QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Seconda vittoria in una settimana: Alexander Kristoff vince il teso Sprint Hest Beagle, Jordi Meus è in box

Seconda vittoria in una settimana: Alexander Kristoff vince il teso Sprint Hest Beagle, Jordi Meus è in box

Freccia di furto

12:45 Fusselaer17:50 Op Den Berg Rapina

    Alexander Kristoff è riuscito ancora una volta a mettere in mostra le sue gambe veloci. Il 36enne leader della Uno-X ha già vinto una tappa al Giro di Norvegia la scorsa settimana, e oggi ha aggiunto anche Heiste Pijl. In una fase finale molto tesa e veloce, è rimasto davanti, tra gli altri, ad Amauri Capello (terzo) e Jordi Meus – che ha dovuto bloccare i freni per evitare una collisione.

    De Heiste Pijl è stato, come previsto, preda delle squadre sprint.

    I grandi blocchi avevano il controllo completo del percorso dall’inizio alla fine. Non hanno mai permesso che la gara di oggi andasse oltre i 4 minuti e negli ultimi 20 km hanno dovuto colmare solo un gap di 30 secondi.

    E così è successo. L’ultimo fuggitivo è stato catturato per i polsi a 6 km dal traguardo. Abbiamo ottenuto lo sprint di cui avevamo bisogno o Heiste Berg ha messo i bastoni tra le ruote ai ragazzi più veloci?

    È diventato il primo. Mount Heist non ha causato infortuni gravi, quindi i corridori possono prepararsi per la corsa veloce prevista.

    Uno-X ha iniziato lo sprint per il suo leader e decano dell’invecchiamento Alexander Kristoff ha completato meticolosamente il lavoro preparatorio. Attira l’attenzione: con questa vittoria Christoph è diventato il vincitore più anziano di sempre dell’Heistse PIjl;

    Casper van Ouden (Team dsm-firmenich PostNL) ha conquistato il secondo posto, e il connazionale Amauri Cabello (Arkea-B&B) ha chiuso il podio a 3. Realizzato durante la gara Jordi Mius Ancora disperso. Era intrappolato e non è mai riuscito a completare la sua corsa.

    READ  La concorrente americana Katie Compton termina la sua carriera dopo un test antidoping positivo | ciclocross

    “Era disordinato, ma sono stato abbattuto perfettamente.”

    Un soddisfatto Alexander Kristov ha poi elogiato la sua squadra al microfono.

    “È stato un periodo caotico prima della gara, perché abbiamo perso anche alcuni ragazzi nel ritmo frenetico, ma grazie alla mia squadra ero ancora completamente indietro. Tord (Gudemestad, redattore) ha guidato in modo esemplare e avrebbe potuto vincere se stesso, ma ha scelto di sacrificarsi per me”.

    Kristoff si sentì sollevato dopo aver sentito le gambe gonfiarsi.

    “Sono stato contento che nessun altro lo abbia fatto, perché ho notato che la velocità delle mie gambe era molto lenta. Non potevo davvero andare più veloce.”

    Anche il 36enne maggio ha avuto un mese eccellente e ora continua questa tendenza il primo giorno di giugno. “L’obiettivo è portare il mio numero di vittorie a 100. Ho ancora bisogno di 8 vittorie, ma sicuramente non sarà facile”, ha detto il norvegese in tono pratico.

    Oggi è un passo avanti verso questo numero magico. Ha impostato il suo segnalino vittoria a 92.

    Risultati storici Beagle

    nome un risultato un gruppo
    1

    Alessandro Kristoff

    2

    Casper van Ouden

    3

    Amore Cabello

    4

    Milano Fretin

    5

    Gudmestad arrossì

    6

    Timothy DuPont

    7

    Simone Dehers

    8

    Lionel Tamino

    9

    Tryben Thijsen

    10

    Louis Bluey

    Fase dopo fase

    Van Ouden e Capiot 2 e 3

    Abbiamo un norvegese, un olandese e un belga sul palco. Van Ouden arriva al secondo posto e Capello completa il podio al terzo posto.

    Uno-x inizia la corsa di velocità per Kristoff, con Meuse al volante.

    C’è l’Heiste Berg, quando saliamo vediamo Christophe, Cabot, Pompey e Van Ouden ancora seduti davanti.

    Swick è in testa

    Sweeck lavora duro per il capo Dehairs. Alpecin-Deceuninck ha a disposizione anche Ballerstedt come secondo assistente.

    Il ritmo aumenta notevolmente. I migliori team vogliono essere i primi a scalare l’Heistse Berg ad ogni costo. Davanti vediamo Bora-Hansgrohe, Uno-X, Intermarché-Wanty, Alpecin-Deceunick e dsm-firmenich PostNL.

    Van der Tock catturato

    Ora è stato arrestato anche l’ultimo fuggitivo. Tiene le gambe ferme e saluta letteralmente con un saluto gentile. Il ciclo continua senza sosta.

    Sta iniziando a piovere. Sul selciato dell’Heiste Berg questo può presto diventare una sfida, soprattutto in discesa.

    Il gruppo ha catturato il trio. Solo Van der Tock ora rimane in testa.

    Altri 15 km

    Dopo 15 km sapremo chi sarà il successore dell’olandese Olaf Koeg.

    Il gruppo con tutte le sue squadre di velocisti sta andando bene in questo momento. La pausa di oggi è ancora dietro l’angolo e i corridori sono riusciti a superare la gara sani e salvi.

    Dovremmo prepararci per uno sprint o qualcuno ha un piano per un’ultima volta a Haestsberg?

    Assolo di Van der Tock

    Van der Tock pensa che sia abbastanza. Lascia indietro i suoi compagni di squadra in fuga e guadagna rapidamente 20 secondi. Ci ritroviamo con un unico leader.

    Il favorito Simon Dehers può essere visto brevemente nell’ombra in fondo. Nel frattempo era tornato in gruppo.

    Anche DSM-firmenich PostNL ha fatto passi avanti. Probabilmente stanno mettendo le loro uova nel paniere del veloce van Ouden.

    Meeus mette la squadra al lavoro

    La Bora-Hansgrohe ha messo 3 uomini in testa al gruppo. Anche Interarché-Wanty si mette in prima linea. Stanno inseguendo il gruppo di testa e sembra che stia dando i suoi frutti. Il divario è solo 1’10”.

    Dhaba sta attraversando un momento difficile

    Scalando l’Heastsberg, il comandante Maxime Duba deve lasciare un varco nei suoi colleghi in fuga. Dopo poco chiamano di nuovo.