullo sviluppatore Free Range Games affinché non vizi il cane con il suo titolo di survival crafting, The The Lord. degli Anelli: Ritorno a Moria. Fortunatamente ciò non è avvenuto.

Ritorno a Moria è uno dei pochi progetti dell’intera serie della Terra di Mezzo che ha esplorato la Quarta Era e ciò che è accaduto dopo gli eventi de Il Signore degli Anelli. Come suggerisce il titolo del gioco, vede un gruppo di nani guidati da Gimli della Compagnia ritornare nel regno montuoso di Moria, con l’intento di recuperarlo dagli gnomi e da altre creature malvagie in agguato all’interno, e riportarlo al suo antico splendore. Il problema è che la storia non arriva mai così lontano, poiché all’inizio del gioco trovi il tuo nano solitario (o una coppia di nani se fai squadra con un amico) intrappolato a Moria senza una chiara via d’uscita dopo il crollo. Ciò significa che alla fine ti resta solo una scelta: addentrarti più a fondo nell’oscurità nella speranza di trovare un’uscita alternativa.

Da qui, il gioco ti offre tutti i tipi di meccaniche di sopravvivenza. Devi gestire la fame, la fatica, la salute, la resistenza e molti altri piccoli sistemi come la temperatura e l’oscurità, che, se lasciati deselezionati, ti travolgeranno con inutili smorzatori che influenzeranno il tuo elfo finché non li risolverai. I sistemi di sopravvivenza non sono così impegnativi come, ad esempio, Sons of the Forest, ma dovrai prestare attenzione se intendi sopravvivere nelle oscure profondità della montagna.

READ  Armored Core VI di Rubicon uscirà in tutto il mondo il 25 agosto: questi sono i giochi

Questo è un annuncio:

Per mantenerti in vita, il tuo astuto elfo può costruire e costruire tutti i tipi di oggetti e strutture che gli permettono di creare un rifugio sicuro dove riposarsi, preparare cibo, immagazzinare risorse estratte e raccolte e altro ancora. Si tratta di un set di edifici che ricorda Fallout 76 e altri giochi di sopravvivenza con elementi di creazione, poiché si tratta più di mettere insieme elementi costitutivi specifici per costruire la struttura e le strutture di cui hai bisogno. In effetti, nel complesso, Return to Moria è meno un gioco di costruzione e più un gioco di creazione esplorativa.

Il Signore degli Anelli: Ritorno a Moria

Questa è una cosa importante da sapere, perché a differenza di alcuni giochi di survival crafting, c’è una sorta di storia nel cuore di Return to Moria. Anche se puoi trascorrere tutto il tempo che vuoi scavando e costruendo cose, l’obiettivo principale è fuggire da Moria e per farlo dovrai vagare costantemente per le sale abbandonate, combattere orde di gnomi e goblin, trovare nuovi materiali e scoprire ricette che ti faranno impazzire. ti permettono di costruire oggetti di migliore qualità per estrarre materiali, sono più robusti e ti permettono di combattere le minacce più pericolose. Per assicurarti di sapere dove stai andando, seguirai dei punti di passaggio che in genere ti condurranno lungo lo stesso percorso intrapreso dalla Compagnia dell’Anello prima di te, mentre trovare Note di Gandalf apre la strada a oggetti legacy che aggiungono colore extra aggiungere al mondo. Immagina essenzialmente Minecraft, ma invece di non tenere affatto il gioco in mano, segui una serie di obiettivi che ti dicono come creare oggetti migliori, trovare materiali più rari e costruire strutture utili.

Vale la pena notare che, sebbene il gioco ti incoraggi a seguire un percorso prestabilito, è coinvolta anche una buona dose di agenzia di giocatori. Ad esempio, in alcune parti dell’avventura, ti viene chiesto di scavare attraverso un certo muro, ma per superarlo avrai bisogno di un’ascia più potente, uno strumento che il gioco non ti dice come ottenere. Dovrai invece esplorare l’ambiente e trovare una soluzione scoprendo nuovi materiali e oggetti per sbloccare nuove ricette di lavorazione. In questo esempio, la soluzione prevedeva la riparazione di una vecchia fucina dormiente e la sua difesa da un’orda di gnomi. Inutile dire che questa si è rivelata una vera sfida.

Questo è un annuncio:

Ritorno a Moria soffre di alcuni problemi di sopravvivenza. Puoi rimanere bloccato in una routine mentre ti sforzi costantemente di scoprire e creare i materiali di cui hai bisogno per creare oggetti più potenti e, allo stesso modo, poiché questo è un gioco sull’esplorazione in orizzontale anziché in verticale, il livello esteso significa che spenderai un enorme quantità di tempo semplicemente camminando dalla tua base di partenza verso gli obiettivi successivi, almeno fino a quando non scopri nuove posizioni di base lungo il percorso o materiali rari necessari per creare indicatori di viaggio veloce. Poi ci sono tutte le complessità che il gioco è assolutamente pessimo nello spiegare. Metà della sfida del ritorno a Moria è sapere quale materiale fa cosa e dove trovarlo. È un gioco di tentativi ed errori, che a volte ha i suoi vantaggi, ma influisce seriamente sul ritmo del gioco.

Il Signore degli Anelli: Ritorno a Moria

Il Signore degli Anelli: Ritorno a MoriaIl Signore degli Anelli: Ritorno a Moria

Fortunatamente, la meccanica dell’orda e i vari obiettivi aggiuntivi che troverai nel tuo viaggio fanno il possibile per mantenere le cose fresche. Proprio quando ti senti a tuo agio nell’estrarre una vena di minerale, un’orda di orchi attaccherà, lasciando il tuo elfo alla mercé di dozzine di nemici, e senza un’adeguata preparazione, ciò significherà quasi sempre la morte, lasciandoti in uno stato di panico finché non superare l’orda. Allo stesso modo, gli obiettivi secondari che compaiono chiedendoti di aprire forzieri chiusi e/o trovare e restituire oggetti da collezione significano che hai qualcosa da fare oltre a me che li faccio, anche se questo è il tuo pane quotidiano come nano.

Con tantissime opzioni di personalizzazione e modi per costruire il tuo nano come meglio credi, un mondo davvero enorme da esplorare ed elementi cooperativi competenti che ti permettono di collaborare con un amico per conquistare Moria e sopravvivere, c’è molto che questo gioco funziona bene, soprattutto per i fan de Il Signore degli… Anelli che volevano solo un gioco che li rendesse liberi in una parte della Terra di Mezzo. Non vorrai mai posare la tua ascia, proprio come Minecraft ci ha ispirato quando ha iniziato a prendere d’assalto il mondo.

Quindi, ovviamente, il combattimento è un po’ basilare, la storia è nella migliore delle ipotesi mediocre, l’intelligenza artificiale nemica e le azioni sono terribili e molto prevedibili, il ritmo è molto stabile e ci sono un sacco di bug quando scavi e distruggere un muro con il piccone, ma al di là di questi problemi, il ritorno a Moria è un buon ritorno al livello tipicamente divertente dei videogiochi del Signore degli Anelli. È un gioco completo. Molti titoli di survival crafting debuttano come progetti ad accesso anticipato, ma Return to Moria è un’esperienza completa fin dal primo giorno, e dovrebbe essere celebrata in quest’epoca in cui si paga il prezzo intero per prodotti scarsamente cotti che promettono un grande, lontano futuro. Bravo, giochi ruspanti.