QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Scopri i segreti dell'universo utilizzando un telescopio gonfiabile

Scopri i segreti dell'universo utilizzando un telescopio gonfiabile

Da un punto di vista umano, l’universo è vecchio. 13,8 miliardi di anni, per l'esattezza. Tuttavia, con l'aiuto di attrezzature avanzate, possiamo scoprire cosa è successo molto tempo fa. Niels Vertigal, ricercatore presso l'Università della Tecnologia di Eindhoven (TU/e), ha sviluppato un telescopio gonfiabile che offre uno sguardo all'”inizio dei tempi”. recentemente Questo telescopio è stato sottoposto al suo primo test nello spazio.

Perché devi sapere questo:

Comprendere le origini dell'universo e gli eventi accaduti miliardi di anni fa è fondamentale per comprendere il nostro posto nell'universo.

Sebbene l’origine dell’universo rimanga un mistero, sempre più pezzi del puzzle stanno andando al loro posto. La maggior parte degli astronomi concorda sul fatto che l'universo sia stato creato dal Big Bang, noto anche come… .la grande esplosione Il nome della cosa. Sebbene la teoria sia supportata da prove evidenti, prove comprese Radiazione cosmica di fondoSono ancora necessarie ulteriori prove sui dettagli e sulle condizioni di quattordici miliardi di anni fa.

Vertigal, che è nella fase finale della sua ricerca di dottorato, sa che le prove possono apparire sotto forma di segnali. “Possiamo ancora oggi captare segnali utilizzando l'antenna gonfiabile”, spiega il ricercatore. Perché soffiare? “Perché il dispositivo deve adattarsi all'interno del razzo. Allo stesso tempo, deve captare segnali molto deboli. Per questo abbiamo bisogno di antenne grandi e sensibili. Durante il lancio mettiamo l'antenna in una scatola di dieci per dieci centimetri.” La versione “prova di concetto” si estende su un metro quadrato Quasi uno. “Ma la versione finale è di circa dieci metri quadrati.” Mercoledì 6 dicembre il dottorando ha inviato il suo radiotelescopio a un'altitudine di circa trenta chilometri utilizzando un pallone meteorologico Lo strumento è stato lanciato nella stratosfera dall'Agenzia spaziale britannica Inviato nello spazio. L'antenna è stata posizionata correttamente, anche se un po' più tardi del previsto. missione compiuta.

READ  Ecco come inserisci un SSD interno nella tua PS5

Molecole di idrogeno

Durante l'esperimento, Vertigal ha utilizzato i segnali da lui stesso generati. Ciò gli ha permesso di verificare se l'antenna stava svolgendo correttamente il suo lavoro. Ma se il telescopio venisse effettivamente utilizzato durante una missione spaziale, raccoglierebbe segnali dalle molecole di idrogeno. Vertigal: “All’inizio, l’universo era costituito principalmente da molecole di idrogeno che emettevano segnali ad una frequenza specifica. Man mano che l’universo continua ad espandersi, questi segnali sono sempre più “allungati”. Diventa più debole nel tempo. Ad un certo punto avrai bisogno di più antenne per ottenere la stessa “potenza del segnale”. Ma può ancora essere misurato utilizzando un singolo telescopio sensibile.

Attacca il nastro ancora e ancora

Il progetto ha avuto la sua giusta dose di ostacoli. Per la tecnica di soffiaggio, il ricercatore ha utilizzato una lamina estremamente sottile, solo un quarto dello spessore di un capello umano. “Probabilmente te lo aspettavi già: presto sarebbero apparse crepe e buchi. Regolarmente dovevamo fissare le scheggiature con un nastro speciale, proprio come con una gomma di bicicletta a terra”, dice Vertigal ridendo. non invano.” Ma come puoi immaginare, stavo sudando molto quando il dispositivo è stato lanciato.”

Sulla luna o dietro di essa?

I ricercatori della TU/e ​​e altri stanno attualmente studiando due diversi concetti di telescopi gonfiabili. Il primo concetto prevede una costellazione di diversi satelliti dotati di antenne, che insieme formano una grande rete. È posizionato dietro la luna. Un ambiente relativamente tranquillo dove è protetto dalle radiazioni provenienti dalla Terra.

READ  Quanto è buio in realtà? Aiuta RUG a contare le stelle

Il secondo progetto, che sarà presto inviato all'Agenzia spaziale europea (ESA) per la valutazione, è quello di costruire un radiotelescopio direttamente sulla superficie della Luna. “L'idea è che un telescopio sul lato nascosto della Luna capti i segnali. Questa versione del dispositivo assomiglia a una sorta di materasso gonfiabile contenente più di mille antenne.

Più sono, meglio è

La tesi su cui Vertigal ha lavorato negli ultimi cinque anni è attualmente all'esame del suo comitato di dottorato. La difesa avrà luogo all'inizio di maggio. Come per ogni progetto spaziale, ci vorrà del tempo prima che ci sia un’antenna gonfiabile sulla Luna. “Mi aspetto che ciò accada entro dieci anni. Allo stesso tempo, l'universo continua ad espandersi e i segnali che vogliamo ricevere diventano sempre più deboli. Prima iniziamo, meglio è.”