QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Ritorno agli anni ’90 con Klonoa e Pac-Man

Aiuto, il 2022 è l’anno in cui ho già 36 anni. Per molte persone della mia generazione, la nostalgia unica deriva dai giochi classici della fine degli anni ’90 o dei primi anni 2000. Gli editori di giochi lo hanno capito molto bene, quindi sempre più giochi vengono ricreati o rifatti. Anche Bandai Namco scava nel passato e offre da sola un ritorno alla festa degli anni ’90 con un revival nostalgico di alcune avventure retrò.

Per celebrare il 25° anniversario della serie, hanno raggruppato per la prima volta il gioco per PS1 del 1997 Klonoa: Door to Phantomile e il sequel per PS2 del 2001 Klonoa 2: Lunatea’s Veil sotto il nome di Klonoa Phantasy Reverie Series, mentre Re-Pac ha anche lanciato un nuovo tocco di vernice sul primo Pac-Man World lanciato nel 1999 su PlayStation. Ho giocato a tutti questi giochi quando ero giovane ed ero dell’umore giusto per tornare a tempi più semplici. C’è qualcosa di straordinariamente familiare e confortante per me nei giochi di questa particolare epoca, ed è bello che Bandai Namco stia rendendo nuovamente disponibili questi classici su hardware moderno. Chissà se reggono bene.

Il mondo di Pac-Man Ryback

Per i lettori più giovani tra noi, Pac-Man World era un platform con telecamera fissa semi-3D che ha debuttato sulla PlayStation originale nel 1999. Originariamente creato per celebrare il 20° anniversario dell’icona arcade di fama mondiale, per celebrare il gioco doveva piombo Il globo giallo è in una nuova tendenza. Il gioco è stato un grande successo e ha generato diversi sequel, quindi è un peccato che questo sia limitato alla prima incursione 3D di Pacman piuttosto che compilare tutte le avventure 3D in un’unica raccolta definitiva.

Nella prima avventura 3D di Pac-Man, tutta la sua famiglia viene rapita prima della sua festa di compleanno. Dietro c’è il malvagio Toc-Man e tocca a te sconfiggere la malvagia versione robotica di Pac-Man e liberare i tuoi parenti lungo la strada. A parte l’assenza della sig. Pac-Man (sostituito qui da Pac-Mom per problemi di licenza), la stessa storia viene chiaramente raccontata attraverso scene appena dirette. Ad ogni modo, Re-Pac si concentra principalmente sulla revisione visiva e sull’aggiunta di alcuni modesti miglioramenti della qualità della vita al gioco PlayStation originale. Questo non è un remake che risolve tutti i difetti che affliggevano il gioco originale. Ad esempio, la modalità Facile è un’ottima aggiunta QoL per i giocatori più giovani (e meno esperti) della famiglia. Puoi quindi rimanere sospeso in aria un po’ più a lungo mentre salti e blocchi aggiuntivi vengono posizionati tra le piattaforme per impedirti di cadere.

READ  L'ex figlia di Honor di Huawei torna in Belgio con il suo primo smartphone
Pac Man 1

Invariato rispetto all’originale, devi attraversare sei mondi, raccogliendo un sacco di frutta e pellet energetici lungo il percorso. Ogni mondo ha un boss da sconfiggere, ma l’obiettivo principale che i giocatori devono raggiungere lungo la strada se vogliono vedere la fine del gioco è salvare la propria famiglia. Scoprendo le chiavi segrete, Pac-Man può liberare la sua famiglia dalle celle a determinati livelli. Usando la frutta raccolta, puoi quindi sbloccare le porte che danno accesso a bonus segreti e livelli modellati sulla struttura originale del labirinto di Pac-Man della vecchia scuola. Mentre l’obiettivo principale è semplicemente quello di arrivare alla fine, ogni livello è pieno di add-on di squadra (che richiedono anche qualche annullamento) per farti divertire per un periodo di tempo più lungo. La piattaforma stessa è molto semplice e snella, ma è fantastica. Pac-Man ha una varietà di abilità, come un colpo a terra e uno scatto per scalare pendii ripidi, che sono integrate da poteri temporanei che raccogli lungo la strada.

Pacman 3

Ciò che mi stupisce – ora più che mai – è la creatività nel design dei livelli e nei combattimenti contro i boss. Ovviamente ha quasi tutti i cliché di un platform mascotte, ma il design accattivante, la grafica colorata e la musica vibrante lo fanno funzionare. Pac-Man World Re-Pac ha alcuni fantastici combattimenti contro i boss. Sparare proiettili alle navi nemiche da una prospettiva dall’alto con la musica arcade in sottofondo è speciale. In un altro, il gioco si trasforma brevemente in un divertente minigioco di corse. Hai visto come il mio giro ora lo ami tanto quanto me quando ci giocavo sulla mia PlayStation grigia angolare quando avevo più o meno la loro età. La creatività del team ti sorprenderà sempre piacevolmente.

Pac Man 2

Ci sono molti aspetti positivi nel gameplay che lo mantengono fresco dopo più di 20 anni. La telecamera è stata riparata, quindi non dobbiamo combattere con una prospettiva che ha distrutto così spesso altre piattaforme. I controlli non sono sempre eccezionali, in parte a causa di quella terza dimensione, quindi perdi un salto regolarmente, ma posso ancora perdonarlo.

