QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Un hacker etico accede ai dati sensibili dei belgi tramite vecchi nomi di dominio – Computer – Notizie

L'hacker etico Inti De Ceukelaire è riuscito ad accedere a informazioni sensibili dei residenti belgi registrando nomi di dominio scaduti per servizi governativi. Ha acquistato 107 nomi di dominio diversi, inclusi i nomi di distretti di polizia, ospedali e istituzioni legali.

De Ceukelaire ha acquistato in questo modo i nomi di dominio per circa otto euro ciascuno scrive in un post sul blog. I nomi di dominio provenivano da diverse istituzioni pubbliche e servizi governativi belgi. Si tratta, ad esempio, di 44 OCMW o centri pubblici di assistenza sociale. De Ceukelaire ha inoltre acquistato 32 poligoni dell'ex distretto di polizia, di cui 12 CAWE 12 da centri di consulenza studentesca, 4 da ospedali e 3 da istituzioni legali, come i tribunali locali.

Attraverso i nomi a dominio in suo possesso, De Ceukelaire poteva ricevere email dirette ai domini in questione. L'hacker dal cappello bianco ha cercato vecchi indirizzi e-mail per diversi domini tramite fonti pubbliche. Ha poi valutato se fosse teoricamente possibile reimpostare le password per i servizi cloud più diffusi.

De Ceukelaire ha affermato di essere stato in grado di identificare 848 diversi indirizzi e-mail in una settimana. L'hacker è riuscito a ottenere e-mail di “reimpostazione della password” per 80 account Dropbox, 142 account Google Drive, 57 account Microsoft, OneDrive e Sharepoint e dozzine di account Smartschool e Doccle. In realtà non ha effettuato l'accesso a questi account.

L'hacker etico ha ricevuto anche centinaia di altri messaggi in una settimana. Ciò includeva informazioni sui rilasci dei detenuti, promemoria sugli arretrati di pagamento, e-mail sulla salute delle persone vulnerabili, rapporti assicurativi e altro ancora. De Ceukelaire non ha letto intenzionalmente quelle email; Il contenuto può essere estratto dagli argomenti.

READ  L'attivista collaboratore chiede che la first lady Solvay se ne vada

Un hacker etico tenterà di restituire i domini ai legittimi proprietari, VRT dice. De Ceukelaire raccomanda inoltre alle organizzazioni e alle aziende di rinnovare automaticamente i nomi di dominio, o almeno di rinnovarli per “almeno dieci anni”, per evitare questo tipo di fuga di dati.