QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Si scopre che il neurotrasmettitore ti scuote il cervello 100 volte a notte (ma tu stesso non te ne accorgi)

È davvero una buona notizia: migliora la memoria e ti fa svegliare riposato la mattina dopo.

Potresti pensare che una buona notte di sonno non dovrebbe essere interrotta. Ma niente è meno vero. I ricercatori hanno scoperto che il neurotrasmettitore noradrenalina sveglia il cervello fino a cento volte a notte. Ma non preoccuparti, fa tutto parte di un normale sonno ristoratore e potrebbe anche significare che stai dormendo bene, affermano i ricercatori.

Maggiori informazioni sulla noradrenalina
La noradrenalina è un ormone dello stress e un neurotrasmettitore, che è associato, tra le altre cose, alla risposta di lotta o fuga del corpo. Il corpo produce noradrenalina proprio come l’adrenalina durante lo stress acuto. La pressione sanguigna aumenta e il flusso sanguigno al sistema digerente diminuisce, rendendo il sangue disponibile al cervello e ai muscoli. La noradrenalina influisce anche sull’umore. Le persone che producono troppa poca noradrenalina di solito si sentono frustrate o depresse. L’assunzione eccessiva dell’ormone porta a sentimenti di euforia, stress o ansia. Allo stesso tempo, la noradrenalina aiuta anche a mantenere la concentrazione.

Anche se svegliarsi cento volte a notte sembra piuttosto stancante, non ci si accorge molto. “Neurologicamente parlando, ti svegli perché la tua attività cerebrale è la stessa durante i brevissimi momenti in cui sei veramente sveglio”, spiega la ricercatrice May Andersen. “Ma il momento è così breve che il dormiente non se ne accorge.”

motivo ondulato
La scoperta che la noradrenalina influisce sul nostro sonno è una grande sorpresa. Ricerche precedenti suggerivano che il neurotrasmettitore fosse inattivo durante il sonno. Ma questo non sembra del tutto corretto. Quando dormiamo, il livello di secrezione nel corpo aumenta e diminuisce costantemente. Alti livelli di noradrenalina significano che il cervello è sveglio per un po’, mentre livelli bassi indicano il sonno. In questo modo viene creato un motivo ondulato. In breve, il livello di noradrenalina e il grado di “veglia” sono quindi correlati e cambiano costantemente durante il sonno notturno. E più profonda è la “valle”, migliore è la qualità del sonno.

READ  Nessuna ondata influenzale di nuovo e le conseguenze dopo il corona non sono chiare

memoria
Le dinamiche della noradrenalina influenzano anche la nostra memoria. Così, ci permette di ricordare ciò che abbiamo imparato il giorno prima. “Abbiamo scoperto che parte del nostro sonno è provocato da ondate di noradrenalina”, ha affermato il ricercatore Maiken Nedergaard. “Queste onde assicurano che ci svegliamo molto brevemente e questo è molto importante per la memoria. In breve, si può dire che un breve risveglio ‘reimposta’ il cervello in modo che possa immagazzinare ricordi quando torni a dormire”.

topi
I ricercatori basano queste conclusioni su esperimenti con i topi. Si scopre che i topi con il maggior numero di pool di noradrenalina profonda avevano anche una memoria migliore. “I topi hanno sviluppato una ‘super memoria’”, ha detto la ricercatrice Celia Kirby. “Hanno avuto meno difficoltà a ricordare le cose che avevano imparato il giorno prima. Ciò suggerisce che la dinamica della noradrenalina amplifica i processi del sonno che influenzano la nostra memoria. Sebbene i ricercatori abbiano studiato i topi, affermano che i loro risultati possono essere probabilmente tradotti negli esseri umani, perché si sono concentrati sui meccanismi biologici di base comuni a tutti i mammiferi.

non preoccuparti
La scoperta aggiunge un tassello importante al puzzle di ciò che accade nel cervello quando dormiamo. “Dimostra anche che non devi preoccuparti se ti svegli di notte”, dice Kjærby. “Ovviamente non è una buona idea rimanere svegli per lunghi periodi di tempo, ma il nostro studio suggerisce che il risveglio a breve termine è una parte normale delle fasi del sonno legate alla memoria. Potrebbe significare che hai dormito davvero bene”.

inoltre lo studio Man mano che la nostra conoscenza del sonno si espande, i risultati forniscono anche spunti di riflessione. “Alcune forme di antidepressivi aumentano i livelli di noradrenalina nel corpo”, afferma Kiarbi. Questo può portare a “valli del sonno” meno profonde. Questo, a sua volta, può influenzare la tua memoria”. Secondo il ricercatore, è importante prestare maggiore attenzione a come i diversi tipi di farmaci regolano il livello di noradrenalina nel corpo e influenzano il nostro sonno. “In futuro, dovremmo cercare di sviluppare farmaci che non influiscano sull’ondulazione della noradrenalina”, conclude Kiarbi.”.

READ  Nuovi dati: variante Omicron ancora meno problematica della variante Delta