QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

All'edicola, una parte vera dell'Italia sta lentamente morendo

All'edicola, una parte vera dell'Italia sta lentamente morendo

L'edicola, solitamente all'angolo di una strada o in una piazza, è italiana come il bar, dove gli italiani vanno fin dal primo cappuccino del mattino. aperitivo, di mattina presto. Il bar e l'edicola – spesso situati uno vicino all'altro – sono entrambi luoghi che svolgono un'importante funzione sociale in Italia, poiché lì gli italiani si incontrano, si riuniscono e commentano la vita quotidiana.

Ma la sopravvivenza dell'edicola è seriamente minacciata. Fabio Colucci (63 anni) ha aperto il suo primo chiosco nel 1996 a L'Alperone, un piacevole quartiere popolare di Roma. “La mia pensione è la benvenuta, ma dubito che mio figlio andrà in pensione con lo stesso lavoro”, dice con il sorriso che saluta ogni nuovo cliente. Quindi suo figlio di 37 anni sta cercando un altro lavoro.

Immediatamente un rammarico si insinua nella sua voce. “Un'edicola è un vero e proprio luogo d'incontro e non un luogo dove venire per leggere un giornale o una rivista”, afferma il proprietario dell'edicola. “Conosco ogni cliente per nome e so cosa sta leggendo.”

Dopo un po' di dimostrazione. Una donna entra nel chiosco e consegna la sua guida TV settimanale prima ancora di chiederla. Un uomo saluta amichevolmente Fabio Colucci, lascia cadere qualche moneta, ne prende una copia ed esce un attimo. Corriere della Sera. Ride quando un cliente abituale felice salta su con indosso una tenuta da ciclista dai colori vivaci e gli porge scherzosamente una copia dello stesso giornale. “Smettila, idiota!” Appare un turista in bicicletta, il proprietario del chiosco sa bene di essere un lettore fedele Repubblica di LaPrincipale concorrente.

READ  Il membro del consiglio della Bce Panetta non vede nulla nella carica di ministro italiano

Proprietario del chioscoFabio Colucci Conosco ogni cliente per nome e so cosa sta leggendo

La maggior parte dei clienti abituali sono italiani leggermente più anziani. I giovani lettori di giornali sfogliano le notizie sui loro smartphone e tablet e non bramano più il giornale cartaceo. “Dai giornali Il Messaggero, il quotidiano più diffuso di Roma, vendevo più di duecento copie al giorno”, racconta Colucci. «Ma ormai da tempo è ridotto a quaranta esemplari. Lo stesso vale Repubblica di LaSoprattutto con gli ingressi settimanali In Venerti. Il giorno dell'uscita vendetti 550 copie, ma oggigiorno non più di cinquanta.

Occhiali da lettura e giocattoli

Secondo Fotocamera dell'Unione, l'Unione italiana delle associazioni del commercio, dell'industria, dell'artigianato e dell'agricoltura, ha riferito che il numero dei chioschi in Italia è diminuito solo del 16% tra il 2019 e il 2023, e 2.667 chioschi hanno chiuso, principalmente a causa del calo delle vendite di giornali cartacei. A settembre dello scorso anno in Italia c’erano ancora 13.500 edicole, a settembre 2019 erano più di 16.000. A Roma e dintorni hanno chiuso negli ultimi anni 303 edicole.

Oltre a giornali e riviste, Fabio Colucci ora vende occhiali da lettura, calendari e giocattoli. Tuttavia, non può compensare adeguatamente il calo delle vendite di giornali. Allo stesso tempo, i costi fissi possono essere significativi. Colucci ha acquistato l'attuale edicola nel 2002 per 90.000 euro, e l'affitto del suo terreno pubblico costa 3.500 euro all'anno. “Inoltre ci sono 800 euro annuali di tassa sui rifiuti e costi dell'elettricità. Tutto sarebbe fattibile se il mio reddito fosse stabile. Anche il valore del suo permesso come proprietario di un chiosco è diminuito significativamente. “Quando l'ho acquistato nel 1996, il mio permesso includeva il valore di un appartamento spazioso in questo quartiere: oggi un appartamento qui può costare facilmente 400.000 euro, ma il mio permesso per il chiosco oggi non supera i 30.000 euro.

READ  Trek-Sekafredo Grazie a Elisa Lango Borgini tra le donne in Italia | Donne in bicicletta

Proprietarie donne

Oltre al cambiamento nel comportamento di lettura degli italiani, il gran numero di edicole che chiudono definitivamente i battenti dice qualcosa anche sulla partecipazione femminile alla forza lavoro e sull’imprenditorialità. Oltre il 37% dei chioschi sono gestiti da una donna, un dato significativamente superiore alla media italiana delle imprese gestite da donne, ma i chioschi gestiti da donne hanno maggiori probabilità di chiudere i battenti. Inoltre non ci sono nuovi chioschi perché i giovani non sono più attratti dal settore.

Un chiosco a Roma nel 1955. In Italia ce ne sono migliaia, ma il loro numero sta rapidamente diminuendo.
Ando Gilardi/Getty Images

Ciò deprime Fabio Colucci per quello che sta passando, e provoca anche una perdita a livello sociale che diventerà presto irreversibile. “Il proprietario di un'edicola è sempre un vicino o un amico”, dice. “Spesso le persone mi danno dei pacchi perché sono senza lavoro. Qui ci sono sempre le chiavi di casa che aspettano un membro della famiglia che torna per primo da scuola o dal lavoro. Anche quel cliente abituale con l'Alzheimer si è perso. “Ma ha comunque riconosciuto il mio chiosco.” Il proprietario del chiosco lo ha detto al figlio dell'uomo che, chiamato, è tornato a casa sano e salvo.

Dopotutto, durante la pandemia del coronavirus, la funzione sociale delle edicole è stata grande, riflette Colucci. In Italia, il primo paese europeo ad essere colpito duramente dal coronavirus, erano in vigore le misure anti-coronavirus più severe. “L'edicola svolgeva una funzione essenziale e poteva rimanere aperta”, spiega il proprietario dell'edicola. “Insieme a mio figlio consegnavo i giornali a casa della gente del quartiere per chi non poteva andare in edicola. Liberi e altruisti, perché la gente aveva tanta fame di informazioni, ma anche di un volto amico e familiare.”

READ  Ora Corona Pass in Italia: dovresti saperlo