QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Un soldato russo ubriaco picchia a morte il suo capitano su un treno

Archivia la foto. ©AP

Un soldato russo è stato arrestato perché sospettato di aver picchiato a morte il suo comandante su un treno. Lo ha annunciato un tribunale militare russo. Il militare era ubriaco al momento dei fatti e rischiava 15 anni di carcere.

L’incidente è avvenuto il 23 dicembre. Il sergente e il suo comandante, che erano stati arruolati nell’esercito durante l’ultima mobilitazione, erano su un treno dell’esercito vicino a Chelyabinsk quando si sono scontrati. Il primo ha aggredito il boss e lo ha colpito più volte, provocandone la morte.

Secondo un comunicato stampa emesso dal tribunale militare adito, il sergente era ubriaco quando ha aggredito il suo comandante. L’imputato è accusato di un reato ai sensi dell’articolo 334, parte 3, del codice penale della Federazione Russa (Assalto al capo, ndr)Dovrà presentarsi in tribunale e rischiare una pena detentiva da 5 a 15 anni.

Questo non è il primo incidente mortale che coinvolge soldati russi inviati in Ucraina durante la mobilitazione annunciata da Vladimir Putin. All’inizio di questo mese, un soldato è soffocato dal suo stesso vomito e soldati sono morti a settembre in strane circostanze.

READ  "Unione di Eva Braun con il Führer": in decine di migliaia firmano una petizione per espellere dalla Svizzera la presunta amante di Putin