QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il candidato comunista alle elezioni presidenziali francesi per la prima volta in quindici anni | all’estero

Dopo un’assenza di 15 anni, il Partito comunista francese parteciperà nuovamente alle elezioni presidenziali francesi il prossimo anno. Domenica, il partito ha sollevato sullo scudo il suo leader, Fabien Roussel, come candidato.




Circa 43.000 membri del partito hanno votato online tra venerdì e domenica. Più dell’82% ha sostenuto Russell, che era stato precedentemente suggerito dai quadri del partito.

“Non accetto uno scenario malsano in cui le elezioni presidenziali vengono congelate in un duello tra il presidente in carica e l’estrema destra”, ha detto domenica Russell. Era stato eletto leader del partito nel 2018 con la promessa che il Partito comunista avrebbe avuto un altro candidato nel 2022.

Marie-George Buffett è stata l’ultima candidata per il Partito Comunista alle elezioni presidenziali del 2007. Ha poi ricevuto solo l’1,93% dei voti, che ha portato al ritiro del partito dalle elezioni del 2012 e del 2017. I comunisti hanno invitato i loro membri a sostenere Jean -Luc Milencheon della festa “La Frances” Lefty.

Tuttavia, il Partito Comunista si rende conto che tenere le elezioni presidenziali è il modo migliore per “esistere” sulla scena politica nazionale e farsi prendere dai media.

READ  Amsterdamse ha ricevuto i giornali di 20 anni per sei mesi ...