QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Wall Street ha chiuso in ribasso dopo le preoccupazioni della Fed

Wall Street ha chiuso in ribasso dopo le preoccupazioni della Fed

(APMF IN-DOW JONES) I mercati azionari statunitensi hanno chiuso in ribasso mercoledì dopo che i verbali della riunione della Federal Reserve hanno mostrato serie preoccupazioni per l’inflazione persistente.

L'indice Standard & Poor's 500 ha chiuso in ribasso dello 0,3% a 5.307,01 punti, l'indice Nasdaq è sceso dello 0,2% a 16.801,54 punti e l'indice Dow Jones ha perso lo 0,5% a 39.671,04 punti.

Mercoledì è stato il giorno dei verbali della riunione della Fed e dei numeri di Nvidia, che sono stati rilasciati ore dopo.

I verbali della riunione di politica monetaria della Fed del 30 aprile-1 maggio hanno mostrato che i membri sono preoccupati per la mancanza di progressi verso la riduzione dell'inflazione negli ultimi mesi. Dal verbale emerge anche che “diversi partecipanti” hanno discusso della loro disponibilità ad aumentare i tassi di interesse se l'inflazione non fosse scesa ulteriormente verso l'obiettivo del 2%.

I membri del comitato hanno inoltre espresso preoccupazione per il fatto che i consumatori si rivolgano a forme di finanziamento più rischiose per coprire le proprie spese mentre le pressioni inflazionistiche continuano. “Molti partecipanti hanno notato che le finanze delle famiglie a basso e medio reddito sono sotto crescente pressione, cosa che questi partecipanti considerano un rischio al ribasso per le aspettative di consumo”, si legge nei verbali. Hanno sottolineato il maggiore utilizzo delle carte di credito e dei servizi “acquista ora-paga dopo”, nonché un aumento dei tassi di ritardo nei pagamenti per alcuni tipi di prestiti al consumo.

Le persone erano ampiamente ottimiste riguardo alle prospettive di crescita, anche se si aspettavano una certa moderazione quest’anno. Hanno anche affermato di aspettarsi che l’inflazione alla fine ritorni all’obiettivo del 2%, ma stanno diventando più ambigui su quanto tempo ci vorrà e quanto i tassi di interesse più elevati influenzeranno il processo in quel periodo.

READ  Jean-Marc Nollet dice che i negoziati con Engy sono difficili Notizie

Mercoledì è emerso anche che le vendite di case esistenti negli Stati Uniti sono diminuite nel mese di aprile. Su base mensile, le vendite sono diminuite dell'1,9% a 4,14 milioni di case su base annua. Gli economisti avevano precedentemente previsto un aumento dell'1,4% a 4,25 milioni di case vendute. Il prezzo medio di vendita è stato di $ 407.600. Ciò rappresenta un aumento del 5,7% su base annua.

I prezzi del petrolio sono diminuiti, in parte a causa dell’aumento delle scorte petrolifere negli Stati Uniti. Il prezzo del barile di greggio West Texas Intermediate è sceso dell'1,4% raggiungendo i 77,57 dollari.

Negli Stati Uniti il ​​tasso d'interesse a dieci anni è salito leggermente al 4,43%. L'EUR/USD è sceso leggermente a 1,0820.

Quelli che si alzano e quelli che cadono

Le azioni di Nvidia hanno chiuso in ribasso dello 0,5% prima dell'annuncio dei numeri. Gli analisti prevedono che i ricavi quasi quadruplicheranno, raggiungendo i 24,6 miliardi di dollari, nell’ultimo trimestre, mentre si prevede che gli utili aumenteranno di cinque volte, raggiungendo i 5,60 dollari per azione. Il gruppo stesso mirava a realizzare un fatturato compreso tra 23,5 e 24,5 miliardi di dollari.

L'obiettivo è sceso dell'8,0% dopo i dati deludenti sugli utili. Il rivenditore ha affermato che sta per porre fine a una serie di cali di vendite simili che continuano da anni.

Le azioni di Toll Brothers sono scese dell'8,5% anche se il costruttore di case di lusso ha riportato risultati trimestrali migliori del previsto.

Secondo un rapporto di Bloomberg, le azioni Tesla sono scese del 3,5% dopo che le vendite della società in Europa sono scese al livello più basso degli ultimi 15 mesi.

READ  I grattacieli alti 120 chilometri dovrebbero essere il gioiello della corona dell'Arabia Saudita

Le azioni ViaSat sono scese di quasi il 16,5%. La società di comunicazioni satellitari ha registrato una perdita nell'ultimo trimestre, mentre i ricavi sono aumentati del 73%, grazie al contributo della recente acquisizione di Inmarsat.

Le azioni di Urban Outfitters sono scese del 4,6% dopo gli utili. La società ha riportato un utile rettificato di 0,69 dollari per azione durante il trimestre, battendo le aspettative degli analisti di 0,53 dollari per azione. Le vendite sono aumentate del 7,8% raggiungendo 1,2 miliardi di dollari.

Fonte: Notizie finanziarie ABM

ABM Financial News è una risorsa per notizie, video e dati sul mercato azionario, sia per piattaforme e sale di negoziazione in tempo reale che per pubblicazioni multimediali online e offline. Le informazioni contenute in questo articolo non intendono fornire una consulenza professionale in materia di investimenti o una raccomandazione per effettuare investimenti particolari.