QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Le segnalazioni di fattori che causano un aborto spontaneo sono spesso notevolmente contagiose.  • Pecora

Le segnalazioni di fattori che causano un aborto spontaneo sono spesso notevolmente contagiose. • Pecora

Ora che la stagione delle gravidanze è di nuovo in pieno svolgimento, riceviamo segnalazioni di aborti spontanei, nati morti e gravidanze anomale. La causa è un agente infettivo, zoonotico o non zoonotico. Ciò risulta evidente dai primi risultati della ricerca patologica condotta quest’anno sugli agnelli abortiti e sui parti associati. Articolo di Nienke Snijders-van de Burgwal (GD reale).

Noti un aumento del numero di aborti nella tua azienda? Non dimenticare di informare l'Autorità olandese per la sicurezza alimentare e dei prodotti di consumo (NVWA). Se negli allevamenti di pecore aumenta il numero degli aborti, sia l’allevatore che il veterinario devono segnalarlo.

Una causa infettiva è stata identificata in un numero sorprendente di richieste di aborto sottoposte ad esame patologico. Meno della metà è comune. Ora, all’inizio della stagione degli agnelli, quel numero è già di due terzi. È impossibile prevedere se il numero degli iscritti migliorerà o peggiorerà.

I fattori di aborto non sono stati ancora trovati

Le cause di aborto finora riscontrate sono Listeria, Campylobacter fetus, Escherichia coli, Toxoplasma gondii e Chlamydia. Come indica la parola “infettivi”, questi agenti sono in grado di infettare altri animali. Gli agenti patogeni entrano nell'ambiente attraverso materiali abortiti, come il liquido amniotico e dopo la nascita. Ciò crea una maggiore pressione infettiva con il rischio di contaminazione delle pecore gravide esistenti o di contaminazione ambientale. Nel peggiore dei casi, ciò porta a una tempesta di aborti spontanei. Tuttavia, il rischio di ciò non è lo stesso per tutti gli agenti di aborto spontaneo.

Obbligo di notificare gli agenti infettivi

Dalle attuali informazioni con causa infettiva emerge che il 52% dei casi sono legati ad agenti patogeni infettivi per l'uomo (zoonosi). In caso di aumento del numero di aborti negli allevamenti ovini vige l'obbligo di denuncia sia all'allevatore che al veterinario. Questo impegno è legato principalmente ai rischi per la salute pubblica.

READ  Collagene dal barattolo, mantiene davvero giovane la tua pelle? - Ben.nl

Le donne incinte non sono nella stalla

Nienke Snijders-van de Burgwal (Reale GD).
Nienke Snijders-van de Burgwal (Reale GD).

Gli allevatori e i dipendenti, così come altre persone a diretto contatto con pecore (abortite) e materiali abortiti, sono a rischio di infezione con l’agente abortivo zoonotico. Il nostro consiglio è che le donne incinte e le persone con un sistema immunitario indebolito non dovrebbero entrare nella stalla durante la stagione degli agnelli. È anche importante che vengano adottate misure igieniche adeguate da (e per) i proprietari e i dipendenti. Inoltre, è importante conoscere la causa dell'aborto spontaneo, della nascita anormale dei feti e della nascita delle gravidanze. La ricerca patologica può aiutare a determinare i rischi per l’uomo e gli animali. Se necessario e possibile, potremo anche adottare misure mirate.

Agnelli deformi

GD ha esaminato gli agnelli mutilati per il sierotipo 3 del virus della febbre catarrale (BTV-3). Le malformazioni finora sembrano essere causate dal virus Schmallenberg. Lo scorso inverno, la ricerca patologica ha dimostrato che il BTV-3 è in grado di infettare gli agnelli non ancora nati. Per il momento continueremo la ricerca sul BTV-3 per monitorare il potenziale ruolo del BTV-3 sugli agnelli malformati.

Segnalazione di un aumento degli aborti spontanei

Noti un aumento del numero di aborti nella tua azienda? Non dimenticare di segnalarlo alla NVWA. Per domande sulla diagnosi di aborto spontaneo o sullo screening degli agnelli con anomalie congenite, contattare Veekijker Kleine Hernauwer o visitare il sito web gddiergezondheid.nl/abortus.

Questo è un articolo di Het Schaap March: leggi l'intero numero qui..

Leggi anche questi articoli dei veterinari GD: