QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Pogacar subito contro l'ombra favorita belga

Pogacar subito contro l'ombra favorita belga

Sabato finalmente comincia: la 107esima edizione del Giro d'Italia. Cosa ci aspetta nella fase di apertura?

Prende il via sabato in Piemonte il primo dei tre Grandi Giri previsti dall'attuale calendario ciclistico dal 1995, prima del quale la Vuelta a España è stato il primo evento di più giorni con cui i corridori hanno dovuto confrontarsi. Tutta Italia per tre settimane, qualcosa di unico negli ultimi anni. Cosa testeremo?

l'inizio

Venaria Reale è una piccola cittadina appena a nord di Torino dove tutto si svolge il primo giorno del Giro. Lui lei Grande Partenza In realtà è ambientato in quella città, ma per sottolineare un nome diverso, RCS – l'organizzatore del Giro – ha scelto Venaria Reale.

Un piccolo puntino sulla mappa italiana che racchiude un imponente palazzo. La Reggia di Venaria è di proprietà di Carlo Emanuele II di Savoia, duca dell'omonima regione. Si dice che il testimone abbia fatto costruire un'importante via dall'Italia alla Francia attraverso le Alpi e che anche il porto di Nizza si sia ampliato sotto il suo governo.

Il palazzo progettato da Amedeo di Castellamonte è stato dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO nel 1997. C'è il forte sospetto che l'amministrazione fotograferà più volte questa struttura alla partenza di questa tappa della corsa.

Accesso

La città di Torino fu fondata nel III secolo a.C. e continuò come Castra Taurinorum intorno al 28 a.C. Divenne un insediamento militare per i Romani e le influenze di quell'epoca sono ancora visibili nel centro della città.

Dopo Milano, Torino, come viene chiamata nei libri olandesi, è la città più grande del nord Italia. È il capoluogo del Piemonte e capoluogo della provincia di Torino, il che non dovrebbe sorprendere.

Torino ha sofferto duramente durante la crisi economica degli anni '80, ma è stata rimessa in primo piano quando la città ha ospitato le Olimpiadi invernali del 2006.

La città piemontese è conosciuta come la città più verde del paese delle scarpe. Aiuta il fatto che il fiume Po attraversi la città, ma la città è piena di parchi urbani e bellissimi sobborghi e tenute circostanti.

READ  Christoph Rudhoft su Van der Poel: "Questo è un Mondiale da non perdere" | Vive Le Velo

In termini sportivi, Torino è ovviamente conosciuta come la sede dell'omonima squadra di calcio, ma è soprattutto la sede della più grande squadra di calcio della storia italiana, la Juventus. Sebbene Bianconeri Non vincono il titolo di Serie A dal 2020. Sono già stati campioni nazionali 36 volte.

La strada

Nonostante la partenza e l'arrivo di questa prima tappa del Giro 2024 siano distanti solo pochi chilometri, Mauro Vegni e compagni hanno comunque assicurato che ci sarebbe stata una corsa di 140 chilometri tra Venaria Reale e Torino.

Anzi, “solo” 140 chilometri; Solo quattro delle 21 tappe quest'anno superano la barriera dei 200 km, il che significa che il Giro ascolta sempre più i desideri del gruppo.

La battaglia per la fuga anticipata può essere feroce, dato che tutto è in discesa fino a San Sebastiano da Po, dove la corsa svolta a destra dopo 38 km. Da lì si sale lentamente verso il primo ostacolo di giornata; Il primo raduno dei punti di montagna è stato a Berzano di San Pietro.

Meno di dieci chilometri dopo, a Moriondo Torinese segue la prima corsa a punti che appartiene alla maglia a punti – e non alla classifica Intergiro, tra l'altro. Da lì ci dirigiamo verso la periferia di Torino, dove ci aspetta la famosa salita di Superga.

La finale prevederà un giro intorno a Torino, con in attesa lo sprint dell'Intergiro su Corso Moncalieri: questo è importante sia per la classifica individuale che per quella a punti. Poco dopo vediamo i corridori salire per la prima volta verso il Bivio di San Vito, per poi tagliare per la prima volta il traguardo.

Nel finale attende la salita del Colle Maddalena, seconda categoria; Sette chilometri al 7% circa con un massimo all'11%. Gli ultimi sei chilometri sono sette e mezzo di media, e il più alto è a 22 chilometri dall'arrivo.

