QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Il successo dei titoli di stato è il conto in ritardo della cultura casinò delle banche”.

“Il successo dei titoli di stato è il conto in ritardo della cultura casinò delle banche”.

Le banche hanno fatto di tutto per screditare i titoli di stato di Vincent van Petegem (CD&V). E quando il ministro delle Finanze, dopo molti tentativi infruttuosi di incoraggiare le banche ad aumentare i tassi di interesse sui risparmi, ha deciso di lanciarsi lui stesso sul mercato, lo spazio era molto piccolo. Le regole del libero mercato sono state eliminate la settimana scorsa, e questo è ciò che più o meno si riassume nel tumulto.

Niente di tutto ciò era convincente. E a differenza della crisi bancaria del 2008, quando le banche non avevano bisogno dell’intervento del governo per mettersi nei guai, oggi non ci sono grossi problemi. Inoltre, nel momento culminante della crisi è stato proprio il governo a dover intervenire in soccorso di Fortis e Dexia: si parla di un intervento perturbatore del mercato. Quindi le banche non hanno sentito parlare della lotta alla concorrenza.

In confronto, nell’ultima settimana non è successo quasi nulla. I titoli di stato di Van Peteghem producono un rendimento netto più elevato rispetto a prodotti bancari simili e, di conseguenza, le grandi banche potrebbero realizzare profitti leggermente inferiori rispetto agli ultimi trimestri. Non è carino, ma potrebbero procurarti qualcosa. Negli ultimi mesi, le banche hanno ottenuto risultati impressionanti perché la Banca Centrale Europea ha aumentato drasticamente i tassi di interesse mantenendo bassi i tassi di risparmio. Questa differenza fa guadagnare ai banchieri un enorme bonus. In realtà, non è che BNP Paribas Fortis o KBC siano sul punto di crollare.

Van Petegem non potrebbe essere un candidato adatto a primo ministro per il moribondo partito CD&V?

Ma non è quello che hanno detto le banche. Per favore procedere. In primo luogo, Johann Theiss, CEO del gruppo KBC, è stato inviato sul campo per denunciare la concorrenza sleale. Is era furioso per la ritenuta alla fonte sui titoli di stato, che rappresenta solo la metà dell’imposta su prodotti bancari simili. Numerosi esperti fiscali furono immediatamente d’accordo con lui. Era Pari opportunità Qui e “violazione dell’uguaglianza” lì, e in effetti c’erano forti minacce di azioni legali. Non meno sottolineato è il fatto che sulla maggior parte dei guadagni provenienti dai conti di risparmio deve essere pagata una ritenuta alla fonte dello 0 (zero) per cento. Anche il fatto che le banche stesse abbiano registrato un rimbalzo sembrava indicare che si stavano impegnando nella fissazione dei prezzi.

READ  Cominciano a lavorare sempre più lavoratori flessibili | Economia

(Maggiori informazioni sotto l’anteprima)

Con una seconda manovra si è cercato di spaventarci tutti. Le piccole banche avranno problemi perché ora devono offrire tassi di interesse più alti. Ma l’aumento dei tassi d’interesse era, ovviamente, proprio l’intenzione. È vero che Van Petegem non dovrebbe ritirare tanti miliardi dal mercato. Questo potrebbe essere preso in considerazione per un possibile secondo titolo di Stato entro la fine dell’anno, un percorso che il ministro sta mantenendo aperto. Ma oggi, per esempio, Aksa e Argenta potrebbero ancora essere battuti. Secondo l’economista Paul de Grauwe, le banche realizzano così tanti profitti che possono tranquillamente perderne la metà.

La terza obiezione era quasi assurda. All’improvviso le banche hanno visto l’arrivo di molti nuovi investitori, che devono tutti ricevere un colloquio adeguato secondo le regole europee. Sembrava che non ci fosse abbastanza tempo per quello. davvero e davvero? Penseresti che le banche sarebbero contente dei nuovi clienti e della possibilità di colpirli con altre offerte, ma no. Inoltre, le banche guadagnano anche una commissione sui titoli di stato che vendono.

Tuttavia la miseria non è servita a nulla. Lunedì erano già stati raccolti nove miliardi e qualche altro miliardo sarebbe stato sicuramente aggiunto. Ciò è legato al buon rendimento dei titoli di Stato, ma anche alla cattiva reputazione delle banche stesse. Dopo la crisi bancaria il conto era ancora aperto. Adesso si paga in contanti. Il successo dei titoli di stato è un conto in ritardo per la cultura del casinò delle banche nel 2008.

(Maggiori informazioni sotto l’anteprima)

Il più grande vincitore in tutta questa storia è il Ministro delle Finanze. Dopo il successo dei titoli di Stato, i rivali politici gli renderanno il compito molto più difficile di quanto lo sarebbe stata la fallita riforma fiscale. Ma nel frattempo il ministro sta lentamente entrando in un’altra categoria. Un piccolo suggerimento per il presidente del CD&V Sami Mahdi: potrebbe essere che Van Peteghem non sia un candidato adatto a primo ministro per il moribondo partito CD&V?

READ  Lo stesso servizio giuridico del Parlamento fiammingo ha dichiarato che il sistema pensionistico è illegale

Van Petegem non è un mostro politico – a meno che non sia un topo grigio con un dottorato di ricerca. Ma in un’epoca di rissosi e populisti, questa non è l’immagine peggiore da presentare all’elettorato.