QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I 5 migliori fondi obbligazionari con esposizione elevata…

L’Italia è la terza economia più grande dell’Eurozona, ma non è stata un faro di stabilità negli ultimi decenni. Non solo economicamente ma anche politicamente. Da quando il governo di Mario Draghi è imploso il mese scorso dopo aver perso il sostegno dei suoi partner della coalizione di destra, gli italiani hanno ipotizzato che il presidente russo Vladimir Putin abbia aiutato Putin a cacciare il primo ministro esercitando pressioni sui partiti al governo che si dice abbiano stretti legami con il Cremlino.

Il 5 agosto Moody’s ha confermato il rating Baa3 per l’Italia, ma ha declassato l’outlook da stabile a negativo. Sebbene la crescita e gli sviluppi finanziari nel 2021 e all’inizio del 2022 possano sorprendere favorevolmente l’agenzia di rating, i rischi sono aggravati dall’impatto economico della guerra in Ucraina e dagli sviluppi della politica interna. S&P non ha modificato il rating dell’Italia a BBB, ma ha abbassato l’outlook del rating da positivo a stabile.

Ansia ma non panico nel mercato
Le dimissioni del premier Draghi e la possibilità che un governo euroscettico salga al potere a settembre, insieme all’inflazione e al primo rialzo dei tassi della BCE, hanno alimentato i timori sui mercati obbligazionari.

Lo spread tra i rendimenti decennali italiani e tedeschi è salito di quasi 260 punti base a fine luglio. A mercoledì 24 agosto, il rendimento decennale italiano era di circa il 3,67%, mentre l’equivalente tedesco era dell’1,37%. Lo spread varia, ma si è ampliato in base alle sfide strutturali che il Paese ha dovuto affrontare nel corso degli anni, come il debito al 150% del PIL. Inoltre, gli analisti temono che la prossima amministrazione non adotterà l’agenda di Draghi per la riforma economica e una maggiore disciplina fiscale. Ciò potrebbe influire sull’accesso al piano di ripresa della corona da 200 miliardi di euro dell’UE.

READ  La Germania batte l'Olanda nella cronometro a squadre miste, il Belgio corre per la settima volta | Campionato del mondo 2021

Tuttavia, i rendimenti obbligazionari italiani restano ben al di sotto dei livelli durante la crisi dell’euro. Ciò è dovuto principalmente alla fiducia tra gli investitori che la BCE fornirà supporto, se necessario, ai paesi sotto pressione dall’aumento dei tassi di interesse. Acquistando obbligazioni da quei paesi, la BCE può controllare gli spread.
Tuttavia, la domanda che gli investitori dovrebbero porsi è se possiamo fidarci di questo se si scopre che lo spread in aumento è un problema esclusivamente italiano e che presto ci sarà un primo ministro euroscettico dall’altra parte del tavolo. Un vivido esempio di ciò che era possibile allora era l’Ungheria. Il rendimento del titolo di Stato ungherese (PPB) a 10 anni è stato dell’8,52% mercoledì 24 agosto.

I primi 5
Per la Top 5 di questa settimana, esaminiamo i fondi di investimento di diverse categorie di obbligazioni Morningstar europee, tra cui il titolo di Stato in EUR e l’obbligazione flessibile in EUR, che hanno una classe di azioni esente da commissioni di distribuzione. Questi cinque fondi hanno la maggiore esposizione al debito italiano.

è Obbligazioni DBAM Euro IG Il fondo ha circa il 30% di obbligazioni italiane, seguito da un’allocazione del 18,2% in Spagna. Questo fondo a gestione attiva si confronta con la performance del benchmark JPMorgan EMU Government Investment Grade Total Return, in cui i due paesi rappresentano rispettivamente “solo” il 21,6% e il 15%. Il sottopeso nei titoli di Stato tedeschi e francesi a fine luglio 2022 era rispettivamente dell’11,3% e del 20,4%. Sovrappeso e profilo di credito degli Stati membri dell’euro più deboli ma più grandi più rischiosi del benchmark con obbligazioni BBB più alte del 20%.

READ  Panico in Italia: Asuri cerca frettolosamente un attaccante da gol

La duration del fondo è di quasi 7 anni inferiore al benchmark. La strategia è gestita da Ronald van Steenwagen e Lovi Tebow, che guidano anche il fondo DBAM Bonds Euro. Questo fondo, che si differenzia con un’allocazione del 5% in obbligazioni ad alto rendimento, è anche nella nostra lista. Van Steenwagen è attivo presso l’asset manager di Bruxelles da novembre 2007, con Tebow che si è unito a settembre 2016.

è Neuberger Berman Eurobond Absolute Return Il fondo è gestito dai veterani Patrick Barbe e Yannick Loirat, che mirano a sovraperformare l’ICE BofA 0-1 Year AAA Euro Government Benchmark dal 3% al 4% per ciclo di mercato. Entrambi provengono da BNP Paribas. I gestori qui utilizzano la stabilizzazione del tasso di interesse variabile su un intervallo di scadenza compreso tra -3 e +6 anni e possono assumere posizioni lunghe e corte.

Nella loro più recente lettera mensile agli investitori, i gestori hanno recentemente aumentato l’esposizione alla periferia. Secondo i dirigenti, in particolare, l’instabilità politica italiana ha rappresentato un’interessante opportunità. Si aspettano che la BCE continui a sostenere l’Italia. Il rating medio di questo fondo è A- e ha un’esposizione del 12,3% alle obbligazioni ad alto rendimento. Quindi ha un profilo completamente diverso da un benchmark che detiene solo obbligazioni AAA con scadenze inferiori a 1 anno.

I 5 migliori fondi obbligazionari con un’elevata esposizione all’Italia