QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Crisi generazionale o Crisi generazionale – Consiglio norvegese per i rifugiati

Crisi generazionale o Crisi generazionale – Consiglio norvegese per i rifugiati

Cosa succede con i giovani? La domanda si ripresenta sempre di più, soprattutto dopo il periodo del Corona virus, quando è diventato chiaro che i giovani soffrono sempre più di ansia e depressione. Ma i problemi precedono: dall’inizio del 2010 si è verificato un notevole calo del benessere dei giovani in tutto il mondo.

Due libri recenti tentano di spiegare questo fenomeno. IL Una generazione preoccupata Jonathan Haidt indica gli smartphone e i social media come motivo, Cattivo trattamento Scritto dalla giornalista Abigail Schreier in cerca di guarigione della comunità.

Lo psicologo sociale Haidt è noto per i suoi libri precedenti come Coccolare la mente americana (2018), che ha descritto come gli studenti delle università americane siano diventati sempre più sensibili e intolleranti. Il suo nuovo libro ha un tono più inquietante. Haidt ritiene che negli anni 2010-2015 si sia verificato un cambiamento le cui conseguenze difficilmente possiamo prevedere. Quasi tutti ormai possiedono uno smartphone, e i social come Instagram sono diventati parte integrante della vita quotidiana, soprattutto dei più giovani. Ciò ha portato a una “crisi della sanità pubblica” di cui la Generazione Z, nata dopo il 1995, è la più grande vittima.

Secondo Haidt, questa crisi danneggia i giovani in quattro modi: hanno meno La vita reale Contatto, dormono peggio, hanno problemi di attenzione e sono dipendenti. Tutto questo vale anche per gli adulti, ma ha un impatto maggiore sui giovani: sono ancora in fase di sviluppo. Hanno bisogno di imparare a comunicare con i loro coetanei e le nuove tecnologie possono interrompere questo processo in molti modi. Mentre i ragazzi ricorrono spesso ai giochi o alla visione di porno, le ragazze trascorrono molto tempo insieme su app come TikTok e Instagram. Il risultato: i ragazzi diventano più soli e le ragazze diventano più ansiose e insicure.

C'è una seconda riga che attraversa il libro. Secondo Haidt, non solo lo smartphone ha reso i giovani meno resilienti, ma lo ha fatto anche il nuovo stile genitoriale protettivo emerso negli anni ’80 e ’90. Da allora, i genitori cercano di proteggere i propri figli dal dolore e dai pericoli del mondo esterno, in modo che non imparino da soli come affrontarli. Haidt cita ad esempio i parchi giochi, che in passato avrebbero subito almeno una grande caduta, ma che ora sono pavimentati con piastrelle di gomma. A ciò si sono aggiunti gli smartphone e i social media: la nuova generazione vulnerabile è stata lanciata nella giungla di Internet senza guida.

Questa parte del libro, sebbene interessante, è meno sviluppata rispetto al resto del libro. A differenza dei capitoli sulla tecnologia, si parla esplicitamente solo del mondo anglosassone. Sembra anche ruotare principalmente attorno alla filosofia genitoriale della classe media, dandole una portata più limitata.

READ  1 decesso su 8 nel 2020 a causa di COVID-19

Il libro di Haidt suscitò immediatamente polemiche. Alcuni colleghi scrivono che esagera sui problemi degli smartphone. Spesso citato nella recensione natura Scritto dalla professoressa di psicologia Candace Odgers, che crede che Haidt abbia confuso la correlazione con la causalità. Il fatto che gli adolescenti che trascorrono molto tempo sui social media abbiano maggiori probabilità di sviluppare la depressione potrebbe anche essere dovuto al fatto che gli adolescenti depressi utilizzano i social media più spesso. Lo stesso Haidt ha confutato le critiche di Odgers in una risposta al suo blog “After Babel”, in cui elenca tutti gli studi che suggeriscono una relazione causale. Ammette che non ce ne sono ancora molti, ma il fenomeno è appena agli inizi.

Pressioni sui social media

Indipendentemente dal fatto che la causalità sia stata definitivamente dimostrata, potresti chiederti se la mancanza di prove conclusive significhi che dovresti ignorare l’argomento. Inoltre non c’erano prove conclusive della relazione tra fumo e cancro. A volte è meglio adottare alcune misure sensate, come vietare gli smartphone a scuola, mentre la scienza conduce più ricerche.

