QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Cindy porta il suo tocco di Italia a Rosler con la sua gastronomia

La madre di Cindy de Jong è italiana e Cindy conosce molto bene la zona nativa dell’Aurelia thailandese. Ha anche incontrato suo marito e si è trasferita, e hanno iniziato a passare dei bei momenti insieme in Italia. Sono tornati a Rosler ormai da quattro anni.

Hai delle vere radici fiamminghe occidentali?

Cindy Tejonke : “Sì. Sono cresciuto a Hooklead, ma sono andato a scuola a Rosler. Sono andato anche a Wagand e Bistro Botany. Anche se a volte non ho avuto tempo per questo, ho lavorato come studente a Wozniacki nei fine settimana.”

Ma hai anche un collegamento diretto con l’Italia?

“Mia madre, Aurelia, è italiana. La nostra ex regina Paola è di Meliko, Calabria. Mia nonna, sua madre, che ora ha 84 anni, vive ancora lì. Quando ero ragazzo non vedevo l’ora che arrivassero le vacanze estive. Io e mio fratello, insieme a nostra nuora e nostro genero, abbiamo potuto andare in vacanza in Italia per due mesi. È stato un bel periodo: dalla mattina presto siamo tornati dalla nonna per il pranzo in mare e poi di nuovo a giocare in spiaggia e in acqua. Vacanze incredibili, non vediamo l’ora che arrivi la fine di giugno di ogni anno. “

Hai incontrato anche tuo marito lì?

“Nicola viveva a Melikuco e ci siamo conosciuti quando avevo quindici anni. Quello è uno Amore a prima vista , Sì. Continua ancora oggi: siamo gemelli sposati: Leonardo e Tommaso. “

“Non vedo l’ora che arrivi la fine di giugno”.

Quando eri una coppia, non è stato facile? “Nicola è venuto in Belgio per le vacanze invernali e ovviamente ho continuato a visitare la nonna e Nicola durante le vacanze estive. I genitori di Nicola avevano un’azienda metalmeccanica, ma quando si sono trasferiti a Firenze, Nicola è venuto in Belgio per due anni e ha deciso di lavorare qui. “Fino a quando non ti sei sposato, è andato in Toscana? “Ci siamo sposati nel 2001 e ci siamo trasferiti in Toscana. Abbiamo aperto una prelibatezza a mezz’ora di macchina da Firenze. Questo negozio era inizialmente per italiani perché i turisti non venivano spesso nella nostra città. Nel 2014 abbiamo aperto un secondo punto vendita. “Sei ancora in Belgio nel 2017? “Allora è venuto semplicemente alla nostra attenzione. Volevamo che andassero a scuola in Belgio. C’era anche la richiesta di lasciare un negozio in Italia. Abbiamo cercato di aprire un negozio a Rosler. Nicola ha sempre detto che voleva avviare un delegato in Belgio. Avevamo il nostro secondo negozio in Italia. Abbiamo prima chiesto informazioni sull’acquisto di un edificio nel centro della città di Roslars. Ma all’epoca era quasi impossibile acquistare, e quando fu chiesto l’affitto, fu presto un episodio chiuso. Quindi, siamo stati molto contenti quando siamo stati in grado di acquistare l’ex macelleria-drogheria di Mark e Martin nell’angolo di Iberchestrat. Avevamo una vasta area di vendita al dettaglio e studi dove potevamo vivere sopra il negozio. “Filippo è nato. Non è un nome speciale per le prelibatezze italiane? “Il nome del nostro caso non è perché deriva dal latino brillipado, cioè è delizioso. Gli italiani usano spesso questa parola quando assaggiano un delizioso prosciutto o un circuito italiano. Vogliamo il miglior gusto sia nel prodotto che nella qualità del servizio. Perché per te l’alta qualità è importante quanto la qualità del prodotto? “Vogliamo essere in cima alla scala. I nostri prosciutti, salumi, formaggi, pasta fresca e vini si distinguono a prezzi molto convenienti. Non trovi la nostra Mortella in nessun supermercato. Dato che abbiamo ancora un delizioso pasto in Italia, possiamo vendere quei prodotti al prezzo più ragionevole in Belgio. “All’inizio era una ricerca? “De Rosler ha dovuto conoscerci nel primo anno. Ma siamo conosciuti di bocca in bocca e dopo quattro anni siamo molto soddisfatti dei nostri clienti e della nostra attività. ”Nonostante la corona? “Sì, nonostante Corona, non ci è permesso organizzare feste di unità e serate a tema sulle regioni italiane nella nostra sala degustazione”. Puoi ancora andare in Italia? Nicola va avanti e indietro nel furgone per portare i prodotti. È un passaggio essenziale, ma richiede tempo. Ma in realtà due anni fa siamo andati dalla nostra famiglia in Italia con i bambini. Dov’è stata Cindy in 20 anni? “Lavorerò ancora qui. Potremmo anche avere un grossista per servire altri negozi con prodotti alimentari italiani. Privato Nato il 7 dicembre 1979 a Rosler, ma cresciuto a Hooghlyd. Sposato con Nicola Napoli, due figli: Leonardo e Tommaso (9). Vivono al di sopra della loro attività Philip in Iberchestrat. Istruzione RMS Istruzione elementare a Rosler e secondaria ad Ateneo. Istruzione superiore, turismo ed economia a Cortridge. Dirigente di due anni in azienda, lavoratore autonomo in Italia nel 2001 e lavoratore autonomo in Belgio dal 2017. Tempo libero cucinare, fare escursioni, viaggiare, gustare un bicchiere di vino.

READ  La popolazione italiana è colpita da bassi tassi di natalità e alti tassi di mortalità