QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Tutto ciò che non è crollato adesso è crollato”: tante le vittime dopo i nuovi terremoti in Turchia e Siria

“Tutto ciò che non è crollato adesso è crollato”: tante le vittime dopo i nuovi terremoti in Turchia e Siria

Secondo la Turkish Disaster Relief Agency, ha riferito, l’epicentro del terremoto è stato a Defne, nella provincia di Hatay, e la prima scossa si è verificata a una profondità di dieci chilometri alle 20:04 ora locale, le 18:04 da noi. Secondo un canale televisivo La CNN se n’è andata Il vapore è uscito nella provincia turca di Hatay. Diversi testimoni hanno riferito che gli edifici di Antakya, la capitale di Hatay, sono stati danneggiati dal terremoto. Forse a causa di problemi elettrici, gli incendi sono scoppiati in diversi punti.

Testimoniare “la terra sotto i nostri piedi” La CNN se n’è andata– Capo giornalista Deferin. “Eravamo nel campo tendato e tutto tremava incredibilmente. La gente stava ancora preparando il cibo sui fuochi. I bambini erano molto spaventati. Non è stata una scossa di assestamento”.

“numero di feriti”

I giornalisti dell’AFP ad Antakya e Adana, 200 chilometri a nord di Defne, hanno affermato di aver sentito il sisma “molto chiaramente”. Secondo il giornalista Adam Mitan, i terremoti verificatisi lunedì sera hanno nuovamente causato gravi danni. “Tutto ciò che non è crollato è crollato ora”, dice.

si trova a Hatay. L’intera città dove si trova in questo momento è completamente avvolta dal fumo a causa dei nuovi terremoti. Almeno tre persone sono state uccise e 213 persone sono state ricoverate in ospedale nella provincia di Hatay, secondo il ministro dell’Interno turco Suleyman Soylu. Il ministro avverte i residenti di tornare subito a casa. Ha anche parlato di almeno 26 scosse di assestamento nella notte di lunedì.

Muri e balconi sono crollati

Nella Siria nordoccidentale controllata dai ribelli, le persone si sono lanciate dai tetti e dalle terrazze per salvarsi. L’Osservatorio siriano per i diritti umani con sede nel Regno Unito ha affermato che la caduta di mattoni e detriti ha colpito anche persone a Salqin, Hareem, Idlib, Khirbet al-Yuz e nelle aree rurali vicino ad Aleppo. Nella città di Hama, nella Siria centrale, diverse persone sono rimaste ferite dalla caduta di detriti.

READ  Gli investigatori britannici cercano più che possono il bambino, genitori scomparsi arrestati dopo quasi due mesi | al di fuori

“Molte persone hanno lasciato le loro case e sono scese in strada, temendo altri terremoti, anche nella capitale, Damasco”, ha detto su Twitter una portavoce dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR).

“Pensavo che il terreno si stesse aprendo sotto i miei piedi”, ha detto Mona Al-Omar, che vive nella zona colpita. Reuters. Un altro testimone racconta come lui ei suoi parenti si siano uniti l’un l’altro quando si è verificato il terremoto. “Non sapevamo cos’altro fare. Abbiamo visto i muri sgretolarsi. Era come se la terra si aprisse sotto di noi e ci risucchiasse”.

Atta Kosar era a casa sua per la prima volta dal terremoto più forte di due settimane fa. “Ti ho mostrato cosa fare se si verifica un altro terremoto”, dice. “È caduto a terra. E quando mi sono sdraiato lì, ce n’era un altro. Abbiamo sentito crollare altri edifici e anche la nostra casa è stata danneggiata di più”.

Sabato terremoto

Sabato sera si è verificato un altro terremoto nel sud-est della Turchia, di magnitudo 5,3 sulla scala Richter. Per quanto si sa, non ci sono state ulteriori vittime. Secondo Afad, dopo i gravi terremoti di due settimane fa sono state registrate più di 6.000 scosse di assestamento.

Il 6 febbraio la regione di confine turco-siriana è stata colpita da una serie di forti terremoti, di magnitudo 7,8 della scala Richter. Più di 47.000 persone sono state uccise, più di 41.000 solo in Turchia. Questo equilibrio continua ad aumentare ogni giorno. La provincia di Hatay era già una delle province più colpite in quel momento. Domenica le autorità turche hanno sospeso tutte le operazioni di salvataggio, ad eccezione di Hatay e Kahramanmaraş.

READ  L’Italia sta adottando misure più severe sull’immigrazione per scoraggiare gli attraversamenti del Mediterraneo