Inoltre, le spiegazioni alternative offerte da Odgers non sono del tutto convincenti. Indica “l'accesso alle armi da fuoco, l'esposizione alla violenza, la discriminazione strutturale e il razzismo, il sessismo e la violenza sessuale, la crisi degli oppioidi, le difficoltà economiche e l'isolamento sociale” come possibili ragioni dell'aumento dei problemi di salute mentale tra i giovani. Ma questo non spiega perché i giovani fuori dall’America, così come quelli appartenenti agli ambienti ricchi, soffrano di questo problema.

Se trovi il libro di Haidt avvincente, potrebbe dipendere in parte dalle tue esperienze e dai tuoi pensieri al riguardo. Io stesso (nato nel 1986) ho sperimentato l'avvento di Internet durante l'adolescenza, il che significava che a 15 anni mi sedevo dietro il computer di mio padre dopo la scuola per parlare con i miei compagni di classe utilizzando il programma di chat di MSN. Ciò mi ha causato molto stress: a volte nessuno rispondeva o addirittura c’erano indicazioni che fossi stato bloccato. MSN ha portato la logica della scuola a casa mia. Ma la differenza rispetto a adesso era enorme: quando mio padre aveva bisogno del suo computer, dovevo tornare a guardare MTV o a fare conversazioni telefoniche faccia a faccia con gli amici. La logica del cortile di scuola aveva un controllo limitato sulla mia vita privata.

Non riesco a immaginare cosa significhi essere a contatto con i propri coetanei a ogni ora del giorno: dover convivere costantemente con i loro giudizi o addirittura con la loro presenza. Ecco perché posso intuitivamente concordare con la tesi di Haidt. Ciò non cambia il fatto che il suo libro non racconta tutta la storia. Lo ha ammesso anche lui stesso in un'intervista New York Times. Haidt ha indicato Abigail Schreier, che, ha detto, Cattivo trattamento Descrive “un pezzo importante del puzzle”.

Terminologia terapeutica

Il libro di Shrier tratta della guarigione della società, in particolare delle generazioni più giovani. Abbiamo sostituito la resilienza come valore con la vulnerabilità, afferma Schreyer. Si tratta di un meccanismo che si auto-rinforza: più ci concentriamo sulle debolezze, più scopriamo debolezze, fino a finire per leccarci tutto il giorno come un gatto ferito.

READ  L'esposizione alla pertosse migliora la risposta a un vaccino di richiamo

Lo sceriffo discute i trattamenti in vari campi. Sempre più bambini ricevono diagnosi come ADHD e autismo, entrano in terapia più rapidamente e vengono interpellati nella lingua del terapeuta anche al di fuori del trattamento, ad esempio in classe. Tutto si chiama trauma ed è pericoloso, il che lo fa sentire ancora più traumatizzato e insicuro, dice Sher. Ciò a cui tieni cresce.

Ciò che accomuna tutti questi fenomeni è che le avversità e il disagio vengono posti fuori dalla norma. Di conseguenza, i bambini e i giovani non solo hanno maggiori probabilità di viverlo come un problema, ma mancano anche delle competenze per affrontarlo. In questo, Schrier è d'accordo con la critica di Haidt all'istruzione moderna.

Shearer entra con la gamba tesa. Il suo tono è polemico e spesso sarcastico: sembra la tipica Generazione X che pensa che tutti dopo di lei siano impazziti. Ci sono molte prove a riguardo, sia scientifiche che aneddotiche. A volte si chiede se ha fatto di tutto per trovare ricercatori che non sono d'accordo con lei, ma alcuni esempi di per sé sono già abbastanza eloquenti. Ciò che sconvolge è il passaggio in cui descrive come suo figlio, che soffriva di forti dolori addominali, fu sottoposto dal medico ad una serie di domande del tipo: “Quante volte nelle ultime settimane hai desiderato di essere morto? ?” “Hai mai tentato il suicidio?” Scherer critica fortemente questo tipo di indagini, che presuppongono una vulnerabilità della sicurezza di cui non vi è alcuna indicazione.

