QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Dylan Teunis deluso dallo slider Wellens: 'Forse sarebbe potuto andare con Mathieu van der Poel'

Dylan Teunis deluso dallo slider Wellens: 'Forse sarebbe potuto andare con Mathieu van der Poel'

Domenica 31 marzo 2024 alle 18:17

video Dopo aver terminato il Giro delle Fiandre, Dylan Teunis si è sentito particolarmente deluso. Il belga sfiora il podio perché è stato superato negli ultimi metri da un gruppo in arrivo. Anche se questa non è l'unica cosa di cui il pilota israeliano e primo ministro tecnologico è deluso. “Non sapremo mai se potrò andare con Van der Poel”, ha detto Teunis. Ciclismo.

“Alla fine la canna era finita”, dice Twins. “Manca ancora la testa ma le gambe non ci sono più. Sono molto dispiaciuto di non essere riuscito a salire sul podio”. Inseguitori Nel finale i due si staccano dagli inseguitori, ma lo sforzo non basta.

Teuns può anche indicare un brutto momento all'inizio della gara. “Nel Koppenberg c'è il primo momento di 'sfortuna'. Tim Wellens perde l'equilibrio e diventa invalido. L'ho quasi colpito completamente, quindi non ho avuto altra scelta che cadere. Altrimenti penso che avrei potuto suonare con Van der Poel, magari tra “Le virgolette dopo. Non lo sapremo mai”.

“Pensavo che Mathieu avrebbe potuto allontanarsi da tutti noi nell'Oude Kwaremont se avesse voluto. Anche lui ha resistito in quel momento. Quindi forse ci sono ancora alcune opportunità di collaborare al Koppenberg. Sfortunatamente l'uccello ha iniziato a volare lì Ho lottato per il secondo posto, che è “Il livello più alto possibile oggi. Semplicemente non ha funzionato”.

Problemi di stomaco
Tuttavia, Theones può ritenersi soddisfatto della sua prestazione di oggi. Nella sua ultima gara, il Giro di Catalunya, il belga ha dovuto comunque ritirarsi. “Ho problemi di stomaco dai tempi della Strade Bianchi. Abbiamo fatto molto con tutta un'equipe medica per risolvere questo problema. Fino a stamattina avevo ancora dei dubbi. È dalla Catalunya che non faccio una gara per testare le gambe. Mi sono allenato intensamente solo due volte, domenica e mercoledì, e sono contento.” “Molto bene perché le cose sono andate bene”.

READ  Il primo duello tra Wout e Mathieu subito dopo Natale? Van der Boe...

Tim Wellens: “Di solito sono molto bravo a Koppenberg”
“È stato difficile arrivare in cima al Koppenberg”, ricorda Wellens della sua via. “C'era un po' di grip. L'arrampicata è nota per la sua tendenza ad essere un po' scivolosa. Ero in buona forma lì. Normalmente guido bene lì, ma oggi era molto scivoloso.”

“Poi la gara è esplosa”, continua Wellens. “Alla fine eravamo in quattro nel team e abbiamo fatto una bella gara, ma non era facile finire. Il piano era girare, perché tutti erano al limite. Nils ha fatto una buona gara.