QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“I genitori non vogliono più dare vitamine ai bambini”

“I genitori non vogliono più dare vitamine ai bambini”

Genitori che non vogliono dare vitamine ai loro neonati o non permettono loro di disidratarsi dopo un parto d'emergenza. Questo è ciò che nota sempre più spesso il pediatra Mark Hoettger, come spiega in questo articolo M.

“Chi non fa la guerra per molto tempo trascura il suo esercito.” Secondo il pediatra Hoettger, questa è l'essenza di ciò che sta accadendo attualmente nel settore sanitario. L’Olanda sta andando così bene che ci sono pochi problemi iniziali. Di conseguenza, i genitori iniziano a dubitare dell’efficacia dei trattamenti preventivi per queste malattie.

Perché si riduce la vaccinazione?

I genitori ignorano le vaccinazioni e si affidano al parere dei medici. “Questo ovviamente ci tiene molto impegnati come pediatri. Recentemente ho trasferito un bambino con pertosse in terapia intensiva durante il turno di notte e ho ricevuto la notizia che un bambino era morto a causa di questa malattia, quando avrebbe potuto essere prevenuta con la vaccinazione.

Il medico spiega che il numero dei bambini malati era molto maggiore di quello attuale. I genitori erano contenti di tutto l'aiuto che potevano ricevere per migliorare le condizioni dei loro figli, ma ora vediamo bambini malati meno frequentemente. Se il loro bambino si ammala, vogliono sapere perché è successo e di chi è la colpa. Si chiedono anche se le vaccinazioni e altri trattamenti medici siano ancora necessari, perché credono che i loro figli abbiano meno probabilità di contrarre la malattia.

Leggi anche – Questa è la tua opinione sulla vaccinazione obbligatoria: “Non mettete in pericolo i miei figli con le vostre pretese medievali”

Punti interrogativi sulle vitamine

Oltre ai vaccini i genitori si interrogano anche sulle vitamine. “Vitamina K. La diamo ai neonati, perché la ricerca scientifica dimostra che altrimenti ci sarebbe un rischio maggiore di emorragia cerebrale. È solo una piccola percentuale, ma la possibilità c'è. Tuttavia, alcuni genitori scelgono di non somministrare queste vitamine ai loro figli”.

READ  Gli scienziati hanno regalato ai bombi pezzi di Lego, rivelando che gli insetti possono lavorare bene insieme

Ciò che il medico nota sono anche i desideri specificati nei piani di parto. Ad esempio, alcuni genitori non vogliono asciugare il bambino subito dopo la nascita. Credono che il sebo secreto dal bambino mantenga l'elasticità della pelle e la protegga dai batteri. “Va bene, ma se un bambino nasce male, vogliamo davvero seccarlo. Altrimenti il ​​corpo si raffredderà rapidamente e l'esito della rianimazione sarà peggiore. Alcuni genitori sono troppo attaccati ai loro desideri. Non tengono conto tenere conto dell'inaspettato. Allora i due mondi si scontrano. “

Leggi anche – Tutto quello che vuoi sapere sulle vitamine per il tuo bambino

Il tempo del camice bianco

È comprensibile che le persone abbiano dubbi sugli interventi volti a favorire una vita sana. Alcuni credono che dovremmo lasciare che la natura faccia il suo corso. “Ma noi come società abbiamo concordato di prevenire alcune malattie, anche attraverso le vaccinazioni e l'acqua potabile. Queste opzioni stanno diventando sempre più importanti ora che possiamo permettercele.

“Come medico penso sia positivo che i genitori siano sempre più coinvolti nella salute dei propri figli. È finito il tempo del camice bianco che definisce tutto. La medicina non è in bianco e nero, e nemmeno la ricerca scientifica. Questo dà spazio alla discussione , nella quale noi medici dobbiamo impegnarci”.

lungo termine

“Se i genitori rifiutano cure importanti, possiamo fare due cose: informarli e lasciar perdere, oppure contattare il Child Protection Board se la situazione è grave. A volte è necessario intervenire, soprattutto quando si tratta della salute e del benessere di un bambino.

A lungo termine, i dubbi sui trattamenti medici possono creare lacune nel nostro sistema sanitario. Dovremo aspettare e vedere se possiamo permettercelo, ma temo di no. Secondo il pediatra quali saranno le conseguenze le vedremo solo tra qualche anno.

READ  Crisi generazionale o Crisi generazionale - Consiglio norvegese per i rifugiati

Nella nostra rivista Kek Mama puoi leggere le storie più belle, le rubriche in primo piano e i migliori consigli su moda e lifestyle. Iscriviti ora A soli 29,95€ all'anno e sarai il primo a portare lo splendore a casa tua.