QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Una misteriosa macchia scura sul pianeta Nettuno è stata rilevata per la prima volta dalla Terra

Una misteriosa macchia scura sul pianeta Nettuno è stata rilevata per la prima volta dalla Terra

Voto dell’utente: 5 / 5

Utilizzando il Very Large Telescope (VLT) dell’ESO, gli astronomi hanno notato una grande macchia scura nell’atmosfera di Nettuno, insieme a un inaspettato punto luminoso più piccolo. Questa è la prima volta che una macchia scura sul pianeta viene osservata utilizzando un telescopio sulla Terra. Queste caratteristiche sporadiche nell’atmosfera blu di Nettuno hanno sconcertato gli astronomi, ma le nuove scoperte forniscono maggiori informazioni sulla loro natura e origine.

Grandi macchie possono essere spesso viste nelle atmosfere dei pianeti giganti. La più famosa di queste è la Grande Macchia Rossa di Giove. Una macchia scura su Nettuno fu avvistata per la prima volta nel 1989 dalla sonda spaziale Voyager 2 della NASA, ma scomparve pochi anni dopo. “Fin dalla prima scoperta della macchia scura, mi sono sempre chiesto cosa fossero queste caratteristiche oscure, effimere e sfuggenti”, afferma Patrick Irwin, professore all’Università di Oxford (Regno Unito) e ricercatore capo dello studio, pubblicato oggi su la rivista Scienza. Astronomia naturale Pubblicato.

Irwin e il suo team hanno utilizzato i dati del VLT dell’Osservatorio Europeo Australe per escludere macchie scure causate dalla “luminosità” nella copertura nuvolosa. Le nuove osservazioni indicano che sono probabilmente dovute alla presenza di uno strato profondo e scuro di aerosol sotto lo strato di vapore più prominente, dove avviene la miscelazione di ghiaccio e vapore. Non è stato facile arrivare a questa conclusione, perché non sempre le macchie scure sono visibili nell’atmosfera di Nettuno e gli astronomi non hanno avuto la possibilità di studiarle in dettaglio. La situazione è cambiata quando il telescopio spaziale Hubble della NASA e l’Agenzia spaziale europea hanno rilevato diverse macchie scure nell’atmosfera di Nettuno, inclusa una nell’emisfero settentrionale del pianeta che è stata individuata per la prima volta nel 2018. Irwin e il suo team hanno immediatamente iniziato a studiare questo pezzo di terra, utilizzando uno strumento idealmente adatto a queste note difficili.

READ  Perché dobbiamo aspettare iPhone 15 per vedere la vera innovazione

Questa immagine mostra Nettuno osservato con lo strumento MUSE
Dal Very Large Telescope dell’Osservatorio Europeo Australe – Immagine: ESO/P. Irwin et al.

Utilizzando il Multi-Unit Spectroscopic Explorer (MUSE) del VLT, i ricercatori sono stati in grado di dividere la luce solare riflessa da Nettuno e dalla sua macchia nei colori che la compongono, o lunghezze d’onda, e ottenere uno spettro tridimensionale. [1]. Ciò significa che possono studiare la macula in modo più dettagliato di quanto fosse possibile in precedenza. “Sono entusiasta non solo di aver potuto osservare per la prima volta una macchia scura sulla Terra, ma anche di catturare uno spettro riflettente da un punto simile per la prima volta”, afferma Irwin. Poiché in realtà stai scansionando diverse profondità nell’atmosfera di Nettuno a diverse lunghezze d’onda, questo spettro ha permesso agli astronomi di determinare con maggiore precisione l’altezza della macchia scura nell’atmosfera del pianeta. Lo spettro ha anche fornito informazioni sulla composizione chimica dei diversi strati dell’atmosfera, che a loro volta hanno fornito indizi sul motivo per cui la macchia appare scura.

Le osservazioni hanno suscitato anche una sorpresa. “Così abbiamo scoperto una rara nube profonda e luminosa che non era mai stata vista prima, nemmeno dallo spazio”, ha detto il coautore dello studio Michael Wong, ricercatore presso l’Università della California, Berkeley, USA. Questo raro tipo di nube appariva come una macchia luminosa accanto alla macchia scura principale, più grande. I dati del VLT hanno mostrato che la nuova “nube profonda e luminosa” si trovava allo stesso livello nell’atmosfera della macchia scura principale. Ciò significa che questa struttura è molto diversa dalle piccole nubi “compagno” di ghiaccio di metano ad alta quota osservate in precedenza.

READ  La NASA completa il test di rifornimento del razzo Artemis nonostante la perdita - IT Pro - Notizie

Con l’aiuto del telescopio VLT dell’Osservatorio Europeo Australe, gli astronomi possono ora studiare questi tipi di macchie dalla Terra. “Si tratta di un enorme passo avanti. All’inizio potevamo osservare questi punti solo inviandovi una sonda spaziale, come la Voyager. Poi abbiamo avuto l’opportunità di osservarli a distanza con Hubble. Ora la tecnologia è così avanzata che possiamo fallo da zero”, conclude Wong, aggiungendo scherzosamente: “Questo potrebbe rendermi obsoleto come osservatore di Hubble!”

Noccioline

MUSE è uno spettrogramma 3D che consente agli astronomi di osservare un oggetto astronomico, come Nettuno, nella sua interezza. Su ogni pixel, il dispositivo misura l’intensità della luce in funzione del colore o della lunghezza d’onda. I dati risultanti formano una sequenza 3D in cui a ciascun pixel dell’immagine viene fornito uno spettro completo di luce. In tutto, MUSE misura oltre 3.500 colori. Il dispositivo è progettato per utilizzare l’ottica adattiva, che contrasta l’effetto della turbolenza nell’atmosfera terrestre, ottenendo immagini più nitide. Senza questa combinazione di proprietà non sarebbe stato possibile studiare la macchia oscura di Nettuno dalla Terra.

fonte: iso