QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il Bauhaus batte il Milan in una volata disorganizzata della Tirreno, con Philipsen che cade all'ultima curva

Il Bauhaus batte il Milan in una volata disorganizzata della Tirreno, con Philipsen che cade all'ultima curva

Jasper Philipsen si è negato l'opportunità di partecipare per due volte consecutive alla Tirreno-Adriatico. Nella pericolosa terza tappa, con un finale tortuoso e in salita, il nostro connazionale è caduto nell'ultimo chilometro. Quindi non è stata una vera gara a squadre, è stata una gara in piccoli gruppi. Phil Bauhaus ha sconfitto Jonathan Milan. Juan Ayuso resta il leader.

Ieri erano quattro, oggi erano appena due.

La tappa più lunga della Tirreno-Adriatico – almeno 225 chilometri – con il suo DNA ondulato e le terribili condizioni meteorologiche, non poteva che convincere il duo italo-svizzero ad affrontare l'emozionante lungo prologo.

Quando hanno raggiunto la fine della corda, EF-EasyPost ha voluto mettere pressione sui corridori mentre salivano a 16 chilometri dall'arrivo.

Il loro passo era veloce, ma non abbastanza violento da disorientare gli uomini che digiunavano. Tuttavia, la strada in salita avrà il suo prezzo negli ultimi, feroci chilometri.

Nessuno dei due corridori aveva abbastanza servitori e si annunciò una corsa veloce e irregolare.

Aggiungi qualche curva e strettoia e poi saprai che un incidente è inevitabile, anche se il fondo stradale è relativamente asciutto.

Jasper Philipsen si è lasciato spingere un po' troppo la batteria, ed è rimasto bloccato e ha perso l'equilibrio mentre suonava la batteria.

Fece scivolare via la maglietta a pois viola e vide da terra come Phil Bauhaus e Jonathan Milan erano sfuggiti al clamore.

L'alto tedesco ha battuto il suo ex compagno di squadra italiano.

READ  Wuyts e Herygers discutono delle tattiche della Coppa del Mondo: "Lascia che Toon Aerts renda la partita difficile" | Campionato mondiale di ciclocross