QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Ricordi Navalny?  Allora devi identificarti in Italia

Ricordi Navalny? Allora devi identificarti in Italia

Una manifestazione a Roma dopo la morte di Navalny.Immagine gentilmente concessa da REUTERS

Domenica sera, circa una dozzina di persone in lutto si sono riunite nel modesto Parco Anna Politkovskaya di Milano per deporre fiori per Alexei Navalny. Una striscia di verde nel centro della città prende il nome dal giornalista russo e critico del regime di Putin, ucciso a colpi di arma da fuoco nell'ascensore di un condominio di Mosca nel 2006.

Certamente non è un posto strano per commemorare Navalny ed è stata richiesta l'autorizzazione preventiva. La folla ha però attirato l'attenzione di alcuni agenti di polizia che passavano di lì. Indossavano abiti civili e i membri dell'Unità antiterrorismo ed estremismo hanno chiesto agli astanti di identificarsi. Fotografarono documenti e annotarono indirizzi di casa.

“Non penso che sia un crimine scendere in strada per un manifestante assassinato”, si è poi arrabbiato uno dei partecipanti. giornale di fronte Repubblica di La. La maggior parte degli italiani condivide questa opinione anche ai massimi livelli politici: il giorno dopo si è svolta a Roma una veglia ufficiale, alla quale hanno partecipato rappresentanti di tutti i partiti.

Le azioni degli agenti di polizia in borghese a Milano non sono un segno di sentimento filo-russo tra le autorità italiane. Nonostante il notevole sentimento filo-russo sia nell’estrema destra che nell’estrema sinistra dello spettro politico, questa voce è stata attenuata dopo l’invasione su larga scala dell’Ucraina.

In questo caso, l’incidente in Italia ha suscitato grande scalpore. Non c’è molto sulla Russia per quanto riguarda lo status del proprio stato costituzionale. La notizia dell'interruzione del memoriale di Navalny da parte della polizia difficilmente si concilia con le recenti immagini provenienti da Mosca, anche se la situazione con i manifestanti italiani è molto diversa: possono tornare a casa dopo essersi identificati.

READ  Artista di strada italiano olandese in foto con Putin

L'indignazione politica è seguita rapidamente dopo che l'organizzazione della commemorazione si è rivolta ai social media per lamentarsi della piega degli eventi. Il senatore di centrosinistra Filippo Sensi del Partito Democratico ha annunciato che interrogherà in parlamento il ministro dell'Interno di destra Matteo Piantedosi sull'incidente.

Piantetossi ha risposto subito alla querela sulla stampa di lunedì. “A volte mi sono stati chiesti anche dei documenti, ma questo non limita la libertà personale”, dice il ministro. “L'identificazione viene solitamente effettuata per ragioni di sicurezza”, ha spiegato riferendosi alle operazioni di agenti antiterrorismo in borghese.

È vero che l'ufficio legale italiano spesso chiede l'identificazione senza alcuna motivazione chiara. Ma questo è un argomento così forte come sembra pensare Piantossi? Questo la dice lunga sul diritto dell'ordine pubblico, spiega l'avvocato Nicola Canestrini Sito di contronotizie HuffPost (Prima L'Huffington Post) La legge risale al 1931, quando la dittatura fascista di Benito Mussolini aveva il pieno controllo dell'Italia, e conferisce alla polizia (sia in uniforme che in borghese) il potere di chiedere identificazione e indirizzo senza motivo. Un agente di polizia non ha nemmeno bisogno del permesso del suo superiore per tali perquisizioni.

Secondo la legge italiana, i dati in questo caso di Navalny Memories saranno conservati per quindici-venti anni. L'avvocato Canestrini avverte che i tempi sono molto più lunghi di quelli consentiti dalla Convenzione europea dei diritti dell'uomo. Questi raid illimitati della polizia non sono una novità in Italia. Sebbene nel 2023 accadano più spesso rispetto agli anni precedenti, certamente non si verificano solo sotto governi di destra come quello attuale. Eppure l’interruzione della commemorazione di Navalny proietta ora ciò che è stato dato per scontato per quasi cento anni sotto una luce diversa: una luce che enfatizza le radici nere dell’Italia moderna.

READ  Kuypers Logistics in Italia con 10 nuovi semirimorchi Krone • TTM.nl