QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Bouchez (MR) ritiene che sia “sconsiderato” escludere l’espansione di altre centrali nucleari

“L’esclusione di un’estensione di più di due reattori oggi è negligente”. È quanto ha affermato il capo del partito al governo, George Louis Bushes, il giorno dopo l’accordo all’interno del governo per mantenere aperte due centrali nucleari per un periodo più lungo.

Il presidente Bouchez nelle ultime settimane e mesi si è espresso a favore del mantenimento dell’apertura delle due centrali nucleari più piccole. Per molto tempo è stato l’unico partner del governo a farlo. La guerra in Ucraina e la nostra (semplice) dipendenza dal gas russo hanno fatto cedere i suoi colleghi.

Il suo discorso sul nucleare era sorprendentemente coerente con la retorica del partito di opposizione N-VA. Questo partito credeva anche che fosse inutile chiudere le ultime centrali nucleari. Qualche tempo fa, il presidente Bart De Wever è andato ancora oltre: ha sostenuto per mantenere aperte più vecchie centrali elettriche.

Ora Bush sembra pensare la stessa cosa. “Escludere l’estensione di più di due reattori oggi è indifferente”, ha scritto su Twitter.

Secondo Bouches, non ci sono garanzie che le centrali elettriche a gas necessarie saranno costruite in tempo. Inoltre, si ritiene che il gas sarà sempre più escluso.

A proposito, non è detto che i nuovi reattori nucleari rimarranno aperti. Ciò richiede prima di tutto difficili negoziati con il direttore Inge.

Per essere chiari: Doel 4 e Tihange 3 rappresentano solo il 3 percento della nostra alimentazione totale.

READ  Il terzo uomo più ricco d'Australia si offre di chiudere le centrali elettriche a carbone | All'estero