QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Borsa di studio KWF per la ricerca sul cancro del dotto biliare

Verstegen studierà perché il cancro del dotto biliare spesso non risponde alla chemioterapia. È possibile che le cellule tumorali siano protette da proteine ​​che le circondano come uno scudo e bloccano così la chemioterapia.

Il cancro del dotto biliare è una forma di cancro al fegato in cui i tumori possono insorgere all’interno e all’esterno del fegato. Circa 400 persone vengono diagnosticate con questa malattia nei Paesi Bassi ogni anno.

Resistente alla chemioterapia

Il cancro del dotto biliare di solito viene catturato solo in ritardo, perché i disturbi compaiono tardi e non sembrano nemmeno seri. Di conseguenza, il trattamento chirurgico curativo, inclusa la rimozione del tumore, spesso non è più possibile. Non resta altro che chemioterapia palliativa. Sfortunatamente, questo non è molto efficace a causa dell’insensibilità del tumore alla chemioterapia.

Tra l’altro, il tumore sembra essere protetto dalla chemioterapia da una fitta rete di proteine ​​(cellule della matrice extracellulare, ECM) che circondano la cellula. Inoltre, le CSC in un tumore sono spesso resistenti al trattamento. Queste cellule staminali ricevono segnali dalle cellule vicine (fibroblasti), garantendo un rifornimento continuo di nuove cellule tumorali.

Crescere in 3D

Verstegen con i partner Prof. d. Gijsje Koenderink (TU Delft) e la dott.ssa Yvonne Vercoulen (UMCU), utilizzando sistemi di coltura cellulare 3D per studiare la risposta dei tumori del dotto biliare alla chemioterapia. Verstegen: “Le nuove tecniche di coltura cellulare 3D possono simulare parzialmente un tumore, ma non possiamo ancora studiare le interazioni con cellule o altri componenti dei tessuti. La formazione dei tumori del dotto biliare è molto complessa. Oltre alle cellule tumorali, esistono anche altri tipi di cellule come i fibroblasti, le cellule endoteliali e le cellule immunitarie.

READ  Nuovi dati: variante Omicron ancora meno problematica della variante Delta

Inoltre, le proteine ​​ECM forniscono un ambiente altamente denso e rigido per il tumore. Questo ambiente tumorale è noto per svolgere un ruolo importante nello sviluppo, nella progressione e nella diffusione del tumore, oltre ad essere un fattore importante nella resistenza al trattamento. È quindi di grande importanza mappare queste cellule e studiare l’interazione tra loro e con le proteine ​​​​ECM. Ciò rende possibile lo sviluppo di nuove terapie che influenzano la deposizione e il rimodellamento delle proteine ​​ECM.

risultati previsti

In definitiva, questo nuovo modello tumorale può essere utilizzato per testare possibili approcci terapeutici, ad esempio mirati specificamente alla scomposizione delle proteine ​​ECM. Verstegen: “Vogliamo chiudere lo scudo attorno al tumore per inserire la chemioterapia nel tumore. Questo è molto importante perché al momento è possibile solo un trattamento palliativo per il cancro del dotto biliare e, a causa della chemio resistenza, questi i pazienti hanno una prognosi molto sfavorevole”.

A cura di: National Care Guide