QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Airone infetto dal virus del Nilo occidentale: cosa significa questo per i cavalli?

È stato confermato che gli aironi blu nell’Olanda settentrionale sono stati infettati dal virus del Nilo occidentale. Il virus è raro nei Paesi Bassi. Poiché il virus viene trasmesso dalle zanzare e la stagione delle zanzare è quasi finita a causa della puntura di zanzara, è probabile che ora il virus non si diffonda ulteriormente. A differenza di altri animali domestici (da fattoria), i cavalli possono sviluppare sintomi se contraggono il virus.

L’airone blu è stato catturato in un’esca per anatre a metà settembre. L’Erasmus Medical Center ha condotto qui una ricerca sull’influenza aviaria. Vicino all’airone positivo, si sta ora indagando se ci sono più uccelli infettati dal virus del Nilo occidentale. Anche la NVWA (Autorità olandese per la sicurezza degli alimenti e dei prodotti di consumo) conduce ricerche sulle zanzare che svernano nella zona.

Virus del Nilo occidentale

Il virus infetta gli uccelli ed è trasmesso dalle zanzare che si nutrono del sangue degli uccelli infetti. Queste zanzare diffondono il virus ad altri uccelli e talvolta a esseri umani e mammiferi, come i cavalli. Negli ultimi decenni, il virus si è diffuso in gran parte del mondo, tra cui l’Europa sudorientale e centrale e la Germania. Nei Paesi Bassi, il virus del Nilo occidentale è stato rilevato per la prima volta nel 2020 in una silvia, dopodiché l’infezione è stata scoperta nelle zanzare e in 8 persone quell’anno.

inquinamento umano

La maggior parte delle volte, le persone non si ammalano a causa del virus del Nilo occidentale. Circa l’80% non riceve alcun disturbo e il 20% presenta sintomi lievi come febbre e disturbi simil-influenzali. Solo una piccola percentuale (1%) sviluppa una malattia grave, come l’encefalite o la meningite.

READ  No, i vaccini non magnetizzano il tuo braccio - Scienza

Infezione nei cavalli

Anche i cavalli possono avere lamentele, a differenza di altri animali domestici (agricoli). Proprio come negli esseri umani, l’infezione da virus del Nilo occidentale si verifica nella maggior parte dei cavalli asintomatici (visibili). Circa il 20% mostra sintomi lievi come perdita di appetito, letargia e febbre. Circa il 10% degli animali sviluppa gravi disturbi. I vaccini sono disponibili per i cavalli.

segnale precoce

RIVM, NVWA e altre parti stanno lavorando a stretto contatto per monitorare la diffusione del virus del Nilo occidentale. Al fine di identificare precocemente il virus, RIVM e NVWA stanno conducendo ricerche sulle zanzare, tra le altre cose, e osservando i cambiamenti lì. Erasmus MC (Erasmus University Medical Center) guida un consorzio di ricerca nazionale che identifica i rischi di focolai. RIVM e NVWA stanno informando il pubblico, in modo che le persone sappiano cosa possono fare da sole quando necessario. In questo modo evitiamo che le zanzare trasmettano il virus e facciano ammalare il più possibile le persone.

Vedi anche l’infografica WUR sul virus del Nilo occidentale nei cavalli.

fonte: FNRS