READ  "Brian Heinen può fare anche Former, ma non lo mettiamo sui social" | Jupiler Pro League

Dopo una forte discesa e una terza corsa veloce a Moncalieri, segue per la seconda volta la prova finale a Bivio di San Vito: due chilometri con una salita media di quasi il sette per cento, con una discesa fulminea verso il primo “arrivo” di questo Giro a Torino. Si prevede che il finale sarà instabile, quindi chi sarà battuto?

Preferito

Non possiamo ignorarlo. Non è un corridore di squadra, altrimenti ci godremmo questo Giro ogni giorno Tadej Pogacar Come l'uomo da battere. Lo sloveno ha ceduto alla montagna di soldi offertigli da Mauro Vegni e proverà finalmente a portare a termine i grandi giri.

Non appena la notizia è diventata nota Boogie direzione La corsa rosa Stava arrivando, all'improvviso si è aggiunta al percorso la salita al Bivio di San Vito. Non sorprende che Vejne preferirebbe che Pogacar si vestisse di rosa per 20 giorni (dopo tutto, 21 giorni non sono possibili) durante il suo Tour, dato che lo sloveno è semplicemente il ciclista più popolare del momento.

La finale dipende interamente da Pogacar, e l'unica domanda è quanto il Capitano della squadra degli Emirati Arabi Uniti esaurirà se stesso e la sua squadra all'inizio del Giro. Dato che la concorrenza in Italia non è folle, lo sloveno potrebbe anche scegliere di correre il Giro in una sorta di modalità economica, in modo da poter affrontare il Tour de France sotto una nuova luce.

Stranieri

Uno sguardo alla lista di partenza ci permette di fare una valutazione di ogni squadra e numero di maglia per determinare a chi Pogacar dovrebbe opporsi. A INEOS Grenadiers credono nella trilogia: Geraint Thomas Indossa la maglia numero uno e può portarla con sé Themin Arensmann E Tobia Voss Conta su due nomi che dovrebbero restare in circolazione per molto tempo. Ma vincere è una storia diversa.

C'è un potenziale vincitore ad Astana Kazakistan? All'inizio non era necessariamente così, ma con Alexei Lutsenko La definizione di outsider è apparsa all'improvviso nel menu di avvio. Le persone di BORA-hansgrohe contano su questo Daniele Filippo MartinezAnche se lo è Max Schachmann cavallo nero.

READ  Trasporto moderno. Ronaldo sale su un jet privato a Torino e il Manchester United sembra vincere: il PSG è ancora acrobatico con il trasferimento di Haaland? | gli sport

Decathlon AG2R contiene Ben O'Connor Qualcuno a cui manca l'esplosività per essere un vero contendente alla vittoria, ma l'australiano punta al podio al Giro e dovrebbe quindi essere appuntamento. EF Education-EasyPost ha alcuni nomi interessanti per tali fasi: Andrea Piccolo, Simone Carr, Esteban Chávez, Mikel Froehlich Honoré E George Steinhauser Si può menzionare, ma chi può realmente competere per la vittoria?

Alla Israel-Premier Tech esiste un metodo antiquato Michele Boschi Piace Marco Frigo può essere pericoloso, mentre Lidl-Trek con Andrea Bagioli Era un pericoloso patriota che andava in giro in bicicletta. Soudal Quick-Step lo allarga Giuliano Alafilippe Un nome belga che potrebbe facilmente diventare una sorpresa oggi: Maori Vansevenant È uno dei corridori che appartiene sicuramente alla mia lista delle ombre preferite.

Romano Bardet Il secondo posto è arrivato a Liegi-Bastogne-Liegi, su questo punta Jayco Al-Ala Eddie Dunbar, Guarda Blab E Filippo Zanna. Sian OutDebricks E Attila Walter Rendere omaggio al team Visma | Noleggia anche una bicicletta Damiano Caruso E Antonio Tiberi Dovrebbe essere tra i migliori.

stelle

Ciò si traduce nella seguente distribuzione stellare:

****
Tadej Pogacar
***
Alexey Lutsenko e Maury Vansevenant
**
Romain Bardet, Daniel Felipe Martinez e Geraint Thomas
*
Andrea Baggioli, Eddie Dunbar, Antonio Tiberi e Michael Woods

la televisione

L'intero Giro d'Italia può essere seguito in diretta dal primo all'ultimo chilometro tramite Eurosport e Discovery+. A partire dalle 13:30 andranno in diretta con la coppia di telecronisti Jeroen Vanbelgem e Carsten Krohn.

Inoltre, puoi guardare il Giro su VTM, dove Michel Woyts e Jan Bakelants forniranno il commento.

Viva il Giro, goditi la corsa!