QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Stoltenberg annuncia nuovi negoziati sul bilancio della difesa | all’estero

Jens Stoltenberg, segretario generale della NATO, ha annunciato nuovi negoziati sulla spesa per la difesa. Ha detto che alcuni membri volevano alzare l’attuale obiettivo minimo.

“Alcuni alleati sono favorevoli a trasformare l’obiettivo del 2% in un obiettivo minimo”, ha detto Stoltenberg all’agenzia di stampa tedesca (dpa). In qualità di presidente del Consiglio Nord Atlantico (NAC), Stoltenberg guiderà i negoziati. “Ci incontreremo e terremo riunioni ministeriali e terremo colloqui nelle capitali”, ha detto. L’obiettivo è raggiungere un accordo al vertice Nato dell’11 e 12 luglio nella capitale lituana, Vilnius.

In un vertice della NATO in Galles nel 2014, gli Stati membri si sono impegnati ad aumentare la spesa per la difesa al 2% del PIL entro il 2024. Ciò è stato deciso dopo che la Russia ha annesso la penisola ucraina di Crimea nel Mar Nero.

Belgio solo entro il 2035

Stoltenberg non ha specificato quali paesi vogliono aumentare la spesa, ma secondo i diplomatici Polonia, Lituania e Gran Bretagna sono favorevoli, soprattutto nel contesto della guerra in Ucraina. Nove Stati membri stanno attualmente raggiungendo l’obiettivo del 2%, ma i piani attuali prevedono che diciannove paesi della NATO lo raggiungano entro il 2024. Altri cinque Stati membri hanno in programma di raggiungere tale budget in un secondo momento.

Il Belgio prevede di raggiungere questo obiettivo di solo il 2% entro il 2035. Ciò è emerso in un messaggio dell’ambasciatore belga presso la NATO al segretario generale Jens Stoltenberg, sui crescenti sforzi belgi.

Leggi anche:

La NATO dovrebbe aumentare la produzione di armi, afferma Stoltenberg

READ  Il partito del premier etiope vince quasi tutti i seggi

Capo Nato: “Gli attacchi ucraini contro obiettivi militari in Russia sono del tutto legittimi”

“Se va male, può andare terribilmente male”: il capo della NATO avverte che la guerra potrebbe trasformarsi in un conflitto più ampio