QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Un nuovo modo per separare le particelle facilita il riciclaggio

La dottoressa Saskia Lindaud, ricercatrice dell’Università del Texas, e il dottorando Jerry Van Lente hanno fatto un passo avanti nella loro ricerca sulla separazione molecolare, scrive l’Università di Twente in comunicato stampa. La ricerca di Lindow e Van Lente è stata pubblicata questa settimana sull’International Journal Piccolo Van WileySerie Astro nascente.

Dott.. Saskia Lindaud: “Nel processo della nostra ricerca, ci siamo ispirati al metodo di separazione delle molecole in biologia. Abbiamo scoperto un nuovo metodo con cui possiamo separare un enzima da una complessa miscela proteica. L’enzima ha completamente mantenuto le sue proprietà specifiche .”

“Questo processo di separazione delle particelle è molto importante per la società”, spiega Lindow. “Pensa al recupero e al riciclaggio di particelle preziose o residui di farmaci dalle acque reflue. O anche al recupero di alcune sostanze chimiche dalle acque reflue in modo da essere meno dipendenti dal petrolio in futuro. Otteniamo non c’è ancora. Continuiamo a interrogarci su altre domande che rimangono nel processo di ricerca per separare le molecole. Tuttavia, i nostri risultati sono un buon passo in quella direzione”.

processo di ricerca

Lindhoud e Van Lente hanno semplicemente usato una lattina di polvere di proteine ​​dell’uovo del supermercato per la loro ricerca. Questa polvere contiene l’enzima lisozima in concentrazione ragionevole. Lindhood: “I nostri risultati mostrano che possiamo effettivamente assorbire selettivamente il lisozima da questa miscela di proteine ​​dell’uovo. Inoltre, anche il lisozima rimane attivo e la struttura dell’enzima non è influenzata dal modo in cui ci separiamo in molecole. Il lisozima è ancora in grado di si rompono e quando le molecole vengono separate, è importante preservare le proprietà degli enzimi.

Separazione molecolare

Il metodo utilizzato da Lindhoud per separare le molecole l’una dall’altra si ispira ai sistemi biologici. Ad esempio, le cellule sono brave ad assicurarsi che le molecole giuste siano nel posto giusto per partecipare ai processi biologici. Un modo in cui le cellule lo fanno è utilizzando i compartimenti. Nella classica immagine di una cellula, queste parti sono circondate da una membrana e sono chiamate organelli. Questi organelli galleggiano nel citosol, il fluido cellulare.

Tuttavia, sembra sempre più che questo citosol sia altamente organizzato e sia costituito anche da compartimenti, chiamati organelli privi di membrana. Questi sembrano goccioline e si formano dalla separazione della fase acquosa nell’acqua. Un’ipotesi è che questi organelli privi di membrana assicurino che le molecole giuste siano nel posto giusto al momento giusto. Lindhood: “Se comprendiamo come gli organelli senza membrana possono separarsi con tale precisione, questo offre possibilità di separazione nei processi chimici. Molti organelli senza membrana si formano attraverso le interazioni tra gruppi caricati negativamente e positivamente su proteine ​​e RNA”.

Nel nostro laboratorio lo imitiamo usando polimeri caricati positivamente e negativamente. Il polimero è una lunga molecola costituita da una lunga catena di parti uguali chiamate monomeri. Nel nostro studio, i monomeri sono caricati positivamente o negativamente. Quando si mescolano soluzioni di questi polimeri caricati positivamente e negativamente, si formano strutture simili a goccioline con proprietà simili agli organelli senza membrana. Come gli organelli privi di membrana, le nostre goccioline modello possono assorbire selettivamente una proteina, nel nostro caso il lisozima, da una miscela proteica complessa. “

READ  Dopo l'India, ora anche le organizzazioni umanitarie mettono in guardia sulla situazione di Corona nell'Africa subsahariana

Interessante anche: La produzione di molecole di base potrebbe essere più sostenibile in Europa