READ  Anteprima | villaggio errante

Scoprirai che la presentazione audiovisiva del gioco è la più grande revisione, con una grafica più nitida e colori più vivaci questa volta. Con una riprogettazione grafica così netta, è facile trovare differenze con il titolo del 1999. E così Pac-Man World Re-Pac è stato un riuscito tuffo nel passato. Nonostante la sua semplicità e il gameplay tipico degli anni ’90, è comunque un divertente platform in grado di sorprendere anche i giocatori che non hanno nostalgia di questo gioco.
Voto: 7/10

Testa mobile Clonoa

Clonoa Fantasia Fantasticheria Serie

I Giochi di Klonoa sono stati a lungo un classico di culto, ma sono rimasti relativamente sconosciuti nel corso degli anni. Rimasterizzando sia Klonoa: Door to Phantomile che Klonoa 2: Lunatea’s Veil, la serie Reverie tenta di reintrodurre questa mascotte sottovalutata a un nuovo pubblico.

Da grande fan degli originali, non vedevo l’ora che arrivasse questa riedizione. Sono inclusi sia il gioco originale Klonoa: Door to Phantomile (nell’ultima versione Wii invece della versione originale PS1) sia il suo sequel: Klonoa 2: Lunatea’s Veil. Sono passati più di vent’anni dal loro rilascio, ma mentre i primi platform 3D sembrano piuttosto rigidi per gli standard odierni, questi due sono invecchiati con relativa grazia. In un momento in cui la tecnologia 3D stava scuotendo il genere platform, Klonoa sembrava davvero un’innovazione rispetto al classico platform 2D a scorrimento laterale. Non sorprende che alcuni aspetti dei giochi di Klonoa siano obsoleti. Tuttavia, Klonoa: Door to Phantomile e Klonoa 2: Lunatea’s Veil resistono ancora egregiamente.

clone 2

Entrambi i titoli limitano i nostri movimenti come se fosse uno scroller laterale 2D, con nemici, personaggi e ambienti resi in 3D. I giocatori controllano Klonoa mentre corre, salta e afferra i nemici attraverso due gameplay che abbracciano dozzine di livelli. Il suo attacco principale include un anello magico che attira i nemici verso di lei. Una volta scoperto, Klonoa può usarlo come trampolino di lancio per salire su piattaforme alte o scagliarlo come proiettili contro altri nemici. Con queste semplici meccaniche di gioco, i creatori creano effettivamente un puzzle platform di successo, in cui il giocatore deve imparare a sfruttare i nemici nell’area a proprio vantaggio per progredire.

Entrambi i titoli condividono una progressione molto simile nella curva di difficoltà. Sebbene la prima e la seconda partita inizino molto facilmente, la difficoltà aumenta continuamente. Alla sfida sempre più complessa si aggiungono sezioni platform che richiedono maggiore precisione man mano che i livelli avanzano. Per sconfiggerne alcuni, dobbiamo osservare attentamente il design delle piattaforme, ricordare le interazioni che possiamo avere con ogni creatura e metterle in pratica con abilità e precisione. Sotto il bell’aspetto, c’è un gioco speziato occasionale.

READ  Le immagini mostrano le schede video Sapphire Radeon RX 6700 con 10GB di memoria - Computer - News
clone 3

Nonostante i quattro anni trascorsi tra l’uscita del primo e del secondo, anche le differenze tra i due giochi della serie Klonoa Phantasy Reverie non sono significative. A parte una manciata di nemici diversi e alcuni poteri extra, il cameo di Lunatea è chiaramente una continuazione del principio “più o meno lo stesso”. Entrambi si distinguono per il loro eccellente design, qualcosa che ha resistito facilmente nel corso degli anni.

Tecnicamente, i Transformers hanno successo, anche se hanno qualche piccolo difetto. La maggiore risoluzione delle texture è chiaramente evidente, mentre alcuni sfondi sembrano beneficiare meno del restyling visivo. I colori sono più luminosi e 60fps fanno scorrere il gioco senza alcuna esitazione. D’altronde l’idea di aggiungere due livelli di difficoltà è un bel bonus per i giocatori più giovani (o meno esperti) della famiglia. Fin dall’inizio puoi scegliere la modalità facile con vite infinite, cuori aumentati e meno danni. Anche la modalità cooperativa sembra essere adattata a un pubblico più giovane. Il giocatore cooperativo svolge un ruolo di supporto per aiutare il giocatore principale a progredire. In alternativa, il completamento dei giochi sblocca una modalità più difficile per coloro che desiderano comunque una sfida in più.

clone 1

Questa raccolta esiste principalmente per farti sperimentare Door to Phantomile e Lunatea’s Veil su hardware più moderno. La mancanza di contenuti aggiuntivi è deludente (soprattutto dal momento che questo gioco viene rilasciato per celebrare il suo 25° anniversario), ma ottieni comunque un paio di platform classici, profondamente affascinanti, ma spesso dimenticati che sono buoni per ore di divertimento! Sono anche neutri molto solidi che enfatizzano ulteriormente il fascino di colori vivaci e disegni affascinanti. Coloro che guardano Clooney con nostalgia adoreranno il fatto che entrambi i titoli siano disponibili oggi su console, mentre altri possono ancora scoprire due fantastici giochi platform del passato in questo modo.
Voto: 7