QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Israele effettua attacchi aerei nel sud del Libano: “14 feriti” |  Il conflitto israelo-palestinese

Israele effettua attacchi aerei nel sud del Libano: “14 feriti” | Il conflitto israelo-palestinese

aggiornareL'agenzia di stampa libanese “NNA” ha riferito che lunedì l'esercito israeliano ha effettuato “diversi” attacchi aerei simultanei vicino alla città di Sidone, nel sud del Libano, come indicato da un fotografo dell'AFP.

Aspetto. Queste foto sono state diffuse sui social media dopo gli attacchi aerei

I raid hanno colpito la cittadina costiera di Ghaziyeh, a una sessantina di chilometri dal confine con Israele. Secondo la National News Agency, 14 persone sono rimaste ferite negli attacchi, “la maggior parte dei quali lavoratori siriani e palestinesi”. Fonti della sicurezza libanesi hanno affermato che gli attacchi hanno colpito un'area industriale.

Le riprese video diffuse sui social media mostravano una fitta colonna di fumo che si alzava su due luoghi diversi. Gli attacchi aerei hanno causato il panico a Ghaziyeh e i residenti sono scesi in strada spaventati. Sul posto sono arrivate anche diverse ambulanze.

Secondo Israele, gli attacchi hanno preso di mira depositi di armi nel sud del Libano e sono stati la risposta a un drone lanciato dagli Hezbollah libanesi verso Israele. Il drone si è schiantato vicino alla città israeliana di Tiberiade. Il portavoce dell'esercito Daniel Hajary ha detto: “In risposta a questa attività, abbiamo attaccato depositi di armi vicino a Sidone”.

Dallo scoppio della guerra tra Israele e Hamas, la milizia filo-iraniana Hezbollah prende regolarmente di mira Israele dal Libano

“Produciamo generatori di corrente”

Tuttavia, poco dopo la dichiarazione israeliana, la National News Agency ha riferito che gli israeliani avevano colpito una fabbrica di pneumatici e un impianto di produzione di generatori. Il canale libanese Al-Jadeed ha intervistato un uomo che ha affermato di essere il proprietario della fabbrica di generatori che ha preso fuoco alle sue spalle. “Produciamo generatori di energia”, ha detto. “La nostra azienda si chiama Infinite Power. Guarda, qui non vedi altro che generatori di energia e uffici. “

READ  L'Assemblea generale delle Nazioni Unite chiede di fermare le forniture di armi al Myanmar | all'estero

Il Ministero degli Esteri libanese ha esortato la comunità internazionale a condannare gli attacchi israeliani “in corso” e a fare pressione su Israele “perché fermi i suoi tentativi di trascinare il Libano in una guerra che il Libano vuole impedire”.

La violenza transfrontaliera si è intensificata mercoledì scorso quando Israele ha lanciato una serie di attacchi nel sud del Libano, uccidendo almeno 15 persone, tra cui 10 civili, secondo un conteggio dell’AFP. Gli attacchi sono stati effettuati in risposta a un attacco missilistico non rivendicato dal Libano contro una base militare nel nord di Israele, uccidendo un soldato.

Dallo scoppio della guerra tra Israele e il gruppo estremista palestinese Hamas il 7 ottobre, la milizia filo-iraniana Hezbollah ha regolarmente preso di mira Israele dal Libano. Israele risponde ai bombardamenti prendendo di mira obiettivi nel sud del Libano.

269 ​​morti

Secondo un conteggio dell'Agence France-Presse, per più di quattro mesi gli attacchi israeliani nel sud del Libano hanno provocato l'uccisione di almeno 269 persone, la maggior parte dei quali combattenti di Hezbollah, oltre a una quarantina di civili. Da parte israeliana, secondo l'esercito israeliano, le violenze sono costate la vita a dieci soldati e sei civili.


Leggi anche:

READ  “Le autorità considerano la mia macchina spazzatura”: un intero quartiere di Berlino si lamenta di una strana esperienza automobilistica | auto

L’esperto spiega perché Israele ha concesso ad Hamas altri 20 giorni: “Sanno che l’attacco a Rafah porterà a una catastrofe umanitaria” (+)

Stati Uniti e Israele hanno offerto 14 miliardi di dollari per aprire le frontiere e l’Egitto continua a dire no: “Se lo fai, Gaza finirà” (+)