QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Conegliano impressiona nell'ultima partita casalinga di Champions League di Asterix Avo: 'È stato semplicemente di livello mondiale'

Conegliano impressiona nell'ultima partita casalinga di Champions League di Asterix Avo: 'È stato semplicemente di livello mondiale'

In questa stagione ha giocato 20 partite e ne ha vinte 20. Non è necessario che il risultato sia più impressionante per suggerire che Conegliano sia attualmente l'apice assoluto della pallavolo europea.

La squadra italiana si è recata al Beveren con un solo obiettivo: conquistare rapidamente tutti e tre i punti. Asterix Avo è riuscito a tenere il passo degli ospiti fino all'8-10, ma poi il ritmo ha accelerato e il martello della principale attaccante svedese Isabel Haack ha preso il sopravvento.

Il punteggio di 11-25 nel primo set è stato un segnale forte, ma non c'era motivo di interrompere la lotta contro Asterix Avo. La squadra di casa inizia il secondo set con rinnovato coraggio. Un cross intelligente di Charlotte Krynecki riporta il punteggio sul 3-1.

Ma nella pallavolo conta solo il dominio dei più forti. Conegliano giocava con il suo avversario ed evocava combinazioni del suo cappello. Non è un caso che anche la palla morta – una palla immaginaria dal centro – sia caduta proprio sulla linea di fondo. 14-25 e quindi anche 0-2.

Come se ci fosse un altro aereo ad attenderle, le italiane hanno aumentato il loro ritmo anche nel terzo set.

La pressione è iniziata sulla linea di servizio e lo stesso Conegliano è stato solido in difesa. La setter polacca Joanna Volosz, forse la migliore al mondo, si è divertita moltissimo con il servizio esemplare ricevuto. Alla fine, 14-25 non era altro che una conclusione logica.

Anche Asterix Avo perde la sua quinta partita in Champions League. E ora è stato eliminato definitivamente dal Champions Ball. La prossima settimana a Stoccarda dovrebbe essere emessa una nota finale positiva.

READ  I capitani che indossano 'OneLove' dovrebbero temere i rigori: la Francia di sicuro no, quindi che dire dei Red Devils? | gli sport