QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I prezzi di questi prodotti sono aumentati ancora di più

La vita è diventata più cara ei cittadini non lo sentono più esclusivamente quando pagano le bollette del gas o dell’elettricità. L’inflazione core, che non tiene conto dell’elevata volatilità dei prezzi degli alimenti non trasformati o dell’energia, è attualmente del 3,75%. A febbraio era ancora del 3,28 per cento. Nel frattempo, alcuni degli aumenti di prezzo più significativi sono stati registrati nell’acquisto di frutta, cura del corpo e acquisto di auto.

Gli esperti spiegano l’aumento della durata della vita osservando l’aumento dei prezzi dell’energia. Il gas naturale è attualmente più costoso del 148,8% rispetto allo scorso anno e il costo dell’elettricità è aumentato del 49,9% su base annua. Le imprese trasferiscono i costi sostenuti sui consumatori, il che porta a un aumento generale dei prezzi.

A febbraio il governo ha cercato di ridurre i costi per i cittadini introducendo una riduzione temporanea dell’imposta sul valore aggiunto per l’elettricità. Il mese scorso, di conseguenza, il prezzo dell’elettricità è sceso in media dell’11,7 per cento e la stessa misura entrerà in vigore per il gas ad aprile. Sono misure utili che possono risparmiare un po’ di margine finanziario per i consumatori, ma hanno poco significato nel quadro più ampio.

La Banca centrale europea ha previsto che l’inflazione nell’Eurozona raggiungerà il 5,1% nel 2022. In un anno “normale”, questa cifra oscilla di circa il 2%. Pertanto, Christine Lagarde, presidente della Banca centrale europea, vuole porre fine all’acquisto all’ingrosso di debito pubblico e societario in anticipo. Nel frattempo, resta da vedere se riuscirà a rimanere fedele alle sue precedenti affermazioni secondo cui la Banca centrale europea non aumenterà i tassi di interesse quest’anno.

READ  Bitcoin ed Ethereum calano di nuovo, Cardano e Solana cadono più forte, questa azione di Altcoin va ancora forte » Crypto Insider

La maggior parte dei belgi è in qualche modo protetta dagli effetti dell’inflazione. Se i prezzi salgono a un livello in cui supera l’indice centrale, i salari aumenteranno automaticamente. In Europa, la stessa indicizzazione automatica esiste solo a Malta, Cipro e Lussemburgo. Altrove, gli aumenti salariali sono quasi sempre il risultato di consultazioni tra sindacati, dipendenti e dirigenti d’azienda.

Diverse organizzazioni dei datori di lavoro belghe si interrogano da tempo sulla regolamentazione dell’indice pivot. La Banca nazionale calcola che i costi salariali aumenteranno di circa il 13% (o circa 20 miliardi) entro la fine del 2024. Allo stesso tempo, c’è il rischio che il vortice salari-prezzo faccia aumentare i prezzi delle aziende, facendo salire di nuovo l’inflazione.

L’economista del lavoro Stijn Burt (UGent) comprende le preoccupazioni per la spirale salariale e il suo prezzo, ma ritiene che il dibattito sia meglio svolto in tempi economici meno turbolenti. Temo sia polvere da sparo politica. Durante i negoziati sullo standard salariale dell’anno scorso, è diventato chiaro quanto politici e sindacati siano divisi sull’argomento”.