QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I registi Tata sono dietro le sbarre come l’Italia? Non accadrà presto

Quanto è realistica la scena in cui gli autisti della Tata Steel sono imprigionati per aver danneggiato la salute dei locali, come è successo di recente agli autisti dell’acciaieria italiana Ilva? Michael Farrell, professore di diritto ambientale comparato e internazionale all’Università di Maastricht, pensa che al momento non sia molto possibile. “Se mi chiedi in albergo: ‘Tata è colpevole?’, rispondo ‘sì’. Ma la legge non è così”.

Stolfafrick Ilva in Italia – Daily True

Due ex direttori dell’acciaieria italiana Ilva, ora nota come ArcelorMittal, sono stati condannati a più di 20 anni di carcere. L’inquinamento di una fabbrica a Buglia, nel sud del Paese, ha ucciso almeno 400 persone. È lì che il giudice ha deciso a fine maggio che i responsabili erano gli ex direttori.

In precedenza, una pubblicazione scientifica mostrava che le emissioni delle fabbriche erano responsabili del numero superiore alla media di casi di cancro ai polmoni nella regione.

Questo caso attira l’immaginazione dei residenti interessati a Tata Steel IJmuiden. A prima vista, la somiglianza tra la situazione olandese e il caso italiano non può mancare: Tata Steel, come Ilva, è una grande acciaieria in una regione con notevoli problemi di salute. IJmuiden o anche i direttori possono essere ritenuti responsabili qui?

Pericoloso Rapporti sanitari

Rapporti sanitari pericolosi si stanno accumulando su IJmond. Ad esempio, secondo il rapporto GGD dello scorso anno, il cancro ai polmoni a Beverwick è del 27% più alto che in altre parti dei Paesi Bassi. piccante è Tata Steel è stata rimossa dal rapporto da GGD. Quel caso è attualmente sotto inchiesta.

E RIVM ha pubblicato un rapporto all’inizio di quest’anno dicendo: “La qualità dell’aria a IJmond è spesso moderata e non adeguata. Il medico di base riceve denunce di salute più gravi che in altre aree industriali».

READ  Bergen cerca un posto in Champions League in Italia...

“Se Tata è di sua competenza, l’azienda nei Paesi Bassi non può essere citata in giudizio. Le emissioni sono ovviamente dannose”.

Michael Farrell, professore di diritto ambientale internazionale comparato

Ma non basta che Tata Steel si assuma la responsabilità del procedimento penale, basta scoprire che ci sono problemi di salute intorno all’acciaieria. Rimproverare i conducenti non è sicuramente sufficiente.

Secondo il professor Farin, la prima importante differenza tra i casi Tata e Ilva è questa: “È stato accertato senza ombra di dubbio che le operazioni dell’azienda in Italia hanno causato danni alla salute dei locali. Quindi si può avviare un procedimento penale. Tata è attualmente sotto processo. Non provato.”

Il danno che si può dimostrare non basta

Inoltre, due cose sono importanti per avviare un procedimento penale contro Tata, dice Faure. Tata sta violando le sue licenze e l’azienda lo sta facendo deliberatamente?

“Se Tata è di sua competenza, la società non può essere citata in giudizio nei Paesi Bassi, anche se le emissioni sono dannose per la salute. Potrebbe non essere così, ma lo è”.

Secondo le regole

“In altre parole: per quanto riguarda i danni causati dalle emissioni nel permesso, Tata potrebbe dire: ‘Abbiamo agito secondo le regole lì’.

Questo porta il professore ad un’altra fondamentale distinzione tra Ilva e Tata: per molti anni si è prestata poca attenzione agli effetti sulla salute delle loro emissioni nell’ambiente industriale italiano. “Puoi discutere delle sue prestazioni, ma Tata sta cercando di agire”.

E se la situazione cambia?

È impensabile che la situazione cambierà, ad esempio, RIVM o il Consiglio di sicurezza olandese rilasceranno un rapporto sulla “situazione intorno a Tata Steel” il prossimo anno, dimostrando una relazione causale tra Tata in futuro. Emissioni e problemi di salute a IJmond.

READ  Più di 5 milioni di studenti italiani sono tornati a scuola

In tal caso, la società, ad esempio, potrebbe essere multata o chiusa, Farrell è d’accordo. Ma (ex) i conducenti probabilmente non devono andare in prigione. Non solo le circostanze delle fabbriche italiane e olandesi sono diverse, ma anche il diritto penale è diverso nei paesi.

A seconda che gli ex capi di fabbrica debbano sedersi per vent’anni

“Tata Steel potrebbe essere citata in giudizio nei Paesi Bassi poiché è molto difficile dimostrare che Byte o Henk siano responsabili”. Gli individui non possono essere perseguiti: “Dopo il disastro dei fuochi d’artificio, ad esempio, due direttori di SE Fireworks sono stati condannati a un anno di carcere”.

“In Italia, una società non poteva essere citata in giudizio, quindi gli amministratori dovevano essere citati in giudizio”, ha detto Farrell.

Resta da vedere se gli ex dirigenti della fabbrica italiana siederanno effettivamente per vent’anni. Faure: “L’Italia ha una sorta di tradizione di ottenere risultati spettacolari. Ma i condannati non sono subito dietro le sbarre: ci sarà l’appello e dovremo aspettare tutti il ​​verdetto finale”.