QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Campionati Mondiali di Ginnastica: Nina Druel mette in mostra la sua classe, ma quanto pesano gli errori belgi? | Campionati Mondiali di Ginnastica

Partendo dalla prima sezione e poi dovendo iniziare anche con il pacchetto ci vuole un problema. Questi problemi sono sorti anche per le donne belghe. Nina Druel cade dalla traversa e questo dà immediatamente il tono a una serata impegnativa.

Dopo Derwael, anche Verkest e Brassart hanno perso l’equilibrio sulla traversa. Il salto di Lisa Vaillin ha portato un miglioramento, ma Vaillin di tutte le persone ha scambiato il ponte con barre irregolari.

Lì Druel ha dimostrato di non aver perso la sua classe. Il campione olimpico ha saputo gestire la tensione e determinare il miglior risultato sul ponte. Poiché è stata in grado di tenere dietro tutte le donne americane, sembra che la finale di bridge sarà per Druel.

Sicuramente la finale della squadra e il biglietto del Mondiale ad Anversa il prossimo anno non sono ancora gli stessi. Bisognerà aspettare e vedere se il punteggio di 156.063 è sufficiente per l’ottava squadra. Non lo sapremo fino a domenica sera quando tutte le altre nazioni avranno completato le proprie qualifiche.

Nina Druel non era del tutto soddisfatta di aver parlato con Inge van Mensel dopo le qualifiche. “Non lo giurerei in TV, ma mi sento davvero male per quel nastro. Il finale era lì, quindi non ho altre parole per quello”.

“È così stupido iniziare le qualifiche in questo modo, mi sento come se avessi deluso i miei compagni di squadra. Ho messo il resto in una posizione ambiziosa e fa schifo. I miei nervi erano a posto, ma mi manca il ritmo di gara e me ne sono accorto oggi”.

READ  “Pesante battuta d'arresto per Bruges: Blauw-zwart mancherà Balikwisha” | Calcio 24

La finale a squadre è assolutamente incerta. “Davvero non sai niente”, dice Druel. “Abbiamo fatto il nostro lavoro, quello che è successo, è successo. Altri devono ancora fare ginnastica e qualunque cosa possa succedere lì. Ora è solo questione di aspettare con ansia”.

Lisa Vaillin deve sperare che il suo errore al bridge non le costerà un biglietto per la finale di ogni singolo tour. “Sarà stretto e dipenderà dal resto”, afferma l’imminente ginnasta belga. “Spero anche che possiamo raggiungere la finale a squadre in modo da poter correggere i nostri errori e mostrare cosa possiamo davvero fare”.