QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Come il marchio di conserve Bonduelle viene coinvolto nel conflitto russo-ucraino

© Yartsevo Live

Sarebbe opportuno un boicottaggio delle verdure in scatola. È solo una delle tante reazioni sui social media dopo che sono circolate notizie secondo cui Bondel avrebbe fornito verdure in scatola ai soldati russi al fronte. L’azienda nega con veemenza e cerca di salvare il salvabile.

L’azienda conserviera è una delle poche aziende europee che ha continuato la sua attività in Russia dopo la guerra in Ucraina. E si è scoperto che questo non era apprezzato da loro.

Perché il canale di notizie indipendente Yartsevo Live ha recentemente inviato alcune foto di soldati russi che ricevono il loro pacco natalizio al fronte. Liquori, sigarette, carne e pesce in scatola, e… il cibo in scatola di Bondwell.

Secondo Yartsevo Live, 10.000 russi riceveranno un pacchetto natalizio come questo.

Il feedback non è stato imminente. Molti paesi hanno già chiesto il boicottaggio delle verdure in scatola.

Nel frattempo, la regista russa Eliseeva è fidanzata. Avrà legami con l’FSB, il servizio di sicurezza russo. Lo rivendica da tempo. Ma ora che le foto delle lattine sono uscite, vengono usate come prova. Anche se la donna nega con forza e afferma che Pondel ha effettivamente distribuito prodotti in scatola, ma poi ai russi privi di diritti civili e certamente non ai soldati russi al fronte. Ha anche negato le accuse di aver augurato buona fortuna ai soldati in un biglietto fornito con il regalo di Natale.

Questo contiene contenuti incorporati da una rete di social media che desidera scrivere o leggere cookie. Non hai dato il permesso per questo.

Il Gruppo Bondwell, che è inavvertitamente legato alla controversia, ha risposto e nega vigorosamente tutte le accuse. Sostengono di aver consegnato i pacchi natalizi ai meno fortunati in Russia, ma negano di aver fornito soldati russi e parlano di rapporti fuorvianti.

Il gruppo francese realizza il 5 per cento del suo fatturato annuo (circa 150 milioni di euro) in Russia, dove impiega 1.000 persone.

READ  L'esercito del Burkina Faso libera più di sessanta rapiti, bambini e neonati | All'estero