QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Un semplice cambiamento nella dieta può ridurre il rischio di malattie cardiache del 18%.

Un semplice cambiamento nella dieta può ridurre il rischio di malattie cardiache del 18%.

I ricercatori hanno analizzato i dati di un ampio e noto database biomedico chiamato UK Biobank, che contiene informazioni sanitarie su oltre 500.000 persone di età compresa tra 40 e 70 anni in tutta la Gran Bretagna.

Sono stati esclusi i partecipanti che già avevano problemi cardiaci.

Piccolo cambiamento, grande differenza

A ogni partecipante è stato chiesto quanto spesso aggiungeva sale ai propri pasti: mai/raramente, a volte, solitamente o sempre.

I partecipanti sono stati poi seguiti per 11 anni e uno dei risultati è stato che i partecipanti che non avevano mai mangiato sale avevano il 18% in meno di probabilità di sviluppare un tipo specifico di disturbo del ritmo cardiaco chiamato fibrillazione atriale.

In confronto, le persone che salavano il cibo occasionalmente avevano il 15% in meno di probabilità di sviluppare malattie cardiache.

Secondo i ricercatori, i risultati hanno dimostrato che le persone che mettono sempre sale nel cibo potrebbero ridurre il rischio di malattie cardiache del 12%, se modificassero il consumo di sale in modo da utilizzare solo le spezie “normalmente”.

Ecco perché i ricercatori ci incoraggiano anche a mangiare un massimo di 5 grammi di sale al giorno. Come raccomandato dalle linee guida ufficiali

Questo è all’incirca l’equivalente di un cucchiaino da tè e comprende il sale che consumiamo da prodotti trasformati come carne, pane e piatti pronti.

La ricerca è stata presentata solo ad una conferenza internazionale sul cuore e deve ancora essere ricevuta Revisione tra pari Fa parte della garanzia della qualità della ricerca scientifica.

READ  "Ti devo delle scuse", disse il ginecologo.