QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

WIA, Wieler Awards di Spurza: chi ha registrato il successo primaverile, chi ha cantato il miglior duetto?  |  Ciclismo

WIA, Wieler Awards di Spurza: chi ha registrato il successo primaverile, chi ha cantato il miglior duetto? | Ciclismo

Con la Liegi-Bastogne-Liegi è stato implementato l’ultimo numero della lista dei gironi primaverili del ciclismo. Prima che la musica finisca del tutto, consegneremo dei premi con Sporza. In analogia con i MIA per i prezzi della musica, suggeriamo: WIA e WIEller UNreparti.

Hit dell’anno: Philip Maciejok a Ronde

Abbiamo dato subito il tono con una prima coppa davvero poco invidiabile in questo caso. Philippe Maciejok ha fatto infuriare l’intero gruppo quando ha perso il controllo della sua moto al Giro delle Fiandre dopo una manovra avventata e ha fatto cadere un gruppo di compagni di squadra come una palla da bowling.

NO 3 colpi e fuori Per una piscina, ma un colpo e si riempie subito. Maciejuk è stato sospeso dal corso e in seguito si è scusato abbondantemente.

Solo donna: Lotte Kopecky indossa Nokere Koerse

Uno con poche note stonate, il successo di Lotte Kopecky questa primavera è stata una serie di primi due arrivi.

Forse la vittoria più notevole di Kopecky è stata la Nokere Koerse. Pochi giorni dopo la tragica morte di suo fratello, ha messo tutte le sue emozioni in un impressionante assolo in Dead Runner’s Race.

Solo maschile: Tom Pidcock alla Strade Bianche

La primavera di Tom Pidcock non è stata proprio quella sperata dopo aver subito una commozione cerebrale alla Tirreno-Adriatico, ma il patto di apertura c’è stato. Sulla Strade Bianche, il britannico ha già iniziato le sue scorribande verso la gloria a 50 chilometri da Siena.

Miglior recitazione dal vivo: Tadej Pogacar a Parigi – Nizza

Tadej Pogacar ha già dimostrato in passato di poter vincere un premio WIA anche nelle categorie Rap o Hip-Hop. Ma niente batte un’esibizione dal vivo dello sloveno Mozart. Mentre ha distrutto quasi con noncuranza la competizione a Parigi-Nizza, ha anche fatto alcune mosse di danza in bicicletta nel mezzo.

Miglior duetto: Van Aert-Laporte in Gent-Wevelgem

Non un “duetto con note stonate”, ma un canone perfetto: Wout van Aert e Christophe Laporte hanno condotto in perfetta sintonia con i due verso Wevelgem. Alla fine, Van Aert è stato abbastanza cavalleresco da regalare a Laporte un applauso.

Produttore dell’anno: Leo van Fleet all’Amstel Gold Race

Questo è un po’ fuori luogo, ma il produttore Leo van Vliet a volte vuole andare un po’ troppo oltre quando mette in scena gli “Amici di Amstel”. L’olandese era così felice di essere riuscito ad attirare Tadej Pogacar come headliner del suo festival, che ha fatto di tutto per renderlo un successo. Anche se non era su un pilota Pogacar, gli è stato offerto un aiuto extra senza chiedere.

Targa dell’Anno: Posto sul podio dopo Milano – Sanremo

Foto indimenticabile, forse la più bella della primavera: i tre corridori della Milano-Sanremo stipati su una sedia troppo piccola dopo la gara.

Set dell’anno: SD Worx

Per molto tempo è sembrato che la squadra maschile Jumbo-Visma avrebbe ottenuto quel trofeo, ma alla fine giocano un ruolo secondario rispetto alla squadra femminile SD Worx.

Con Omloop Het Nieuwsblad, Strade Bianche, Ronde van Vlaanderen, Amstel Gold Race, Walloon Arrow, Liège-Bastogne-Liège, Ronde van Drenthe e Gent-Wevelgem, la squadra olandese ha catturato non meno di 8 pesci grassi sulla terraferma.

Miglior ballo: Allison Jackson dopo aver vinto la Parigi-Roubaix

Allison Jackson è stata per un po’ la regina senza corona di TikTok e Instagram con i suoi balli, ma con la sua inaspettata vittoria alla Paris Roubaix, ha improvvisamente fatto il giro del mondo. E ovviamente il ballo di TikTok doveva essere celebrato.

L’impopolare fiammingo: le tattiche del DSM a El Ronde

Durante il Giro delle Fiandre, i corridori del DSM hanno avuto molto da dire con la loro tattica di guidare molto lentamente, anche su un Kortekeer, per poi lanciare tutte le corde sopra le righe.

Una tattica solo moderatamente apprezzata dagli adepti del ciclismo, dopodiché hanno improvvisamente cantato un po’ meno nel DSM.

Miglior oratore olandese: Il cavallo a Siena

C’è un cavallo nel corridoio? Non a Siena. Lì l’animale è scappato ed è saltato giù con Demi Fullering sulle strade sterrate della Toscana.

Svolta: Ben Healy

EF-EasyPost ha creato una grande primavera sia per gli uomini che per le donne. In Brabantse Pijl è apparso improvvisamente un nuovo nome con Ben Healy. Pochi giorni dopo, l’irlandese è arrivato di nuovo secondo, questa volta all’Amstel. A Liegi è arrivato quarto. Il fatto che somigliasse anche a Urbanus era dato per scontato dai seguaci del ciclismo fiammingo.

Miglior opera d’arte: caschi Jumbo Visma

Forse non è il design visivamente più bello, ma con un importante messaggio di fondo: Jumbo-Visma ha guidato la Parigi-Roubaix sia per gli uomini che per le donne che indossano un “casco cerebrale” come campagna di sensibilizzazione per indossare un casco da bicicletta.

Compositore dell’anno: Spring Symphony di Tadej Pogacar

Mathieu van der Poel ha fatto un tentativo più che credibile di strappare questo trofeo dal naso a Tadej Pogacar, ma l’elenco delle vittorie che quest’ultimo è riuscito a consegnare nel 2023 suona come musica per le orecchie: Ronde van Vlaanderen, Amstel Gold Race, Paris-Nice e, inoltre, i brani di Smaller come Ruta del Sol e Jaen Paraiso Interior. Peccato che la spina sia stata staccata prematuramente a Liegi.

Premio alla carriera: Peter Sagan

Sperava di riuscire a suonare un tamburo la sua ultima primavera, ma finì con un silenzioso battito di tamburi. Tuttavia, non dobbiamo dimenticare ciò che Peter Sagan ha mostrato nei classici negli ultimi anni.

Una selezione dalla sua lista dei riconoscimenti: Vittoria al Giro delle Fiandre, Parigi-Roubaix, E3 Harelbeke, 3x Gent-Wevelgem e Brabantse Beagle. Per anni, lo slovacco ha intrattenuto gli appassionati di ciclismo sia dentro che fuori dalla bici. Vincitore meritato del premio alla carriera.

Miglior copertina: Remco Evenepoel

Conosce i suoi classici. Tutti i colori dell’arcobaleno: Remco Evenepoel si è ripetuto con successo con la sua maglia iridata a Liegi-Bastogne-Liegi come guardia primaverile.

READ  Woot van Aert è scampato alla morte martedì? "Era quasi sotto una betoniera, è davvero orribile." | Club di biciclette elettriche Watt