QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Un problema globale: nei nidi degli uccelli compaiono le maschere per la bocca | gli animali

L’inquinamento da plastica ha sempre afflitto la nostra natura. Ma dopo la pandemia di Corona, molti materiali protettivi – come le mascherine per la bocca – sono comparsi anche negli animali, e negli uccelli in particolare. Non solo gli uccelli possono impantanarsi in esso, ma usano anche i rifiuti per fare i loro nidi, secondo studio internazionale.

Progetto di scienza in linea uccelli e detriti Raccoglie foto da tutto il mondo di uccelli che entrano in contatto con i rifiuti. Quasi un quarto delle foto mostra uccelli intrappolati in indumenti protettivi, per lo più maschere facciali monouso, hanno detto i ricercatori.

Il progetto, guidato da scienziati dell’Environmental Research Institute, parte del North Highland College (UHI) scozzese, durerà quattro anni. Sono già state raccolte più di 400 segnalazioni da tutto il mondo. Ad esempio, c’è la foto di un gabbiano reale con un sacchetto di plastica sulla zampa, un nido di uccelli a Bogotà (Colombia) con una corda di plastica e un airone morto in Mauritania con una rete da pesca avvolta attorno al becco.

Uccello morto con una rete da pesca sul becco © rv

Secondo lo scienziato britannico Alex Bond, i rifiuti di plastica degli uccelli sono un “problema globale”. “Se lo cerchi, lo troverai ovunque”, spiega alla BBC. La maggior parte delle scene erano negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Canada e in Australia, ma c’erano anche foto di altri 23 paesi, tra cui Germania, Francia, Finlandia, India e Italia. “Si tratta quasi sempre di maschere per il viso”, dice Bond.

Si stima che al culmine della pandemia, ogni mese in tutto il mondo fossero usati 129 miliardi di mascherine e 65 miliardi di guanti. Ricerche precedenti hanno indicato che circa 1,6 miliardi di mascherine usa e getta finiranno nell’oceano entro il 2020.

La cicogna ha lavorato i rifiuti nel suo nido.

La cicogna ha lavorato i rifiuti nel suo nido. © Stuart Fine

Gli scienziati sperano che le autorità traggano lezioni da questo. È chiaro che la gestione dei rifiuti deve essere molto migliore. Perché anche se le maschere per la bocca non sono più obbligatorie nella maggior parte dei luoghi del mondo, sfortunatamente questi dispositivi di protezione rimarranno nella natura per molto tempo.

Microplastiche

La maggior parte degli indumenti protettivi contiene plastica e possono essere necessari decenni o addirittura secoli per degradarsi. Quando le maschere della bocca che li circondano alla fine si disintegrano, le microplastiche finiscono nella catena alimentare. In questo modo, il problema ambientale rischia di perseguitarci ancora a lungo.

I primi avvistamenti di un uccello intrecciato in una maschera per la bocca sono avvenuti in Canada nell’aprile 2020, hanno affermato i ricercatori, e da allora questi avvistamenti hanno acquisito “slancio internazionale”. Incoraggiano anche le persone a segnalare gli uccelli feriti o impigliati a un veterinario o un rifugio locale.

Il nido è fatto, tra l'altro, di rifiuti di plastica

Il nido è fatto, tra l’altro, di rifiuti di plastica © rv

Leggi anche: Le maschere a bocca sparsa possono danneggiare l’ambiente per secoli

READ  Israele abbassa a 50 anni l'età del vaccino di richiamo | interni