QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il trattamento di fertilità IVM è efficace quanto la fecondazione in vitro classica per le donne con PCOS

Il trattamento di fertilità IVM è efficace quanto la fecondazione in vitro classica per le donne con PCOS

Una ricerca condotta dal Centro IVF di Bruxelles, il centro di medicina riproduttiva affiliato all’Università UZ di Bruxelles, mostra che nelle donne con PCOS chiaramente definita, la possibilità di concepire un bambino è quasi la stessa con il trattamento di fertilità mediante maturazione in vitro (IVM ) tecnica rispetto al trattamento Classico. Trattamento di fecondazione in vitro (IVF).

La sindrome dell'ovaio policistico o sindrome dell'ovaio policistico è un disturbo ormonale che si verifica in circa il 10% delle donne ed è spesso caratterizzato da una diminuzione della fertilità dovuta a disturbi dell'ovulazione. I risultati di questa ricerca sono stati recentemente pubblicati su Human Reproduction, la rivista scientifica della Società Europea di Riproduzione Umana e Embriologia. Offrono alle donne con PCOS evidente una prospettiva positiva sul trattamento della fertilità con meno rischi di effetti collaterali e un minore impatto sul loro benessere.

Alle donne con PCOS che desiderano avere figli vengono solitamente prescritte compresse o iniezioni per promuovere l'ovulazione. Ma questo non aiuta un gruppo importante che ricorre all'inseminazione artificiale. Con la stimolazione ormonale classica delle ovaie come la fecondazione in vitro aumenta il rischio di effetti collaterali ormonali e complicazioni come la sovrastimolazione delle ovaie, poiché si sviluppano contemporaneamente molte sacche di uova. La sovrastimolazione si manifesta, ad esempio, con ritenzione di liquidi e dolore al basso ventre, ma può anche essere accompagnata da difficoltà respiratorie.

Poiché le donne con PCOS spesso sperimentano questi effetti collaterali derivanti dal trattamento IVF tradizionale, la tecnica IVM meno stressante è di grande valore per loro. Con l'IVM, gli ovuli immaturi vengono forati nell'ovaio e fatti maturare in laboratorio prima di essere fecondati.

READ  Dopo la reazione al vaccino Moderna Vecchia cicatrice da vaccinazione BCG

La bassa efficacia del trattamento IVM è sempre stata un argomento a favore della scelta immediata della fecondazione in vitro. Una recente ricerca condotta su più di 1.700 donne con sindrome dell’ovaio policistico sottoposte a un trattamento di fertilità presso l’ospedale UZ di Bruxelles ha dimostrato che nelle donne con un aumento significativo della concentrazione dell’ormone antimulleriano (AMH) nel sangue, la possibilità di concepire un bambino bambino dopo un trattamento con IVM è diminuita di circa il 50%. % È stato. Un aumento del valore AMH è indice di una maggiore riserva di ovociti nelle ovaie. L'AMH prevede il numero di ovuli che possono essere raccolti dalle ovaie di una donna.

Meno complicazioni e pari possibilità di gravidanza
La possibilità di gravidanza nelle donne con un aumento significativo della concentrazione dell'ormone antimulleriano (AMH) nel sangue dopo la fecondazione in vitro era all'incirca la stessa del trattamento IVF convenzionale. La differenza nel tasso di successo per queste donne è stata inferiore al 10% e l’analisi statistica ha mostrato che non vi era alcuna differenza in termini di efficacia tra le due opzioni di trattamento. Certo, il trattamento della fecondazione in vitro è più difficile. Le donne devono ricevere iniezioni ormonali per circa due settimane, mentre nel trattamento IVM vengono somministrate solo da una a tre iniezioni.

L’IVM non è un trattamento di fertilità adatto a tutti
Utilizzando uno studio retrospettivo, il team IVF di Bruxelles ha analizzato la possibilità di una gravidanza di successo in 463 donne con PCOS sottoposte al trattamento IVM con la possibilità di 1.244 donne con PCOS che hanno seguito il classico processo di fecondazione in vitro.

READ  Vlaardingen pura e naturale: ben preparati per l'autunno

Nel gruppo complessivo delle donne con PCOS, il tasso di successo dopo la fecondazione in vitro (42,8%) era significativamente inferiore al tasso di successo dopo la fecondazione in vitro (63,8%). Poiché non tutte le donne con PCOS presentano gli stessi disturbi e vi è un'ampia variazione nella gravità della condizione, i ricercatori hanno poi determinato il tasso di successo del trattamento in funzione della gravità della condizione.

Sovrappeso e obesità riducono le possibilità di successo della gravidanza, ma le possibilità di successo del trattamento IVM sono aumentate quando è stata misurata la concentrazione di AMH della donna. Nelle donne con un’alta concentrazione di AMH e quindi con una forma pronunciata di PCOS, la possibilità di successo aumentava gradualmente quando venivano trattate con IVM, mentre diminuiva quando venivano sottoposte al trattamento IVF classico.

Professor Dr. Michel de Vos, capo del dipartimento di fecondazione in vitro a Bruxelles: “I nostri dati di successo mostrano che per un gruppo target specifico di pazienti con una forma chiara di PCOS e quindi con una maggiore riserva di ovociti, la possibilità di avere un figlio dopo la fecondazione in vitro è paragonabile.” Circa (differenza inferiore al 10%) con la possibilità di avere un figlio dopo la fecondazione in vitro, con la differenza importante che il trattamento IVM ha un impatto minore sul paziente: sono coinvolti meno ormoni e il paziente deve recarsi meno alla clinica della fertilità monitorare frequentemente il trattamento, cosa particolarmente importante soprattutto per le donne affette da sindrome dell’ovaio policistico.