QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Continuo a mettere in guardia coloro che pensano di avere uno stomaco forte.”

“Continuo a mettere in guardia coloro che pensano di avere uno stomaco forte.”

Gli addetti ai media israeliani hanno organizzato a Gerusalemme una dimostrazione delle atrocità commesse dal movimento palestinese Hamas. “Devi ricordare: noi siamo i bravi ragazzi in questa storia.”

Arjen van der Zyl

La pioniera israeliana Libby Weiss sottolinea in anticipo che le immagini che mostrerà saranno sanguinose e scioccanti in un modo senza precedenti. “Anche quelli di voi che pensano di avere uno stomaco forte, vi avverto comunque”, dice Weiss. “Quello che stai per vedere è assolutamente orribile.”

Lunedì pomeriggio l’esercito israeliano ha invitato decine di giornalisti, tra cui diversi provenienti da media stranieri, nella sala stampa di Gerusalemme per visionare una serie di foto del massacro compiuto da membri dei movimenti di Hamas e della Jihad islamica un mese fa nel sud di Israele. . . I giornalisti sono stati costretti a consegnare i loro telefoni cellulari, macchine fotografiche e apparecchiature di registrazione all’ingresso e si sono impegnati a non distribuire foto e video. “Non vogliamo che i parenti dell’attacco terroristico si trovino di fronte a queste immagini”, dice il maggiore Weiss.

Telecamere per il corpo dei militanti

“Uno scorcio di quello che è successo quel giorno” scritto in lettere bianche sullo schermo inizialmente nero. Ciò che segue sono circa quaranta minuti di brutale violenza.

Secondo gli ufficiali dell’esercito le immagini provengono tra l’altro dalle telecamere dei militanti, dalle telecamere di sicurezza dei kibbutz attaccati e dai telefoni cellulari delle vittime. Mostra come Hamas e la Jihad islamica compiono una serie di omicidi su camioncini e motociclette. Sparano e uccidono casualmente civili nelle auto e nelle case e sparano violentemente a un festival di danza nel deserto. Alcuni sostenitori della linea dura sembrano apprezzarlo.

Ci sono molti applausi e “Allahu Akbar!” Ha urlato mentre uccideva. C’è anche una registrazione audio di un uomo armato che chiama suo padre dal cellulare di una delle sue vittime. “Papà, apri il mio WhatsApp e guarda quanti ebrei ho ucciso con le mie stesse mani!”

Lo spettacolo si conclude dichiarando che si tratta di foto di 138 persone uccise. Si tratta di meno del 10% del numero di persone uccise da Hamas”.

Gli addetti all’informazione sembrano frustrati

Lo schermo non perde il suo impatto. Di tanto in tanto nella stanza con i giornalisti si sentono dei sospiri. Con gli occhi pieni, due donne si abbracciano. Mentre passano le immagini delle vittime mutilate e bruciate del festival di danza, una giornalista con le guance rigate di lacrime si copre la bocca.

Nel frattempo, alcuni partecipanti si chiedono anche cosa intendano fare le forze armate israeliane con lo spettacolo. Un giornalista britannico ha mormorato che gli addetti all’informazione sembravano un po’ frustrati. Sospetta che abbiano la sensazione di perdere la guerra di propaganda nel resto del mondo.

Mentre Israele è tradizionalmente esperto in questo tipo di diplomazia pubblica. Hasbara Lo chiamano loro stessi, che puoi tradurre liberamente come “spiegazione”. Ciò significa spiegare al mondo perché Israele ha il diritto di esistere e perché il piccolo Stato ebraico, circondato da nemici, ha il diritto di difendersi.

Ricordare al mondo come è iniziata la guerra

Con irritazione dei funzionari israeliani, la simpatia per il loro paese sembra diminuire in altre parti del mondo. Subito dopo l’attacco del 7 ottobre c’era ancora grande stupore per la crudeltà dei combattenti palestinesi. Ma un mese dopo, la rabbia per questo problema sta cedendo sempre più il posto alla simpatia per i residenti della Striscia di Gaza che soffrono a causa dei continui attacchi aerei e terrestri israeliani.

Per ricordare al mondo come è iniziata la guerra, il governo israeliano sta ora organizzando manifestazioni di atrocità. Lo spettacolo di questo pomeriggio alla Jerusalem Hall è il terzo e, se tutto andrà secondo i piani, ne seguiranno altri, anche nelle ambasciate israeliane all’estero.

“Naturalmente siamo preoccupati”, ha detto Nitzan Chen, direttore dell’ufficio stampa del governo israeliano, dopo aver presentato le atrocità. “Ci sono anche i media che negano che ciò sia accaduto.”

Chen, una delle figure principali in Israele HasbaraL’apparecchio, alcuni corrispondenti esteri parlavano con alcuni corrispondenti esteri nella stanza di Gerusalemme. “Sono giornalista da trent’anni, quindi so come funziona”, afferma. “Alcuni media ora ci dipingono come i cattivi a causa di ciò che sta accadendo a Gaza. Ma dovete ricordare: noi siamo i buoni in questa storia.

READ  Spiagge, mercati e baseball: non puoi perderti questa escursione a New York | Per viaggiare