QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Cellule di memoria giovani dormienti fondamentali per combattere la seconda infezione

ENGINEERINGNET.BE – Dopo un infortunio, i linfociti T nel nostro corpo si moltiplicano come un matto. Pulisce molto di questo dal corpo e uccide le cellule infette. Quando l’agente patogeno viene eliminato, la maggior parte dei linfociti T muore, ma rimane un piccolo gruppo di linfociti T di memoria. Forniscono un’immunità di lunga durata.

I ricercatori del Leiden University Medical Center e del Netherlands Cancer Institute hanno voluto conoscere meglio questo gruppo di cellule della memoria. Questo per risolvere una discussione di base sulle domande: un gruppo di cellule della memoria è composto da cellule che si sono già divise molte volte e poi subiscono un ciclo di rigenerazione? O sono cellule che sono rimaste sempre giovani, dividendosi pochissimo, e così sono riuscite a sopravvivere?

Per scoprirlo, i ricercatori Kaspar Bresser e Lianne Kok hanno sviluppato uno strumento per misurare la frequenza con cui le cellule T si dividono. Sapevano: con ogni divisione cellulare, possono emergere errori nel DNA.

Possono utilizzare questi errori come segnali rivelatori per misurare il numero di partizioni. Quindi hanno inserito un pezzo sintetico di DNA nella cellula T che è altamente sensibile agli errori. Una volta che qualcosa va storto con questo pezzo di DNA, la cellula e tutta la sua progenie diventeranno rossi. “Più globuli rossi in una popolazione, più quel gruppo di cellule si dividerà”, dice Presser.

Questo indicatore di errore, chiamato DivisionRecorder, è il primo del suo genere e può tracciare centinaia di divisioni cellulari, anziché le cinque divisioni che i metodi tradizionali possono misurare.

I ricercatori hanno iniettato cellule T nel sangue dei topi e hanno monitorato attentamente ciò che è accaduto per due mesi. Con loro sorpresa, videro che le celle di memoria non erano un gruppo omogeneo.

READ  COVID-19: 1.465 contagiati e 14 decessi, per un totale di 1.665.846 e 17.695 / News

Presser: Abbiamo visto un gruppo di celle di memoria con una grande proporzione di globuli rossi, che erano quindi comuni più volte. Queste cellule erano molto simili alle cellule T che uccidono le cellule infette e potrebbero averlo fatto prima. †

Abbiamo anche scoperto un gruppo di giovani cellule T che sono rimaste mute durante la prima infezione e si sono comportate come cellule staminali. E con questo hanno trovato una soluzione al vecchio dibattito sulla natura delle celle di memoria: non è nessuna delle due o, ma entrambe sono vere.

I ricercatori hanno anche visto che dopo una seconda infezione con lo stesso agente patogeno, in particolare questi minuscoli linfociti T di memoria, iniziano a dividersi come un matto e a combattere l’infezione. Presser: “Questa è la prima prova che le cellule T di memoria che hanno avuto uno scarso coinvolgimento sono fondamentali per la reinfezione”.

Secondo i ricercatori, lo studio sottolinea l’importanza dei giovani linfociti T della memoria che hanno identificato come quelli che si vogliono stimolare attraverso la vaccinazione.

I giovani linfociti T di memoria sono altamente in forma e robusti durante la reinfezione. Comprendendo meglio l’aspetto e il funzionamento di queste cellule, potremmo essere in grado di migliorare i vaccini e, ad esempio, determinare meglio quando può essere somministrato un vaccino di richiamo, afferma il coautore Ferenc Scheren.