QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Un ladro di manoscritti ha terrorizzato il mondo letterario, ma qual è il suo movente?

Gli inganni, i traffici e gli inganni di Filippo Bernardini sono probabilmente più interessanti dei manoscritti che ha rubato. Per anni è stato il terrore del mondo letterario: ha cercato di rubare manoscritti inediti con sofisticate tecniche di phishing. Fingere di essere altri autori, rappresentanti letterari, editori o redattori. Spesso acquistava nomi di dominio che differivano solo di una lettera per rivolgersi alle vittime con indirizzi e-mail falsi. Penguin Random House, una famosa casa editrice, divenne Penguin Randorn una casa. Solo una differenza nelle lettere che spesso passa inosservata alle sue vittime in una chiazza di posta elettronica dietro un segno di chiocciola.

Filippo Bernardini ©RR.

Ad esempio, invia un’e-mail a Saskia de Coster come se fosse “Daniel” della sua casa editrice, Das Mag. Ma de Coster si accorse presto che qualcosa non andava. Il previsto “Daniel” era insolitamente corto, cosa che non era sua abitudine. Abbastanza stranoè che l’indirizzo in questione terminava con @dasma.nl e non con @dasmag.nl.

De Coster non è caduto nella sua trappola, ma il trucco ha funzionato per altri autori. Ad esempio, usa il gergo e mostra la conoscenza del mondo dell’editoria. A volte conosceva i nomi dei personaggi dai manoscritti che voleva rubare, spesso rubandoli a un ignaro editore, e comunicava in un modo che sembrava essere un “insider”. Quindi aveva una conoscenza privilegiata. L’italiano una volta ha lavorato per una vera casa editrice: a Londra ha lavorato per un periodo presso la casa editrice americana Simon & Schutser. Ha anche svolto uno stage presso Granta, editore e rivista letteraria britannica, e Andrew Nurnberg Associates

Credenziali e database rubati

In tutto, il ladro di manoscritti ha acquistato più di 160 di quei nomi di dominio falsi ed è stato attivo dal 2016 fino all’estate del 2021, secondo l’accusa dell’FBI. L’indagine dell’FBI ha anche mostrato che Bernardini ha utilizzato false pagine di accesso per ottenere i dettagli di accesso dei dipendenti di società di scouting letterario. Con questi accessi, può sfogliare i database di quelle società. Lì trovò principalmente brevi riassunti e altri dettagli su libri e manoscritti inediti. Leggeva anche pubblicazioni specializzate che pubblicizzavano offerte di libri per trovare nuove vittime.

All’inizio dello scorso anno, Bernardini è stato arrestato a New York dall’FBI per “furto di identità, frode, tentata frode e centinaia di individui”. Simon e Schüzer, il suo datore di lavoro, rimasero scioccati e un’ondata di sollievo travolse il mondo letterario. Tuttavia, tutte le parti coinvolte sono rimaste con molte domande: perché cosa ha motivato quest’uomo?

“ossessionato dalla parola scritta”

Nonostante le indagini dell’FBI, il movente rimane una congettura. Profilo del New York Magazine di Bernardini. Sui suoi social – dove spesso usa solo il suo nome – ha indicato di essere “ossessionato dalle parole scritte e dai linguaggi”. Sempre secondo il profilo sulla rivista, Bernardini ha scritto un libro in giovane età. Il personaggio principale è un adolescente vittima di bullismo che ama Internet e colpisce alla grande quando mette le mani su un nuovo manoscritto di Harry Potter. Il profilo dipinge l’immagine di un uomo con una malsana passione per il mondo letterario, ma nessuna vera motivazione mostrata. Né ha mai chiesto un riscatto, estorto nessuna delle sue vittime o distribuito manoscritti su Internet.

In De Standaard, De Coster ha descritto le sue azioni e azioni come “insondabili”. “Avevo sperato che dietro ci fosse un team collettivo, come gli hacker etici, che avrebbe fatto qualcosa per scuotere il mondo dell’editoria conservatrice, ma sospetto che abbia agito per ambizione o frustrazione”.

Bernardini si è dichiarato colpevole venerdì. Ha accettato di pagare una multa di $ 88.000 e sarà condannato il 5 aprile. Rischia fino a 20 anni di carcere.

READ  Il nuovo film di Reminiscence di Hugh Jackman si è rivelato un enorme fallimento