QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Berlusconi ha creato un mainstream di estrema destra in Italia

Ufficialmente, Georgia Meloni, The Vittoria schiacciante alle elezioni parlamentari italiane, il pacchetto non ha ancora un’allocazione build. Ovviamente dovremo attendere fino alla sessione di apertura del nuovo Parlamento il 13 ottobre. Ma Meloni, insieme ai suoi alleati Matteo Salvini (Lega) e Silvio Berlusconi (Forza Italia) stanno già valutando a fondo la composizione del nuovo governo.

Quei negoziati si sono trasformati in un lavoro ingrato. Meloni, ad esempio, vuole più tecnici a bordo, e Berlusconi e Salvini la vedrebbero diversamente. Anche Stokbrand Salvini non ha rinunciato alla sua ambizione di tornare a essere ministro dell’Interno. In quel ruolo, ha perseguito una politica migratoria aggressiva nel 2018 e nel 2019 che lo ha messo in contrasto con l’Europa. Meloni, appunto Al contrario, è in una posizione leggermente migliore con l’Europa Inizia, Salvini prova a scaldarsi su un altro post.

Certo, questa volta era in sovrappeso. Il suo partito populista di estrema destra Fratelli d’Italia ha preso il 26 per cento, mentre la Lega nazionalista di destra è scesa al di sotto del 9 per cento e Forza Italia di destra liberale – la più forte nella coalizione da anni – all’8 per cento. Gli equilibri di potere sono chiaramente cambiati, ma in passato non è mai stato un motivo per rompere le coalizioni di destra.

La coalizione durò quasi tre decenni e il suo architetto, Silvio Berlusconi, aveva 86 anni e fu rieletto al Senato. Se i postfascisti salissero al potere in Italia, non sarebbe una novità. Berlusconi, insieme alla Lega Nord, li ha inclusi nel suo primo governo di coalizione già nel 1994. Successivamente, formerà con loro altri tre governi. “Ha portato i post-fascisti in Italia nel mainstream e li ha resi accettabili”, ha detto l’ex caporedattore Bill Emmott. EconomistaSto parlando al telefono.

READ  L'Italia firma il quadro di riforma finanziaria - Belgio

Sotto la guida di Emmott, la rivista britannica fu molto critica nei confronti dell’amministrazione Berlusconi. Emmott lo tiene ancora: “La coalizione di governo di Berlusconi è sopravvissuta perché tutti hanno preso una fetta della torta. I gruppi di interesse e le figure politiche dovrebbero essere sostenitori felici e gratificanti. Il fermo governo di Berlusconi “ha decisamente portato a una maggiore corruzione in Italia”, afferma l’analista. L’Economist sarà accusato di diffamazione. “Abbiamo vinto in tribunale, poi Berlusconi alle urne”, dice Emmett con umorismo secco e inglese.

Dal Neo al Postfascista

Quando Berlusconi ha incorporato il partito Alenção Nacional (“Alleanza nazionale”) nel suo primo governo nel 1994, non si era ancora formalmente allontanato dai riferimenti ideologici al fascismo. AN era solo un nuovo nome per il neofascista Movemento Social Italiano (“Movimento Sociale Italiano”) fondato nel 1946 da simpatizzanti di Mussolini. In un congresso di partito nel 1995, l’An ha dato il via su iniziativa di Gianfranco Fini, capogruppo del partito conservatore di destra. I vecchi “irriducibili” MSI hanno lasciato la nave. Finney in seguito divenne ministro degli Esteri e presidente della Camera.


Leggi di più Fini vuole costruire un’Alleanza Nazionale ‘giusta’ (1995)

Alenza Nacional era la scuola di politica di Georgia Meloni In giovane età è diventato vicepresidente del parlamento e ministro della gioventù. Il suo partito, i Fratelli d’Italia, era un naturale successore dell’AN, ma era considerato più estremo.

In particolare, Gianfranco Fini si è apertamente schierato con Meloni durante un incontro informale con i giornalisti stranieri a Roma lunedì. “Nei suoi ruoli precedenti, Meloni non si presentava come pericoloso, estremista o ambiguo”, ha detto Fini, che da anni non commenta la politica italiana. Dice che la sua posizione pro-NATO è sincera. Ammette di “non essere d’accordo con lei su tutto” – Finney è molto liberale sulle questioni sociali – ma aggiunge che “alcuni timori su Melony si dimostreranno infondati”.

READ  Tempo per 'Lukaku Day': il Red Devil posa con una sciarpa dopo essere atterrato a Milano per una visita medica all'Inter

Anti-gay e socialmente conservatore

Mentre Gianfranco Fini cerca di calmare le cose intorno a Meloney in futuro, Bill Emmett guarda indietro. Le posizioni sociali profondamente conservatrici del partito di Meloni hanno ricordato fortemente a Emmott il periodo di Berlusconi come primo ministro durante la recente campagna elettorale: “Berlusconi è sempre stato anti-gay e molto conservatore socialmente, e sulle questioni bioetiche”.

Il commentatore britannico osserva che non solo Berlusconi ha portato l’estrema destra nel mainstream, ma le idee sono state adottate in altre parti d’Europa. L’esempio più notevole è la migrazione. “Berlusconi o i suoi alleati hanno sempre avuto una forte agenda anti-immigrazione”, ha detto Emmott.

Leggi di più Le donne e le persone LGBT in Italia temono l'”urbanizzazione” se l’estrema destra sale al potere

La Lega Nord, nota per la sua dura retorica contro i meridionali e gli immigrati, è riuscita a orientare in modo significativo il dibattito sull’immigrazione. Nel 2008 Berlusconi ha firmato un accordo di cacciata con il dittatore libico Muammar Gheddafi. Tra il 2009 e il 2010, l’Italia ha trattenuto i passeggeri delle navi in ​​alto mare e li ha rimandati in Libia, dove non esisteva una politica di asilo. Non ha suscitato molto scalpore in Europa. Durante il mandato di Berlusconi come primo ministro, i suoi problemi legali e il suo stile di vita colorito hanno attirato l’attenzione.

Per la Lega di Matteo Salvini l’immigrazione è ancora in cima all’agenda. Ecco perché è molto interessato alla carica di ministro dell’Interno. Ma anche se ha mancato il bersaglio, Meloni è più moderato sulla migrazione di quanto non fosse durante la sua campagna – “Spero che il blocco navale di cui ha parlato non accada”, ha detto Feeney – e Salvini non è solo in Europa. Nel frattempo, anche molti paesi dell’UE come Grecia, Spagna o Francia stanno lavorando molto duramente. “L’Europa è cambiata come Berlusconi”, conclude Emmett.