QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Turista arrabbiato distrugge le statue dei Musei Vaticani perché non può vedere il Papa

Dopo un lunghissimo periodo di chiusura o di accesso limitato a causa della pandemia di Corona, i Musei Vaticani possono ora ricevere di nuovo molti turisti. Prima di Corona, ogni anno arrivavano circa 6 milioni di visitatori. All’epoca, questo aveva già sollevato preoccupazioni tra gli intenditori d’arte e le guide turistiche. I Musei Vaticani, ospitati in edifici antichi, sono mal attrezzati in molti luoghi per accogliere migliaia di visitatori ogni ora.

Ora che l’afflusso di turisti è di nuovo in aumento, cresce anche la preoccupazione. Con l’avvicinarsi dell’Anno Santo nel 2025, il Vaticano vuole quindi puntare maggiormente sulla sicurezza. Esiste già un ampio e sofisticato sistema di videosorveglianza.

L’attacco più famoso a un’opera d’arte in Vaticano avvenne nel 1972. Poi un uomo ungherese saltò da un altare laterale a St. beta dell’artista rinascimentale Michelangelo con un martello. Ha tagliato il braccio sinistro di Madonna e le ha rotto il naso e il velo. Da allora l’opera d’arte è stata esposta dietro un vetro antiproiettile.

La scorsa estate i turisti hanno causato ancora più panico tra i residenti di Roma. Così è diventato Una donna canadese sorpresa a strofinare il suo nome nel Colosseo. I turisti americani guidano le loro moto sulla scalinata di Piazza di Spagnae hUn turista dell’Arabia Saudita ha guidato la sua auto sportiva a noleggio Spani Steps di notte.

READ  La guardia costiera greca spara colpi di avvertimento contro una nave turca