Ma quel tono polemico e sarcastico rende questo libro non solo importante e spesso persuasivo, ma anche un po’ noioso e fastidioso. Conosci il punto fin dall'inizio e poi devi solo guardare mentre l'indizio viene posizionato sull'albero. Prendiamo, ad esempio, il capitolo 6 sul trauma. Nelle prime due frasi, Shirer descrive come la sua forte e ottimista nonna abbia perso la madre durante il parto. Allora si capisce subito che ore sono: la nonna ha assistito a qualcosa di terribile, ma non si è mai lamentata, a differenza della generazione Z, che dopo un parto del genere dovrà sottoporsi a una terapia d'urto. E infatti, è esattamente così che va il capitolo.

Shrier tralascia anche una serie di cose troppo facilmente. Innanzitutto: le giovani generazioni di oggi crescono già in un contesto difficile. C’è una forte enfasi sulla performance individuale, mentre le prospettive in vari ambiti (geopolitica, mercato immobiliare, ecc.) sono meno brillanti di quelle dei Millennials in gioventù. Inoltre, come accennato in precedenza, la generazione Z ha dovuto fare costantemente i conti con lo sguardo degli altri fin dall’avvento degli smartphone e dei social media. Schrier riconosce in poche pagine che questo ha un ruolo, ma non entra nei dettagli.

In secondo luogo, non tutti hanno bisogno della terapia, ma ciò non rende tutte le terapie negative. Lo stesso vale per i libri di auto-aiuto. Guardare eccessivamente l'ombelico non va bene, ma una maggiore autoriflessione non farà male a molte persone. Per molti della mia generazione, abituati a parlare di sé, è incomprensibile quanto poco i loro genitori o colleghi più anziani capiscano i loro punti di forza e di debolezza.

READ  Verifica: continuare a utilizzare il dispositivo per apnea Philips, l'arresto è rischioso - disconnettersi

I difficili anni Cinquanta

La domanda è, come sempre: dov’è il giusto compromesso? Sarebbe interessante se Schreier indagasse su questo. Ma non lo fa, e questo è ciò che rende il libro più un'autocompiacimento da parte di un cinquantenne difficile. Il tono a volte eccessivamente allegro non aiuta. Frasi come: “La risposta breve è no. La risposta lunga è no. Tuttavia, posso immaginare che il libro abbia un valore aggiunto, soprattutto negli stessi Stati Uniti. Una cultura che si occupa in modo così spasmodico degli abusi nella vita dei bambini potrebbe aver bisogno di un po' di sobrietà .”

Scherer e Haidt giungono a conclusioni simili anche se il loro focus è diverso. In breve: non è la rabbia del mondo esterno a rendere i giovani ansiosi e depressi, ma il loro ambiente immediato: la loro educazione e l’uso dei media. Entrambi ritengono che il ruolo delle preoccupazioni sul cambiamento climatico, ad esempio, sia esagerato. Haidt scrive che i grandi disastri sono sempre esistiti e di solito portano a un sentimento di solidarietà piuttosto che a una depressione collettiva. Come possono i giovani ricordarsi del cambiamento climatico? Secondo Beth, la studentessa psicologa che ha intervistato Schreier, ai giovani piace dare risposte che gli adulti prendono sul serio: “La fine della Terra” sembra una scusa migliore per il pessimismo di “Qualcuno è stato cattivo con me su Instagram”.

Anche le soluzioni di Schreyer e Haidt sono in parte simili. I bambini hanno bisogno di essere più offline, di giocare di più e di essere monitorati di meno. Bisognerebbe dire loro “no” più spesso: più schiocchi (metaforici) delle dita, meno pacche sulla testa. Più libertà e più restrizioni allo stesso tempo. A differenza di Schreyer, Haidt ha anche proposte concrete: chiede, tra le altre cose, scuole senza smartphone e il divieto dei social media per i minori di 16 anni. Quest’ultimo dovrebbe essere imposto dal governo e facilitato dalle società di social media con la verifica dell’età. Con questo tipo di regole, Haidt spera di risolvere il “problema dell’azione collettiva”: anche se molti giovani dicono di trovare problematici i social media, non smetteranno mai di usarli se i loro amici continuano a usarli.

Prima che questo tipo di intervento radicale del governo diventi accettabile, ci sono ancora molti dati che devono passare attraverso i telegrammi. Innanzitutto, sono necessarie ulteriori prove di una relazione causale tra l’uso dei social media e il disagio psicologico. Ma come punto di partenza per la discussione sociale e come fonte di informazioni per i genitori preoccupati, questi libri meritano sicuramente attenzione.