QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il governo non riesce a trovare un accordo sul contratto del giornale: qual è il problema e il vostro giornale aumenterà di prezzo?

Il governo non riesce a trovare un accordo sul contratto del giornale: qual è il problema e il vostro giornale aumenterà di prezzo?

Che cos’è un contratto con un giornale?

Il contratto giornalistico, o cosiddetta concessione stampa, riguarda la distribuzione dei giornali e delle riviste cartacee nel nostro Paese. Non sono i media stessi a pagare i costi di distribuzione, ma è piuttosto il governo a sostenere la maggior parte dei costi.

Il compito di distribuire giornali e riviste è da tempo nelle mani di Bpost, e il governo ha deciso di farlo, pagando per questo circa 170 milioni di euro all’anno. Da tempo si parlava di questo contratto. In passato, Bpost ha stipulato accordi sui prezzi contrattuali con gli editori e una società PPP concorrente, il che è illegale.

Il concorrente di Bpost arriva con l’offerta migliore

Il nuovo contratto dei giornali, che entrerà in vigore da gennaio, sarà attuato tramite gara pubblica. Si sono presentati tre candidati: Bpost, PPP e Proximy francese, che vogliono tutti aggiudicarsi un contratto da 125 milioni di euro all’anno.

Il PPP ha presentato una proposta secondo la quale ogni giornale consegnato verrà addebitato a 18 centesimi, mentre Bpost a 32 centesimi. Ecco perché FPS Economy ha consigliato al governo di collaborare con PPP per il nuovo contratto del giornale.

Perché il governo non affida l’appalto a un partenariato pubblico-privato, che è più economico?

Il consiglio mette nei guai il governo. Diversi partiti di governo – nonostante i consigli – non vogliono che il contratto vada al PPP. Ci sono diverse ragioni per questo. In primo luogo, mettono in dubbio la credibilità dell’azienda. Il PPP sta già distribuendo i giornali in diverse località del nostro Paese, e ciò non avviene senza intoppi. Gli editori si lamentano del fatto che il PPP non riesce a consegnare correttamente i loro giornali ogni giorno. Ciò porta all’insoddisfazione dei loro clienti.

Il partenariato pubblico-privato dovrà cercare a breve termine molti lavoratori per poter distribuire giornali e riviste in tutto il Belgio. Lo fanno anche con contratti di lavoro diversi da Bpost. Il personale del PPP sta lavorando in una situazione più fluida e rischiosa.

Gravi conseguenze per Bpost

Naturalmente, aggiudicare l’appalto al PPP significa anche che l’appalto non andrà alla Bpost. Ciò potrebbe avere conseguenze disastrose per l’azienda, che è ancora per più della metà di proprietà del governo.

I sindacati avvertono che più di 4.500 impiegati delle poste sono coinvolti nella consegna di giornali e riviste. Perdere il contratto sarebbe quindi un duro colpo e Bpost dovrebbe sottoporsi a una ristrutturazione completa. Il governo ha difficoltà a farlo per la propria azienda, mentre un concorrente scappa con il contratto.

Non ci sarà alcun contratto con la stampa?

Questa possibilità è alta. Dato che il governo non vuole darlo al PPP, ma non può giustificare giuridicamente il fatto di non darlo al candidato che arriva per primo nella procedura, occorre trovare un’alternativa.

Ecco perché ora è sul tavolo un arresto completo del sistema. Il governo sta indagando sulle conseguenze legali. In una conferenza stampa questa mattina, il PPP ha minacciato di rivolgersi al Consiglio di Stato se il governo avesse improvvisamente sospeso il sistema.

Alla scadenza del contratto del giornale, gli editori devono cercare le aziende che vogliono distribuire i loro giornali e riviste. Questa potrebbe essere una buona notizia per Bpost, che potrà ancora consegnare (alcuni) giornali.

Giornali esentasse?

La domanda è se sia necessaria un’altra forma di sostegno per accogliere il giornalismo cartaceo. Questa è la ragione della stagnazione attuale all’interno del governo. Ci sono diverse proposte sul tavolo, ma non è stata ancora presa una decisione. Il Partito socialista sta cercando una soluzione alternativa che interrompa il sussidio alla distribuzione, investendo però il denaro in una detrazione fiscale per i lettori dei giornali cartacei.

Altri partiti sono meno favorevoli a un sistema così complesso, ma altrimenti vogliono mantenere i sussidi per il giornalismo stampato.

Il giornale diventerà più caro?

Dipende dalla decisione del governo. Se il governo rinunciasse completamente ai sussidi, come vuole ad esempio Open VLD, il prezzo del giornale aumenterebbe. Ritengono che la spesa annuale di 125 milioni di dollari dovrebbe semplicemente rientrare nel budget. Gli editori dovrebbero quindi pagare da soli i costi di distribuzione dei loro giornali e riviste e li trasferirebbero al lettore.

Se emergesse una forma alternativa di sostegno, si potrebbe evitare un aumento dei prezzi. Anche se rimane la domanda su come sarà esattamente questo sistema e se avrà un impatto sul prezzo.

Quando prenderà una decisione il governo?

In realtà questo dovrebbe essere fatto il prima possibile. Il contratto attuale scade il 31 dicembre. Dal 2 gennaio non ci saranno più norme su come i giornali e le riviste in Belgio arriveranno a casa del lettore.

Il governo potrebbe anche decidere di prolungare l’attuale contratto con Bpost e guadagnare così tempo per sviluppare un nuovo sistema. Chissà, magari anche dopo le elezioni. I ministri trasferiscono poi la responsabilità del processo decisionale al governo successivo.

Guarda: il governo dovrebbe fornire soldi per distribuire i giornali? Discussione in Parlamento:

READ  Si prevede che i mercati azionari europei apriranno leggermente in ribasso