QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Impegno di confinamento dello zoo: “Questo non fa bene alla salute degli animali”

Le preoccupazioni stanno crescendo nella fattoria per bambini De Beestenborg in città ora con il numero di animali infettati dal virus dell’influenza aviaria nel paese in aumento.

“C’era una prenotazione obbligatoria due settimane fa”, dice Marin, un membro dello staff dello zoo. “Per noi, questo significa che i visitatori non possono vedere o visitare gli animali. Gli animali sono nella loro gabbia. In realtà è come una specie di quarantena. Ci si sente abbastanza bene, perché significa che i nostri animali non possono entrare in contatto con gli animali selvatici uccelli che potrebbero essere portatori del virus dell’influenza “gli uccelli”.

Questo non fa bene alla salute di polli e anatre.
Ma secondo Marin c’è anche una nota a margine: “I nostri animali, poi parlando di polli e anatre, per esempio, non sono stati fatti per stare in un pollaio 24 ore su 24. Non fa bene alla loro salute. Devono andarsene fuori ai prati, e dovrebbero poter celebrare la vita.”. Nonostante il fatto che gli animali non siano attualmente visibili, questo non porta a domande da parte del pubblico: “La gente capisce. Molte persone hanno anche visto le immagini di quanto sia inquietante questo virus. Siamo anche molto felici che il virus non sia stato infettato qui. ancora. Devo sbarazzarmene immediatamente.

Influenza aviaria
L’Europa sta affrontando la più grande epidemia di influenza aviaria mai vista. Una malattia animale contagiosa è stata diagnosticata in dozzine di paesi europei e negli ultimi mesi sono stati abbattuti decine di milioni di animali. Anche molti uccelli selvatici sono infetti. La scorsa primavera ha parlato la fazione del Partito degli Animali Nel comune di Groningen, tutte le sue paure dopo la scoperta dell’influenza aviaria in un allevamento di pollame a Woltersum. “L’influenza aviaria è solo uno scherzo, quindi non si trasmette agli esseri umani”, ha detto il leader del partito all’epoca, Kirsten de Reddy. “I virologi stanno tremando per quello che sta succedendo in natura in questo momento”.

READ  Ricerca sul trattamento personalizzato del cancro del colon-retto metastatico

“È diventato più pericoloso e mortale”
De Weredy: “L’influenza aviaria una volta era un’influenza stagionale, ma ora è una pandemia. Non andrà via, rimarrà con noi. Inoltre, il virus è diventato altamente patogeno, il che lo rende più pericoloso e mortale. È diventando anche più pericoloso per le persone”. Allo stesso tempo, de Wrede ha avvertito dei grandi allevamenti di pollame: “Il virus ha avuto origine in tali allevamenti in animali geneticamente molto deboli. Il virus si trasmette facilmente attraverso questa azienda e ha molto spazio per mutare”.