QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Non ce n’è bisogno”

Coloro che devono identificarsi online, ad esempio per compilare una dichiarazione dei redditi, hanno potuto prepararsi per un jingle tour qualche anno fa. I lettori di carte d’identità si sono dimostrati affidabili quanto gli orari di arrivo nel centro di Bruxelles. Chi ha richiesto un cosiddetto “token” per la registrazione online ha dovuto attendere l’arrivo della lettera nella casella di posta. Questo per quanto riguarda Internet.

Con Itsme, questo è finalmente cambiato. Da oggi chiunque può confermare la propria identità da cellulare con un semplice codice di sicurezza. Dal suo lancio nel 2017, 6,5 milioni di belgi lo hanno già utilizzato. Itsme divenne rapidamente un nome familiare.

Tuttavia, se tocca al segretario di Stato per il Digital Matteo Michel (MR), ci sarà concorrenza. Martedì è stato annunciato che il governo sta lavorando alla propria versione dell’app di identificazione sotto la sua approvazione. Lo sviluppo nelle mani del Servizio pubblico federale BOSA.

Secondo Michel, il nuovo Itsme fa parte del “portafoglio digitale” che ogni belga dovrebbe avere entro il 2023. Questo portafoglio è una piattaforma in cui sono conservate tutte le comunicazioni tra governo e cittadini e dove tutti possono accedere a documenti importanti. A questo scopo è stato stanziato un budget di 50 milioni di euro.

La notizia è stata subito accolta con aspre critiche. Perché il nostro Paese ha già il suo Itsme: è lo stesso. Dall’anno scorso, il governo – attraverso la Federal Partnership and Investment Company (FPIM) – è stato il maggior contributore all’identificatore mobile belga, che ha sviluppato l’app. SFPI possiede un quinto delle azioni.

READ  L'UE vuole aprire grandi servizi di chat come WhatsApp e iMessage - IT Pro - News

Inoltre, in quel momento, il governo decise di non sviluppare una propria app. Verrà invece fornito supporto a un consorzio appositamente creato di grandi banche (Belfius, ING, KBC, BNP Paribas Fortis) e società di telecomunicazioni (Orange, Proximus, Telenet).

Troppo tardi

Secondo i critici, il piano di Michele equivale a un mero spreco di denaro. “Sembra uno scherzo costoso e non necessario”, afferma Frederic de Buschere, stratega presso il principale studio di prodotti digitali In The Pocket. “Anni fa, le persone non volevano investire i propri soldi nella propria app, quindi hanno scelto di supportare Itsme. Ora stanno tornando indietro e stanno sviluppando un’app comunque. Scusate: questa strategia avrebbe potuto essere implementata anni fa, ma è troppo tardi per questo adesso”.

De Bosschere sottolinea inoltre che Itsme costa più della semplice costruzione di una piattaforma. “Oltre alla tecnologia, anche l’adozione è fondamentale: ci sono abbastanza persone che usano la tua app? È necessario investire molti soldi nel marketing per convincere le persone. E sarà difficile, perché hanno già una soluzione: Itsme”.

Secondo Michel, non è certo l’intenzione di competere con Itsme dal mercato. Sembra che i due possano convivere perfettamente. La versione belga accederà solo al governo, mentre le banche usano anche Itsme, ad esempio.

Il Ministro di Stato per il Digitale Matteo Michel (MR) vuole sviluppare la nuova applicazione.foto notizie foto

“Pensiamo ancora che Itsme sia un ottimo sistema. Ma se vuoi essere un buon padre di famiglia, dovresti anche cercare un’alternativa”, afferma Koen Beauman, portavoce di Michelle. Si teme che a un certo punto Itsme venga ceduta a una società straniera e che il nostro Paese non abbia più un controllo sufficiente sulla sicurezza del trattamento dei dati.

Il contesto geopolitico gioca un ruolo. La guerra in Ucraina e l’incertezza sulle forniture di energia dalla Russia hanno messo l’Occidente di fronte ai fatti: coloro che esternalizzano tutto a volte si rendono vulnerabili agli abusi. Se milioni di belgi utilizzassero un’app nelle loro comunicazioni con il governo, il governo non gestirebbe meglio quell’app da solo?

Ma la verità è anche che c’è una grande quantità di frode tra il governo e l’identificatore di telefoni cellulari belga. Alcuni anni fa, la legge prevedeva che il nostro Paese pagasse un massimo di 450mila euro all’anno per l’utilizzo di Itsme. Ma intanto, secondo le fonti, l’azienda chiede molto, a seguito di una discussione tecnica su cosa rientra nel budget. D’altra parte, il tetto non è stato raggiunto negli ultimi anni. L’anno scorso sono stati pagati 350mila euro e negli anni precedenti non erano più di 260mila euro.

L’ufficiale civile senior Frank Rubin, il padre ombra dei sistemi informatici federali, ha preso molte lezioni contro Itsme alcune settimane fa. Secondo lui, la società dietro l’app sta “abusando in modo non etico della sua ‘posizione precauzionale'” e ha suggerito che il governo si costruisca un’alternativa.

Tuttavia, c’è un avvertimento: Robin, che dirige il fornitore di servizi IT Smalls, viene talvolta criticato per essersi comportato come un monopolista. E se il governo vuole creare una versione di Itsme stessa, ci sono buone probabilità che il lavoro con Smals prima o poi venga fatto. Nessuno nel gabinetto di Michelle e nel servizio governativo competente potrebbe dire martedì se Frank Rubin o Smalls fossero coinvolti nei piani attuali.